Passa ai contenuti principali

Non sempre lavorare d'agosto è un male

Post sostanzialmente inutile, ma siccome a volte si pubblicano gli sfoghi, è giusto anche dare spazio a momenti sereni, che ne dite?


Comunque sì, lavorare d'agosto non è un male. Gli uffici stampa iniziano a chiudere, la cronaca non manca mai e le assenze altrui ti lasciano solo, ma paradossalmente non mi dispiace lavorare in solitaria, anche perché preferisco che sia io a scandire i tempi della mia giornata lavorativa. Ricordando il motto: chi fa da sé, fa per tre.

Mercoledì 9 agosto è stata una bella giornata, nonostante il ritorno del caldone estate 2017 style: temperature over 35°, vento mezzo scirocco e mezzo garbino, con umidità bassa, ma non bassissima.

Stamattina la responsabile di un ufficio mi ha detto che è un piacere avere a che fare con persone come me (a onor di cronaca anche dell'altra persona che era con me dall'altra parte dello sportello), è arrivato con grande celerità il doppio regalo per mio nipote ordinato su E-bay (gli piacerà tantissimo) e il buon Magnameli mi ha regalato la trendyssima maglia verde della locale squadra di calcio della passata stagione (addirittura è ancora con l'etichetta, in questo caso preferisco il nuovo al match worn). Inoltre mi aspetta una cenetta a base di cotolette impanate di pesce spada e c'è anche l'amichevole del Milan con il Betis Siviglia.

Tutto molto banale direte, ma va bene lo stesso.

Ah oggi è anche il compleanno di una persona per me speciale. Non so se sa che per me lei è speciale. Dovrebbe essere contenta di ciò, perché se c'è una persona che ti ritiene speciale, allora significa che vale la pena esserci. E festeggiare quel compleanno.

Simo, tvb. Ma non prendetemi per un bimbominchia. Scrivo tvb perché ti voglio bene mi fa paura scriverlo, figuratevi dirlo.

Commenti

  1. Eheh, un post molto tuo.
    Ho avuto l'onore di vedere il regalo :)
    Lavorare d'agosto? lo faccio da diversi anni, riesco per fortuna a ritagliarmi sempre degli spazi e dei giorni di riposo... ma sì, alla fine che male c'è^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse troppo mio :D E ho anche delle cosine in arretrato da finire e da punbblicare. Comunque viva il lavoro ad agosto, specie se dopo ferragosto dovesse arrivare un po' di correnti atlantiche ahhaha! E cmq w il 3 giugno 1991 XD XD

      Elimina
  2. Lavorare d'agosto è una pacchia... quasi quasi mi dispiace partire dopo ferragosto.. quelle sono le due settimane più guduriose per chi resta a Roma... in ufficio senza nessuna rottura, ma proprio nessuna...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace vedere altri adepti alla filosofia del lavorare d'agosto perché è una pacchia :D

      Elimina
  3. Certo, quando non c'è nessuno che rompe è sempre bello stare soli :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahh, in realtà la compagnia è ben accetta :D, ma diciamo che come spiego nel post, per certe dinamiche preferisco fare..da solo.

      Elimina
  4. Anche io preferisco generalmente non avere gente tra i piedi quando faccio qualcosa :-D quindi immagino che agosto sia ottimo per questo, però io il caldo non lo tollero ed in questi due mesi ne sta facendo troppo!
    Bravo per i complimenti che hai ricevuto, fa sempre piacere averne :) e complimenti anche perla maglietta regalo, cosa vuoi di più?xD

    Infine, auguri a Simo e spero un giorno potrai non abbreviare più le tre paroline

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaha, mi piacerebbe vedere la tua reazione davanti alla persona che ti dà uggio mentre fai qualcosa :D.

      Elimina
    2. Potrei averlo già scritto: quando ero a scuola negli ultimi mesi dell'anno scolastico (quelli estivi, quindi) ero incacchiata con tutti quelli che mi rivolgevano la parola xD Volavano zaini (i loro, ovviamente xD), occhiatacce e minacce che non avrebbero mai più ricevuto aiuto ai compiti xD
      Con Mizio sono più tranquilla ultimamente perché mi fa troppa tenerezza :-D
      Però quando comincerò a cercare lavoro sappiate che sarà una bugia bella e buona la frase cliché ch'è d'obbligo scrivere "propensa al lavoro di gruppo" xD

      Elimina
    3. Sei ggiovane: imparerai il lavoro di gruppo :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…