Passa ai contenuti principali

Film: "La città sconvolta: caccia spietata ai rapitori", l'anti-eroe e cowboy Luc Merenda

Amo alla follia il cinema italiano degli anni '70, primi anni '80. Di tutti i generi: horror e thriller in particolare, ma anche spaghetti western (anche se il genere iniziava ad essere in apparente declino), commedie, noir, film erotici, fino a qualche titolo trash diventato culto. E i polizieschi? Conosco poco il genere. Ma ci sono pellicole davvero degne di essere ricordate. Una di queste, viste in un caldo pomeriggio di agosto, è "La città sconvolta: caccia spietata ai rapitori".

Film del 1975 del regista di cult Fernando Di Leo, con protagonista Luc Merenda, narra il tragico rapimento di due bambini: il ricco Antonio e l'amico Fabrizio, intervenuto per aiutarlo. L'obiettivo dei sequestratori era solo il primo, allo scopo di estorcere un ingente riscatto al padre.

Il protagonista è Luc Merenda, padre in cerca di vendetta. L'anti-eroe per eccellenza: vuole giustizia, quella che non si ottiene nelle aule di tribunale, e non esista a sporcarsi le mani. Ma non si getta allo sbaraglio. Seppur accecato dal dolore, studia una strategia che gli permette di arrivare ai mandanti del sequestro. Si espone, rischiando, in prima persona. E riesce nel suo scopo. A differenza della Polizia, che come spesso accade in queste pellicole, brancola letteralmente nel buio.

Colella, interpretato da Merenda, mette a nudo le debolezze dei sequestratori, dai semplici "galoppini" fino ai mandanti. Si mostra ai suoi nemici come un uomo imperturbabile e cinico. Loro pensano che sia una reazione alla tragedia vissuta. Eppure in Colella non ci sono segnali di follia, al contrario c'è un incredibile lucidità che gli permette di portare a compimento la sua vendetta.

Il protagonista del film di Di Leo è il cowboy degli Spaghetti Western all'italiana. In lotta da solo, spietato e freddo, nonostante il cuore lacerato dal dolore. Non ha il cavallo, tuttavia è in sella ad una moto. Non è un caso.

E' importante sottolineare questa similitudine. Il genere spaghetti western infatti ha spopolato tra gli anni '60 e gli anni '70, ma per caratteristiche è cinema italiano tipicamente degli anni '70. E' stato solo in anticipo di qualche anno. Non a caso molti attori e registi hanno cambiato genere, ma mantenendo, pensate ai poliziotteschi, lo spirito di quei film. Ho scritto prima del declino degli spaghetti western. Ma non è stato declino: semplicemente era un filone esaurito. Il genere ha lasciato comunque un'eredità importante, che ha segnato il cinema italiano. Pensate ad esempio a Tomas Milian: divenuto "immortale" con "Er Pirata" ed "Er Monnezza", ma in precedenza protagonista di diverse pellicole western memorabili.

La lezione dello spaghetti western è presente anche in questo poliziesco, grazie al Colella di Luc Merenda. Ripeterò alla nausea la splendida metafora di Keoma: il bambino nato che simboleggia l'epoca nuova del cinema italiano e Keoma, il vecchio antieroe che parte e che ci lascia. Ma noi non lo dimenticheremo mai.

Commenti

  1. Grande film che in pratica abbiamo commentato in diretta :)
    Un caposaldo del poliziottesco e crime italiano.
    Per me imprescindibile, Luc Merenda divo di strada perfetto.
    Di Leo sommo maestro di regia.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un piacere scambiare i messaggi durante la mia visione :)

      SPOILER

      Come ti ho detto, la scena in cui arriva dai mandanti tutto calmo, ma alla domanda "dove sono i soldi?" , risponde "li ho bruciati" e tira fuori il mitra facendo una strage...è una scena fantastica. Così la sua vendetta finale sull'esecutore materiale dell'omicidio del figlio. *__*

      Elimina
    2. ricordo diaver visto tantissimi film western a casa dei nonni così come ho letto quasi tutti i fumetti di tex willer 8mio nonno era appassionato del genere) . Più che film all'italiana ho seguito molto le serie televisive polizzesche di Poncerello, starcky e huctc (si scrive così? ) e di Fonzie ,ne parliamo? Tomas Milian si, mi piaceva tantissimo , un poliziotto atipico e naif . che bei tempi...Buon fine settimana ciao !!

      Elimina
    3. Buon fine settimana a te Juliet :). Chissà se i tuoi nonni erano più patiti di western americani o di spaghetti western..c'è sostanziale differenza tra i due generi. Io invece non ho mai seguito quelle serie lì :), compreso il celebre Happy Days ;).

      Tomas Milian è stato un attore veramente poliedrico, io ricordo su tutti con affetto il Tony Roma di "Cane&Gatto" con Bud Spencer, pellicola molto meno importante di tante altre, ma uno dei classici della mia infanzia.

      Elimina
    4. Questo è un filmone, e poi il mitico Vittorio Caprioli che fa il commissario... mamma mia. "Non è che siccome mi chiamo commissario, devo sapere tutto, eccheccàzz!"

      Moz-

      Elimina
    5. Un'interpretazione di spessore, per non parlare della scena dell'obitorio...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…