Passa ai contenuti principali

Caldo storico estate 2017: come vi siete 'difesi'? Lo sopportate?

Quella dal 1 al 10 agosto è stata per molte zone di Italia l'ondata di caldo più intensa della storia.



Nel mio paesello, nella giornata di venerdì 3 agosto, la mia Oregon ha segnato la massima più alta da quando è in funzione: 39.6° (fortunatamente con umidità inferiore al 19%, il caldo torrido è più sopportabile dell'afa). In tante zone del riminese e della Romagna, la colonnina di mercurio ha superato agevolmente i 40°. In più, nei primi dieci giorni di agosto, la temperatura massima più bassa è stato un trentello raggiunto lunedì scorso.

L'estate 2017 contende a quella storica del 2003 il primato di estate più calda, almeno dalle mie parti. Il 2012 pare infatti essere destinato al terzo gradino del podio. Vedremo a fine estate.

Vedendo estati sempre più roventi, nella primavera del 2014 ho convinto i miei a installare l'aria condizionata a casa. Il tempo mi ha dato ragione (mai espressione è azzeccata come in questo caso). Il mio consiglio è quello di fare un investimento e di installarla nella vostra abitazione. Non credete agli allarmisti che vi dicono: "L'aria condizionata fa male". Anche il riscaldamento di inverno fa male, se lo si usa in modo non corretto. Basta impostare l'aria condizionata sui 23-25° e il gioco è fatto. Le macchine moderne hanno anche funzioni che permettono di regolare il flusso e di far sì che vada verso l'alto. Poi sì, meglio raffreddare bene prima di andare a letto, piuttosto che tenere acceso il condizionatore di notte.
Vanno inoltreevitati i ventilatori, che si limitano a muovere l'aria calda e umida presente nelle nostre abitazioni. Il condizionatore invece rinfresca e toglie l'umidità.

Ora chiedo a voi...Vi siete rotti le scatole di quest'estate bollente? Avete il condizionatore a casa e al lavoro? Come vi difendete dal grande caldo? Riuscite a sopportarlo bene?

Ovviamente, buon ferragosto a tutti. Sperando sia fresco e soleggiato, così nessuno è scontento.

Commenti

  1. Io SONO l'estate. Il caldo e il sole sono sempre stati la mia energia, e anche se per diverse notti ho SUDATO (una cosa quasi mai successa), va bene così.
    Ho passato un brutto inverno e allora ben venga il caldo, anche atomico.
    Mi sono messo a mollo in piscina e al fiume, per rinfrescarmi.
    A casa e al lavoro non ho condizionatori! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io da giovane adoravo l'estate, caldo e sole, non mi interessava il sudore. E in effetti l'inverno lo temo proprio per le nevicate: solo chi ha provato i "nevoni" sa il senso d'angoscia che trasmettono (per non parlare poi dei problemi concreti che ne derivano). Ma purtroppo le estati sono diventate roventissime :D

      Elimina
    2. A me la neve piace, ma se deve fare come a gennaio 2017 allora si stesse a casa XD

      Moz-

      Elimina
    3. Anche a me non dispiace ogni tanto una spruzzatina e qualche cm, ma appunto i nevoni..rompono i co... :D

      Elimina
  2. Ho sempre sopportato il caldo, ma quest'anno è stato davvero difficile, soprattutto avendo solo due ventilatori..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ventilatori flop condizionatori top :D. Buon ferragosto Peter!

      Elimina
  3. qui da noi l'afa e l'umidità batte parecchio e mai come questìann0 è insopportabile. Quasi come l'estate del 2003 , aspettavo mia figlia ,ero al sesto mese . Si, ho il condizionatore, non da molto ed è stata una decisione dettata dalla disperazione. Odio l'estate perché non si sta mai bene, lavori male la pelle è sempre umidiccia e i capelli legati . la mia stagione ideale inizia a Settembre ,con i colori e i profumi di un autunno alle porte :) Buona giornata Juliet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Juliet, buona giornata a te :). Sì, l'estate di quest'anno è praticamente una sorta di fotocopia del 2003 (anche se quell'anno il caldo iniziò in molte zone e a inizio maggio). In verità io sopporto bene anche giornate con temperature max. sui 32-33 gradi, purché la sera si scenda :D. Poi sì, è in aumento il numero di persone che amava il caldo e l'estate, ma inizia a non sopportare più il boccheggiare...poi va beh, c'è il capitolo siccità che per l'agricoltura è terribile..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…