Passa ai contenuti principali

Caldo storico estate 2017: come vi siete 'difesi'? Lo sopportate?

Quella dal 1 al 10 agosto è stata per molte zone di Italia l'ondata di caldo più intensa della storia.



Nel mio paesello, nella giornata di venerdì 3 agosto, la mia Oregon ha segnato la massima più alta da quando è in funzione: 39.6° (fortunatamente con umidità inferiore al 19%, il caldo torrido è più sopportabile dell'afa). In tante zone del riminese e della Romagna, la colonnina di mercurio ha superato agevolmente i 40°. In più, nei primi dieci giorni di agosto, la temperatura massima più bassa è stato un trentello raggiunto lunedì scorso.

L'estate 2017 contende a quella storica del 2003 il primato di estate più calda, almeno dalle mie parti. Il 2012 pare infatti essere destinato al terzo gradino del podio. Vedremo a fine estate.

Vedendo estati sempre più roventi, nella primavera del 2014 ho convinto i miei a installare l'aria condizionata a casa. Il tempo mi ha dato ragione (mai espressione è azzeccata come in questo caso). Il mio consiglio è quello di fare un investimento e di installarla nella vostra abitazione. Non credete agli allarmisti che vi dicono: "L'aria condizionata fa male". Anche il riscaldamento di inverno fa male, se lo si usa in modo non corretto. Basta impostare l'aria condizionata sui 23-25° e il gioco è fatto. Le macchine moderne hanno anche funzioni che permettono di regolare il flusso e di far sì che vada verso l'alto. Poi sì, meglio raffreddare bene prima di andare a letto, piuttosto che tenere acceso il condizionatore di notte.
Vanno inoltreevitati i ventilatori, che si limitano a muovere l'aria calda e umida presente nelle nostre abitazioni. Il condizionatore invece rinfresca e toglie l'umidità.

Ora chiedo a voi...Vi siete rotti le scatole di quest'estate bollente? Avete il condizionatore a casa e al lavoro? Come vi difendete dal grande caldo? Riuscite a sopportarlo bene?

Ovviamente, buon ferragosto a tutti. Sperando sia fresco e soleggiato, così nessuno è scontento.

Commenti

  1. Io SONO l'estate. Il caldo e il sole sono sempre stati la mia energia, e anche se per diverse notti ho SUDATO (una cosa quasi mai successa), va bene così.
    Ho passato un brutto inverno e allora ben venga il caldo, anche atomico.
    Mi sono messo a mollo in piscina e al fiume, per rinfrescarmi.
    A casa e al lavoro non ho condizionatori! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io da giovane adoravo l'estate, caldo e sole, non mi interessava il sudore. E in effetti l'inverno lo temo proprio per le nevicate: solo chi ha provato i "nevoni" sa il senso d'angoscia che trasmettono (per non parlare poi dei problemi concreti che ne derivano). Ma purtroppo le estati sono diventate roventissime :D

      Elimina
    2. A me la neve piace, ma se deve fare come a gennaio 2017 allora si stesse a casa XD

      Moz-

      Elimina
    3. Anche a me non dispiace ogni tanto una spruzzatina e qualche cm, ma appunto i nevoni..rompono i co... :D

      Elimina
  2. Ho sempre sopportato il caldo, ma quest'anno è stato davvero difficile, soprattutto avendo solo due ventilatori..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ventilatori flop condizionatori top :D. Buon ferragosto Peter!

      Elimina
  3. qui da noi l'afa e l'umidità batte parecchio e mai come questìann0 è insopportabile. Quasi come l'estate del 2003 , aspettavo mia figlia ,ero al sesto mese . Si, ho il condizionatore, non da molto ed è stata una decisione dettata dalla disperazione. Odio l'estate perché non si sta mai bene, lavori male la pelle è sempre umidiccia e i capelli legati . la mia stagione ideale inizia a Settembre ,con i colori e i profumi di un autunno alle porte :) Buona giornata Juliet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Juliet, buona giornata a te :). Sì, l'estate di quest'anno è praticamente una sorta di fotocopia del 2003 (anche se quell'anno il caldo iniziò in molte zone e a inizio maggio). In verità io sopporto bene anche giornate con temperature max. sui 32-33 gradi, purché la sera si scenda :D. Poi sì, è in aumento il numero di persone che amava il caldo e l'estate, ma inizia a non sopportare più il boccheggiare...poi va beh, c'è il capitolo siccità che per l'agricoltura è terribile..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…