Quattro canzoni che hanno segnato momenti tristi della mia vita

Momenti di vita vissuta, non necessariamente periodi, momenti di tristezza e di sofferenza. Ecco quattro canzoni che hanno segnato quei momenti.

DOVE STA IL POETA Massimo Ranieri

Semisconosciuta canzone di Massimo Ranieri, contenuta nel disco di "Perdere l'amore". Tra i 15 e i 18 anni ho messo le basi della mia passione per De Andrè (conosciuto in gioventù, ricordate?), ascoltando assiduamente i suoi brani e studiando i suoi testi. Ma in quel periodo ho anche recuperato tanta musica italiana, che d'altra parte aveva accompagnato la mia infanzia. "Dove sta il poeta" la canticchiavo spesso a 18 anni. Sia chiaro: nessuna ragazza che mi ha abbandonato ed è poi tornata, solamente dopo essere stata scaricata dal suo poeta (il tema della canzone di Ranieri). Il poeta, nella mia mente, era invece simbolo di quell'eccellenza e quella superiorità manifestata da altri e che generava una pressione che faticavo a sopportare (non sto parlando di risultati scolastici, sia chiaro!). Un'eccellenza e una superiorità morale che però alla fine dei conti era inconsistente. Per cui, dove sta il poeta? Dove sta questa presunta superiorità morale? E perché in tanti si erano fatti sedurre dalla poesia?

ETERNAL FLAME Bangles

Ohibò, una canzone del 1989: quale momento triste può essere mai stato vissuto da un bimbo di 6 anni? In realtà i fatti risalgono alla terribile prima parte del 2004. Da ventenne, grazie agli mp3, riscoprivo vecchi successi degli anni '80. E spuntò fuori anche questo brano, che l'anno prima Shakira aveva mezzo scopiazzato, pardon campionato, per "Underneath your clothes". La dolce ballata peraltro parla positivamente di amore, quindi dovrebbe essere associata a un momento felice. E invece...Il mio era un sentimento forte, una fiamma potente, ma purtroppo ravvivata solo da me. La fiamma era destinata a spegnersi, la mano a sfiorare il vuoto. Destino. E questa canzone risuonava nelle mie orecchie...

BASTERA' Db Boulevard feat.Alessio Ventura

Sanremo 2004: l'ex frontman dei Dhamm, tagliati i lunghi capelli da rocker, si presentò sul palco dell'Ariston accompagnando i Db Boulevard, producer di pop dance in voga nei primi anni del nuovo Millennio. Basterà è un brano rock melodico senza il successo che avrebbe meritato. "Dimmi quanto pesa per te il silenzio che c'è", "Dimmi quanto vale, il passato dov'è". Nelle intenzioni dell'autore sono frasi che un innamorato pronuncia alla sua ex fidanzata, ma - come avviene per ogni testo - sono frasi che possono benissimo associarsi anche ad altre situazioni. L'assolo finale, poi la speranza: "Spazza via la prudenza e mostrati fin dentro l'anima, ora e ancora"; tuttavia la canzone si spegne lentamente sulle parole "un po'", lentamente e dolcemente. Come il mio spirito, che in quel periodo a cavallo tra l'inverno e la primavera del 2004 si stava dissolvendo nel silenzio.

ALWAYS Suburbia

Brano contenuto nel videogioco Fifa 2004, che acquistai nell'estate dello stesso anno. Il gioco è per me ancora un must, come l'edizione 2005, ma è un must soprattutto la ricca colonna sonora. Negli anni successivi uno dei miei cd preferiti era quello in cui avevo inserito le canzoni più belle dei due videgiochi, visto che la musica era la fedele compagna dei viaggi in treno verso Bologna. "Always" è un'altra rock ballad, di uno sconosciuto gruppo scozzese (Suburbia) che rappresenta il meraviglioso incoraggiamento di un innamorato alla propria fidanzata: lui ci sarà sempre e cercherà sempre di farla ridere, di tirarla su quando è a terra. Il mio caso era diverso. La frase chiave era "Always I wanna make your smile". E' una delle cose più belle della vita: fare ridere e fare sorridere una ragazza. E del sorriso di quella ragazza, non mi sarei mai stancato. Avrei voluto vederla ridere per tanto, forse per sempre. Ma ho capito presto che il suo sorriso non era destinato al mio sguardo.

Commenti

  1. Vado tipo a tagliarmi le vene (anzi, ora leggo l'articolo sulle canzoni felici) XD
    Ammazza, qua tra me e te facciamo a gara con le delusioni d'amore, mi sa :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no dai, non è un post così triste :D

      Elimina
  2. Non ne conosco nessuna :-/
    Comunque hai ragione, non è un post così triste ^.^
    Pensavo di leggere tipo

    Non dirgli mai- Gigi D'Alessio
    Questa canzone mi ricorda dei pomeriggi passati a piangere sotto la pioggia da solo...
    XD

    Comunque per quanto riguarda le fiamme che non sono state e potevano essere, forse è stato meglio così. Io di molti desideri che si sono avverati, col senno di poi, avrei fatto pure a meno...giusto ti può rimanere il pallino di dire "e se.."
    Ma cos'è successo nel 2004?^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai infatti, io non sono tipo triste XD, solo un po' malinconico. Di sicuro è come dici tu, una cosa irrealizzata avrebbe portato cose buone, ma probabilmente anche cose cattive.

      Il terribile inizio di 2004? Chissà, un giorno avrò la faccia tosta di raccontarvi tutto :D

      ps vedrai che post curioso il 21 giugno!

      Elimina
    2. Non mettermi pulci nelle orecchieeee xD
      Segnato nel mio hard disk personale xD

      Elimina
    3. pulc, pulc, pulc (come in quel vecchio spot) :D
      oggi dal dottore c'era una ragazzetta con degli short che definire inguinali era un complimento :D oserei dire indecente :D

      Elimina
    4. Ed io che mi costringo anche d'estate nei jeans caldissimi e lunghiiii per pudore :-/
      Basta, st'estate mi ribello!

      Elimina
    5. ahhahaha anche l'eccesso opposto è sbagliato :D come faaaiiiiiii io d'estate ribollo se non ho i polpacci liberi. Ma voglio precisare: è una delle poche cose buone dell'estate lo scarno abbigliamento femminile :D. Ciò detto un pantaloncino che mostra la parte inferiore delle chiappe è un eccesso :D a meno di essere al mare.

      Elimina
    6. Mah, sono immotivatamente complessata xD
      Poi pare brutto andare così all'università ad esempio. E poi i ragazzi paiono allupati e mi devo coprire o assicurare che non sia nuda xD
      Forse solo al mare ci vado coi pantaloncini, ma quello è niente rispetto al fatto che non so comprare i costumi xD

      Elimina
    7. Guarda, a scuola in teoria è concessa solo la manica corta, magari tollerati i pantaloncini corti (ma non cortissimi) purché non siano gli esami di maturità. All'università noi finivamo le lezioni a maggio, non c'era questo problema :D gli esami andare in short penso sia sconveniente XD.

      Comunque quando ho letto allupati mi sono fischiate le orecchie XD.

      Ma quando ho letto "che non sai comprare i costumi" mi si sono "intrecciati i diti" (cit. Fantozzi). I costumi non bisogna saperli comprare :D bisogna solo metterli :D

      Elimina
    8. santa pace, povero Maurizio :D

      Elimina
    9. Alle superiori avevo una prof che non permetteva (tanto ai maschi, tanto alle femmine) i pantaloni corti, le bratelle, le scarpe aperte e così via. La scuola accanto alla mia (il magistrale), invece, pullula(va) di ragazze (e giuro, non scherzo) con minigonne, calze a rete e tacchi alti. Cioè boh xD

      All'università è capitato che il mio prof preferito (*.*) sgridasse un povero spagnolo che all'esame era in pantaloni al ginocchio. Gli disse "giovanotto non siamo al mare qui!". Io avevo una maglia a fascia e per un momento pensai "mo mi fa fare na figura di me**a epica allo stesso modo". Invece no XD

      I costumi femminili vanno saputi comprare o rischi di rimanere mezza nuda, in un modo o nell'altro xD
      Mica come voi che vi mettete un paio di mutande e ciao xD

      Elimina
    10. Le bretelle? Ma chi le usava :D? Insomma, la scuola vicina alla tua era una scuola interessante :D. Spero sia ancora così (anche se le calze a rete son flop per me).

      Son dovuto andare a cercare su google maglia a fascia :D. Approvo :D.

      Questa prospettiva del costume femminile la sento oggi per la prima volta :D. Pensavo la priorità fosse "come mi sta", "il colore", ecc.





      Elimina
    11. Muoio dal ridere xD non le bratelle stile Asterix ed Obelix xD
      Intendevo le canottiere e simili xD
      Non so più come sia il magistrale, so che le odiavo quasi tutte quelle ochette xD

      Per me non esiste il colore che mi piace, il modello, ecc :(
      Esiste quello che non mi lascia nuda e basta xD
      Quindi no triangolo, no costume a fascia, no lacci al collo. Poi però mettici che non mi piacciono le fantasie, soprattutto quelle floreali o stile damasco :-q ma non mi piace neanche il bianco perché io sono bianchissima e si mimetizzerebbe...
      Ah, poi dobbiamo combinare anche il fatto della taglia scomponibile tra pezzo di sopra e pezzo di sotto...
      Insomma niente, non mi resta niente xD

      Elimina
    12. Quello con i lacci al collo è la prima volta che sento dire che potrebbe tradire la sua proprietaria :D

      Elimina
    13. Io lo trovo di una scomodità indicibile. Meglio il classico costume xD

      E comunque ribadisco: beati voiiii

      Elimina
    14. ahhah dai allora un bel classico costume :D

      Elimina
    15. Comunque il 21 Giugno ho un esame importante, se non mi va bene è meglio che il tuo post sia una bomba xD

      Elimina
    16. In bocca al lupo ^_^ (dai è carino :D)

      Elimina
    17. Crepi xD sarò curiosa di leggere allora ^.^

      Elimina
  3. Ciao Riky.
    Ma dico si tratta di diversi anni fa...ed il ricordo non svanisce, lo so.
    Ed ora? Cosa ci nascondi...innamorati presto che sono curiosa...ahahahah...
    Abbraccio grande e non perdere mai la tua stupenda sensibilità. ;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le belle parole :) un po' di carburante all'autostima fa sempre piacere :D.

      per il resto che dire...forse quando trovo l'anima gemella, il mio doppio arriverà ad uccidermi perché non sarò più io?

      Elimina
  4. In realtà Paola parla parla di Giggggggi D'Alessio ma, in realtà... le conosce TUTTE A MEMORIA le sue canzoni... quindi, la conclusione traila tu.... ^^

    Quanto alla discussione sui costumi... direi che è stato... "educativo" (per citare il mio film preferito)... oltre che enormemente noioso (ma non per colpa tua, sia chiaro ^^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio lo sai che ti leggo sempre ovunque, si? -.- -.-

      Elimina
    2. ahhahaha, ci credo che la discussione sui costumi è stata noiosa...per te è un incubo :D visto che la pigli tu la tragedia della scelta :D già fare lo shopping con le donne è una cosa faticosa, mi metto nei tuoi panni.

      Elimina

Posta un commento