Passa ai contenuti principali

Moby Dick

Divinazione capitolo 1

Cammino per la strada principale del mio paese, è quasi l'alba. Ne costeggio il bordo, ma potrei benissimo camminare in mezzo: non c'è traccia di automobili. Non c'è traccia di persone. E neanche il cane del mio vicino c'è, il recinto è vuoto.

Sto sognando, me ne rendo conto dalla felpa che indosso, con il cappuccio alzato. Le felpe con il cappuccio le ho infatti bandite dal mio guardaroba. Ed è così innaturale questo scorcio di N.: è così grande, vuota. Ma non solo. I miei sensi sono sviluppatissimi. Ho tolto gli occhiali. Non servono, ho una vista da falco. Percepisco suoni, anche lontani. Un formicolio attraversa le mie braccia e le mie gambe. Potrei camminare per ore e ore, non sentirei la fatica.

Passo davanti casa della bella morettina che incrocio ogni mattina. Mi piacerebbe fermarla, dirle che è una bellissima ragazza. Vedere finalmente il suo sorriso: invidio chi ha avuto questo privilegio.

Ma non la fermerò mai. Né lei, né altre ragazze bellissime che conosco. Non desidero passare per uno spasimante o uno stalker, il confine tra le due cose è molto labile. Non voglio conquistare il loro cuore, non sono all'altezza e ad ogni modo non posso dire che ne valga la pena. Mi basterebbe solo conquistare un loro sorriso, un pensiero affettuoso, nulla di più.

Vedo finalmente, in fondo alla via, la figura di un uomo statuario, messo in risalto dalla luce di un lampione. E' vestito come un esploratore del medioevo, o qualcosa del genere: cotta di maglia, pantaloni, stivali, un ampio mantello. Le braccia sono nude, fatta eccezione per dei preziosi bracciali. Si gira leggermente verso di me e vedo finalmente il suo volto. Ho un brivido.

Il suo volto è il mio volto. La pelle è però priva di imperfezioni, tranne una cicatrice che solca parte della fronte e del sopracciglio sinistro. La barba è regolare, scura. Gli occhi sono cerulei, i capelli sono folti, grigi, raccolti in una coda alta.

"Bada a te, se ti innamorerai", mi dice lo sconosciuto. Chiude gli occhi e si dissolve, mentre un altro brivido attraversa la mia schiena.

Commenti

  1. Uh, mo voglio sapere come continua.
    E soprattutto, se ti innamori :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è sapere come e se finisce XD

      Elimina
    2. Beh, tutti siamo sempre bloccati nello scrivere^^

      Elimina
    3. già! Però nel mio caso ha più importanza ogni capitolo del totale della storia :D

      Elimina
  2. L'inizio ha il suo perchè, vediamo come preosegue ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :P sono curioso del commento della tua metà :D

      Elimina
    2. Ti dirà che devi aggiungere qualcosa di splatter, per accontentare i suoi gusti ^^

      Elimina
    3. Ah aspetta, questa cosa dello splatter mi era sfuggita XD.

      Elimina
  3. Il post è scritto molto bene e la storia è interessante.
    Però mai permettere a nessuno di dirti che non devi innamorarti. Era la parte di te che forse sta pensando di volerlo fare ma viene frenata da "e se", "ma"...Invece non esistono se e ma in amore. Esisti che ti butti e se va male pazienza, mica si muore, ma se va bene ne varrà la pena :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per i complimenti :P

      Chissà chi è lo sconosciuto: in fondo siamo in una dimensione onirica. :D

      Elimina
  4. Complimenti! Voglio il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille :) a breve arriverà (e' già caricato nel pannello :D)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…