Passa ai contenuti principali

Aforismi sui segni zodiacali, il profilo dei Gemelli concide con il mio?

Una cara amica mi gira su Whatsapp una serie di aforismi sul segno dei Gemelli, il segno zodiacale che condividiamo. Ma davvero questo profilo coincide con il mio? Vediamo.
Quando un Gemelli fa una battuta, è il primo a ridere: vero, sono un tipo a cui piace fare battute e a ridere di esse, anche se le battute riguardano il sottoscritto.

Se un Gemelli fosse un bimbo, sarebbe certamente il più curioso: verissimo, da bambino ero curioso, ma lo sono anche oggi. La mia è però una curiosità positiva: non è finalizzata al dover pensare o parlare male. Mi piace conoscere le cose, mi piace conoscere le persone. Senza preconcetti e senza naturalmente la presunzione di voler giudicare. Anzi, se fosse giudice di Tribunale, la assoluzioni sarebbero la maggioranza assoluta delle mie decisioni.

Capire realmente un Gemelli è difficile: vero, abbiamo una personalità piuttosto complessa. Ci sono persone lunatiche. Io non lo sono, ma è vero che spesso in me convivono due persone, talvolta differenti. E una delle due tende ad essere repressa dall'altra.

Un Gemelli saprà sempre come sorprenderti: in senso positivo o negativo? Farei rispondere agli altri. La maggioranza direbbe di no, però secondo me non è la risposta giusta. In fondo dicevo delle due persone che convivono: quando quella più nascosta esce fuori, è una sorpresa, no? (vi rassicuro, non parlo di istinti omicidi o di doppi alla Twin Peaks...)

Gemelli: quel tipo di persona che passa da incazzato a tranquillo in un batter d’occhio. Verissimo, anche perché l'incazzatura non fa guadagnare nulla.

Gemelli: non può stare accanto a persone che non sanno tenere una conversazione
. Verissimo, sono un tipo a cui piace parlare e ascoltare.

Un Gemelli è molto sarcastico, ma ti sarà vicino nei momenti di necessità. Vero: certo non ho molto da dare nei momenti di necessità, ma quel che posso dare, non lo faccio mancare.

Un Gemelli non può seguire la massa. È unico, non può. Vero: mi sento un tipo in direzione contraria nel vero senso della parola, nel tentativo di affermare me stesso per come sono.

Gemelli è tra i segni più ansiosi. Decisamente: sento di dover pianificare ogni cosa, mi muovo sempre in anticipo per questo, perché affrontare l'imprevisto mi manda in panico.

Un Gemelli è un investigatore per definizione.
Vero: ho già parlato della curiosità e l'investigazione è strettamente connessa. Per farla servono comunque tatto e discrezione.

Prima di addormentarsi, un Gemelli si fa tanti di quei film mentali…: sì e no. Personalmente non esagero con le elucubrazioni notturne. Certo che i pensieri notturni non sono mai filtrati: se ci si alzasse e ci si mettesse al computer, sì che verrebbero fuori dei post particolarmente interessanti. Probabilmente, di notte, emerge la seconda parte della personalità di noi gemelli.

Puoi conoscere un Gemelli, ma non conoscerai mai tutta la sua storia: già, indubbiamente. Una storia che tutto sommato andrebbe raccontata. E forse varrebbe la pena leggere o ascoltare.

Commenti

  1. Nutro da sempre profonda perplessità per tutto quello che riguarda il mondo astrologico ("L'astrologia è la figlia pazza dell'astronomia" diceva Voltaire, a mio avviso cogliendoci in pieno). Leggo le caratteristiche elencate sopra.. se le affianchi a qualsiasi altra persona col suo segno zodiacale puoi azzeccarci 9 volte su dieci.. ihih

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma infatti...è un gioco e va preso come tale :)

      Elimina
  2. Beh, allora raccontaci la tua storia!! ;)
    Ho avuto a che fare coi Gemelli, e certe volte... hai presente Saga dei CdZ? Ecco, bipolarismo allo stato puro.
    Spero tu non rientri nella categoria XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Bipolarismo e è un'esasperazione della doppia anima di un Gemelli. Lì significa proprio essere due persone, due caratteri diversi. Nel mio caso si tratta solo di un aspetto più nascosto della stessa personalità

      Elimina
  3. È una bellissima idea questa del post, Riccardo ^.^
    Ha ragione Franco, anche io sono diffidente sull'oroscopo però hai ragione anche tu sul fatto che sia un gioco e ti devo dire che quando leggo le cose che riguardano gli Scorpioni resto esterrefatta...credimi, chi mi conosce e senza leggere prima di che si tratta, capirá immediatamente che sono io XD e questo fa fare tante risate :-D

    Comunque anche la mia mamma è Gemelli ed ora che ci penso anche la mamma di Maurizio. E pure una delle mie amiche più care *.*
    Sono circondata dai Gemelli ^.^ ci vado abbastanza d'accordo, anche se mamma è una persona più pacata e meno curiosa di te. Però anche lei fa battute e ride per prima (spesso prima ed unica ahah), vero sulla storia e vero sul sarcasmo :)

    Insomma, quindi noi due condividiamo l'amore per l'investigazione e la curiosità XD bene, bene, bene...ti ingaggio per l'agenzia di detective ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo nick da detective sarà Deneuve, il mio Eraldo Coil :D che ne dici?

      Sì, la curiosità, se è appunto positiva e non finalizzata alla maldicenza, secondo me è davvero una dote

      Elimina
  4. Io non credo molto nei segni, anche perchè mi pare complicato pensare che, allora, dovremmo dividere tutta la popolazione mondiale in 12 categorie, alle quali tutti i giorni succedono determinate cose e che hanno lo stesso carattere :) Credo, però, che sia vero che, in un qualche modo (magari legato ai nostri primi mesi di vita, nascendo in un dato periodo?), certe "influenze" il segno zodiacale le abbia. O almeno, in Paola ne ho ritrovate molte di "scorpionosità", anche a livelli top devo dire ^^ E in me per quel che riguarda il Toro.
    In ogni caso, non ti conosco personalmente però è vero che i Gemelli sono così, mia mamma (come ha scritto Paola, e anche la sua) è dei Gemelli ed è molto vicina a questa descrizione... soprattutto per le ansie :DDDDD ma no, anche (soprattutto, davvero) per la curiosità, i sorrisi, i "segreti", l'interiorità spiccata... è un bel segno, dai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì confermo :D noi gemelli siamo un bel segno

      Elimina
  5. Un gemelli non può seguire la massa... niente di più vero, secondo me, stando almeno ai gemelli che conosco.
    Vi dovete sempre distinguere dagli altri! 😉
    Un gemelli non può stare accanto a persone che non sanno tenere una conversazione... vero anche questo... per quanto piace parlare, domandare è ascoltare a me, se non fosse vero il mio compagno non starebbe con me!
    Però non vi facevo così ansiosi!
    Bellissimo post! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per aver letto questo post :P ci tenevo molto! Quindi anche il tuo lui è un po' ansioso? :D

      Elimina
    2. Mi fa sempre piacere leggerti! 😊
      No no... lui l'ansia non sa neppure cosa sia... quella ansiosa sono Io! 😉

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…