Passa ai contenuti principali

Twin Peaks diventa Twin Pipps, la celebre parodia di Topolino

Su Topolino 1917, dell'agosto 1992, uscì una strepitosa parodia de "I segreti di Twin Peaks". La sceneggiatura fu affidata a Mario Volta, i disegni al bravissimo Roberto Marini.
Una pietra miliare della televisione non poteva non essere presa in considerazione dal fumetto italiano più famoso. Le atmosfere inquietanti del paesino al confine tra Canada e Usa, che nasconde più di un segreto, lasciano spazio ad un'ambiente più rassicurante. Il fumetto inizia con una citazione (il famoso cartello che accoglie a Twin Peaks). I picchi gemelli lo sono letteralmente: nella pietra sono scolpiti i volti dei gemelli Pipps, parenti di Pippo che fondarono la cittadina e soprattutto l'industria dolciaria che fa da traino all'economia del paese intero (come la nota segheria di Twin Peaks). Topolino e Pippo arrivano a Twin Pipps in aiuto dello sceriffo Truman, per risolvere il mistero della scomparsa (non morte) di Lalla Talper, che è la figlia del direttore della fabbrica. Solo lei, il padre e il dottor Topoby conoscono la ricetta segreta della crema di Twin Pipps, che rende inimitabili e irresistibili i dolci prodotti nella fabbrica.

Ma quali personaggi sono presenti in questa rivisitazione "topesca" dell'opera di Lynch?

SCERIFFO TUPER: controparte dello sceriffo Truman. Rispetto all'originale acquista un paio di baffi.

TAPPY BILL: è il vicesceriffo, controparte di Andy Brennan. Se l'originale era un poliziotto molto sensibile, che si scioglie in lacrime sulla scena del crimine, Tappy è un personaggio che non rinuncia mai alla battuta e alla risata, prendendosi anche una lavata di capo dallo sceriffo Tuper.

LEONSON: simpatica rivisitazione del cattivo Leo Johnson. Come lui è un camionista: é l'addetto al trasporto dei dolci di Twin Peaks. "Ha un carattere violento e ha avuto guai con la legge", ci spiega lo sceriffo Tuper. Come Johnson ha i capelli lunghi (ma non raccolti con il codino) ed è rappresentato con una grossa massa muscolare. Confessa con rabbia di odiare i dolci di Twin Peaks. L'indiziato numero 1 per il ruolo di colpevole. Sarà come nel telefilm?

IL PADRE DI LALLA: non viene nominato per nome. Ha un aspetto molto diverso da Leland Palmer: è un topo umanoide, con occhialini e pelata. E' un personaggio secondario.

DOTTOR TOPOBY: il dottor Jacoby nella versione di Topolino non è uno psicologo, ma è il responsabile della mitica fabbrica di dolci di Twin Peaks. E' un topo con capelli arancione. Al posto della barba ha un paio di baffi. Gli occhiali purtroppo non hanno le lenti bicolore.

LONTHRE: è il proprietario dell'albergo in cui soggiornano Topolino e Pippo. E' la controparte di Benjamin Horne. Anche lui diverso fisicamente rispetto all'originale: pelata, capelli arancione ai lati piuttosto folti.

LA FIGLIA DI LONTHRE: non viene nominata per nome. Audrey Horne e Donna Hayward rivivono nello stesso personaggio. La bionda è la fidanzata di Lup Griggs e amica del cuore di Laura (ruolo che nella serie era appunto di Donna, non di Audrey).

LUP GRIGGS: il fidanzato della figlia di Lonthre, controparte di Bobby Briggs. Ricorda molto nell'aspetto Lusky, il segretario di Rockerduck. E' un personaggio secondario e appare in una scena che è una citazione di quanto accade nell'episodio pilota: il video che ritrae Laura Palmer assieme a Donna, ripreso da un terzo misterioso personaggio, su cui indaga l'agente Cooper.

LA SIGNORA DEL TRONCHETTO: simpatica parodia della signora del ceppo. Va in giro con un tronchetto perché "è molto freddolosa e quel pezzo di legno le dà sicurezza", spiega lo sceriffo Tuper a Topolino. Aiuterà il protagonista nell'indagine.

LA SIGNORA TORTELL: controparte di Catherin Martell, anche nel fumetto è un personaggio negativo. Ha aperto una sua fabbrica di dolciumi per fare concorrenza a quella in cui lavora la Talper, ma ovviamente senza raggiungere il successo.

Come finisce i segreti di Twin Pipps? Vi posso dire che non esiste la controparte di Killer BOB. Chi sarà dunque il colpevole? Il lieto fine è comunque garantito.

Commenti

  1. Ricordo benissimo questa parodia, che avevo e che ho avuto modo di rileggere anche qualche tempo fa.
    Era impossibile prescindere da TP, pensa che la Disney ha fatto pure la parodia di Rivombrosa, figuriamoci di Twin Peaks! :)
    Il colpo di classe sarebbe... fare una seconda storia in concomitanza con la terza stagione. Come una continuazione di questa! Ritorno a Twin Pipps!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari qualche altra citazione mi è sfuggita :). Comunque quelli di Topolino sono stati bravi: in effetti ora sono meno efficaci in questo tipo di parodie. Magari fanno una cosa più simile all'originale, ma era sicuramente più interessante vedere i personaggi originali topolinizzati e calati in un contesto topolinesco, piuttosto che vedere personaggi di Topolino inseriti nel contesto della serie che vanno a parodiare.

      Elimina
  2. Passi TP che non ho mai visto ma, come dicevo a Moz da lui, guardando una pubblicità/trailer ho pensato mi potrebbe piacere. Però pensare la versione Disneyana di Elisa di Rivombrosa...non so se mi affascina o mi inquieta di più. Un misto di ribrezzo ed ammirazione insieme xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto Elisa di Rivombrosa, quindi non ho colto l'essenza della parodia. Ciò detto, la parodia Disney era veramente brutta (perdonami carissima Ziche, ciò non toglie nulla alla tua validissima produzione Disney).

      Elimina
    2. Allora era fatta bene: anche l'originale era veramente brutto :-Q

      Elimina
    3. ahhaah ah ecco, come si suol dire, il materiale a disposizione era questo..ma a te Preziosi faceva battere il cuore :D?

      Elimina
    4. Forse ho perso il commento xD Lo riscrivo.

      Caro Riccardo, mi stai dddiludendo (cit. Bastianich). Ti pare il mio tipo quello? Proprio per niente :-Q

      A parte che non ho un tipo, io xD mi piace la mente *.* per quanto riguarda il mondo dello spettacolo io da quando sono piccola ad ora ho sempre e solo avuto un unico amore, il quale rappresenta la bellezza come piace a me: Tizianoooo.
      Ma proprio perché mi piace mentalmente *.*
      Infatti Maurizio è diversissimo da lui xD

      Elimina
    5. ahhaha scusami, il battere il cuore era semplicemente per dire "ti piaceva dal punto di vista fisico, per cui ti piaceva vederlo in televisione". Niente di più, niente di meno XD.

      Quindi Maurizio non ti fa vocalizzi Paooooolaaaaaaaaaaaaaaaaaa oh Paoooolaaaaaaaaaaa

      Elimina
    6. Non mi piaceva per niente :-/
      Non mi piacciono i tipi dalla bellezza canonica. Ad esempio, mi affascina Dottor House *.* o Ryan Gosling che non è bellissimo, secondo me, però mi affascina. Ma Tiziano è l'unico che mi piace tanto da farmi urlare "Ti amooooo Tizianooooo, lanciami il tuo calzinoooo" xD ahah muoio perché sono frasi che dico davvero anche mentre il mio fidanzato mi guarda rassegnato e scimmiotta "se dicessi una cosa del genere di un'altra mi impiccherestiiii"

      Elimina
    7. che pazienza che ha Maurizio..Dio mio :D

      Elimina
    8. Il t9 deve averti cambiato "pazienza" con "fortuna" xD

      Elimina
  3. Chi ha ucciso Lalla Palmata? ahahah.. forse Gabba ni legno? .. ormai la scimmia sii è impadronita delle vostre coscienze.. ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…