Killer BOB di Twin Peaks è qualcosa di reale?

A maggio arriva la terza stagione de "I segreti di Twin Peaks", la serie culto degli anni '90. L'amico Miki Moz, grande appassionato della materia, è autore di uno splendido riassunto dell'opera, da leggere assolutamente.


E dopo averlo letto, ho scritto di getto questo post, che non offre informazioni al lettore (vista la mia scarsa conoscenza in materia), quanto una mia personale impressione, poiché a me piace scavare nelle cose.

Chi è Killer BOB? E' un'entità di puro male che si impossessa delle persone per compiere delitti e violenze, al fine di provocare paura e sofferenza negli altri essere umani, sentimenti di cui l'entità si nutre. Killer BOB è l'antagonista principale, anche se il termine antagonista non è corretto: BOB non ha alter ego buoni. Non è uno Skeletor che lotta contro un He-Man, tanto per intenderci.

Alla fine della seconda serie, BOB si impossessa di Dale Cooper, l'agente Fbi protagonista della serie. La domanda è: BOB può essere vinto? Evidentemente no, perché il male è qualcosa che a priori non può essere estirpato. E' un'entità, non un nemico singolo (come Skeletor, riprendendo la metafora di cui sopra).

Ci si può liberare di BOB? Chissà, è una domanda che potrebbe non avere una risposta neppure nella terza serie.

Si può evitare la possessione di BOB? Secondo me sì, anche se non è interesse di BOB possedere un elevato numero di corpi, quanto lo "stretto necessario" per poter uccidere e quindi nutrirsi di paura e sofferenza umana. Si può evitare la possessione, probabilmente vincendo la paura del male (non a caso raggiunge le beatitudine l'anima che vince il confronto con il proprio doppio malvagio), o resistendo al fascino del male, che è sempre molto seducente. Non è facile.

Per questo, credo sia il messaggio dell'autore di Twin Peaks, il male è largamente diffuso e alberga spesso in corpi di persone insospettabili. "I segreti di Twin Peaks" si fonda così su una metafora che è terribilmente realistica: BOB, ma anche gli altri spiriti malvagi della loggia, possono prendere possesso di noi.

Commenti

  1. Io ho un ricordo pessimo di Twin Peaks. Lo seguivo come un thriller normale. Curioso e appassionato. La deriva metafisica mi ha completamente sbragato le aspettative. Io sono uno da giallo a orologeria, senza alcuno sgarro, tipo I soliti sospetti, o Delitto perfetto (tanto per citare due must).
    Posso pure vederle cose paranormali. Ma me devi avverti' subito.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha, invece credo che quello sia uno dei punti di forza di Twin Peaks. O comunque il battage in Italia puntava tutto sull'aspetto giallo: chi è l'assassino di Laura Palmer? Guardate il serial e lo saprete.

      Elimina
    2. Beh, ma in realtà BOB appare sin dall'episodio pilota, e l'entrata nel metafisico (tra visioni, incubi, demoni...) avviene subitissimo. Semplicemente nella seconda stagione -dopo la risoluzione del giallo- questo diventa il tema principale, direi a oggi la trama portante dell'opera... :)

      Elimina
    3. Esatto, solo che all'esterno veniva dato risalto alla storia "giallo", come se si trattasse appunto di un giallo non secondo gli stili canonici del genere.

      Elimina
  2. Ammazza che spoilerone che hai fatto nel post! XD
    Grazie per la citaizione, comunque^^
    Twin Peaks, sin dal titolo, parla della doppiezza. Ognuno di noi ha un altro lato, che forse non ammette a se stesso.
    BOB può essere la metafora per descrivere il male in ognuno di noi, un male che il 90% della gente sa controllare ma la restante percentuale no. Questo, per chi come Franco (qui sopra) magari apprezza solo la questione "reale" della faccenda.
    BOB è ovviamente un demone, se si prosegue con la storia tutta. Io credo che Lynch non voglia dare spiegazioni, ma non per cattiveria: sono cose che trascendono la mera esistenza umana. Cos'è morire se l'eternità non ha limiti e esiste una vita più ampia?
    Ecco, in questa chiave io vedo le mosse degli spiriti delle Logge. Il Gigante, ad esempio, è palesemente buono. Così come MIKE, ora rivale di BOB e un tempo suo alleato. Ma entrambi si ritrovano nella stanza dalle tende rosse, come a provenire da un locus unico.
    Inoltre, Nano e Gigante viene detto "uno e lo stesso".
    Cooper dovrà sicuramente lottare contro gli spiriti del Male, anche per se stesso, e potrà liberarsi... ma BOB non può morire.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh bene e male convivono sempre, anche nel mondo ultraterreno delle logge. Ma Cooper si libererà? O diventerà il villain della serie? :D

      Elimina
    2. Ecco perché je piace tanto al nostro doppelganger!! (ma pure triple e quadruple..)

      Elimina
    3. trovo molto interessante il mio doppelganger :D

      Elimina
    4. Ahaha, cazzi vostri che lo avete lasciato in vita! :)
      In ogni caso, pare proprio che nella nuova stagione Cooper sarà protagonista e antagonista nello stesso tempo. Io credo che vedremo varie linee temporali stranamente sovrapposte...

      Moz-

      Elimina
    5. speriamo non sia troppo complicato :D

      Elimina
  3. Qui debbo defilarmi, in quanto non ho mai visto Twin Peaks, per il dolore di Moz :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah ma io ho visto solo il film "Fuoco cammina con me"! Però ho scritto di getto, questo post, dopo aver letto quello di Miki.

      ps sei sopravvissuto alla ritorsione della tua morosa, mi stavo preoccupando per te :D

      Elimina

Posta un commento