Passa ai contenuti principali

Il racconto di un sogno a tinte horror, dal sequestro a...

Si parlava di sogni, qualche tempo fa, anche da queste parti. Quello che mi ha svegliato, all'alba di sabato mattina, è stato davvero particolare. Vi avevo detto che i miei sogni non erano comuni...e ora vi fornisco una prova tangibile.
Nel mio sogno mi trovavo chiuso, con altre persone, in un ampio garage. Entro 55 minuti dovevamo disinnescare tre ordigni, ma nessuno di noi era in grado di farlo, né ci era possibile chiamare soccorsi, poiché tutti privi di telefonini. All'avvicinarsi dell'ora X, il garage si aprì. Non erano però i nostri salvatori. Erano uomini che ci erano venuti a prendere, per portarci in una grande villa (non esattamente in una zona disabitata, in realtà...) dove venivamo praticamente tenuti sotto sequestro. Nel sogno non percepivo una situazione di paura, di disagio e di preoccupazione. Ero anche piuttosto defilato, poiché i nostri carnefici sembravano più interessati agli altri, che a me. Mi era però impossibile cercare una via di fuga, a causa della stretta sorveglianza della villa. Ma non sembrava essere una priorità: come detto, non c'era agitazione da parte mia. Mi limitavo ad osservare. Quello che sembrava il capo dei sequestratori era alto, imponente e muscoloso; indossava l'immancabile giacchetta militare e pesanti anfibi. Non c'erano armi in giro, se non i coltelli che le "guardie" avevano con loro.

Poi a un certo punto cambiò qualcosa. Nella stanza dove mi trovavo venne portata una ragazza. La malcapitata venne spogliata mentre un cane antidroga la fiutava. Ciò che era davanti ai miei occhi fece scattare una molla.

Superai due sentinelle per uscire dalla sala e una di loro, contrariata, mi procurò un taglio sulla guancia con il coltello, in segno di sfregio e uno sul braccio. Nonostante questo uscii dalla sala per entrare in un'altra, il grande ingresso a un bagno, con uno specchio di ampie dimensioni. Dando le spalle all'ingresso di questa sala, usai il mio sangue per scrivere sullo specchio: "it's time to kill". E mi girai verso una "guardia", che mi stava osservando. La presi per il collo e con forza le feci sbattere il volto ripetutamente sul grande lavandino di ceramica, maciullandolo e imbrattando tutto di sangue.

Quella scena inorridì gli stessi carnefici, che iniziarono a darsi alla fuga. Procedevo a piccoli passi, fino a quando fu proprio il capo, quello con la giacchetta militare, a sbarrarmi la strada. Con un forte pugno gli trapassai il torace. Il nemico cadde a terra e gli strappai con forza la testa, che usai come trofeo per farmi strada.

E...a questo punto il sogno è finito.

Commenti

  1. Che per caso hai visto The tournament su Sky? Oppure hai mangiato cosine leggermente infastidenti, oppure ancora hai avuto diverbi sul lavoro che hanno innescato una specie di purificazione subliminale dove fai piazza pulita di contrarietà e rogne varie riconducibili al quotidiano.. la ragazza fiutata dai cani è vagamente somigliante alla moglie del capo? O alla tua ex? Fai mente locale (anche se poi dal locale sei uscito.. in effetti..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, la ragazza me la ricordo benissimo: non assomiglia a nessuno di mia conoscenza. Ma il resto della ricostruzione è plausibile. Comunque un bel sogno, non trovi XD

      Elimina
    2. Ho letto che il nostro cervello non è in grado di creare mentalmente visi nuovi (infatti io personalmente provandoci mi rendo conto che alla fine penso sempre a qualcuno che ho visto già). Anche quando sogni persone che pensi di non aver mai incontrato in realtà si tratta di qualcuno che hai visto già nella tua vita, anche uno sconosciuto incontrato sulla metro di sfuggita 20 anni fa.

      Elimina
    3. Caspita, quindi la testa del cattivissimo era la testa di una persona reale XD

      Elimina
    4. Probabilmente si, ma era più interessante chiedersi chi fosse la tizia e dove tu l'abbia già vista :)

      Elimina
    5. ahahha, strano, non ricordo rassomiglianze. Il cane però ricordo di averlo visto XD

      Elimina
    6. Sarà la padrona! O vuoi un cane xD

      Elimina
    7. Mio padre ne ha già uno XD e uno già prenotato. Il cane assomigliava a quello del mio vicino :D

      Elimina
    8. Quindi anche questa deve essere qualcuna che hai visto xD Riensa a chi hai pensato in questi ultimi giorni, il tuo inconscio vuole salvare qualcuno xD

      Elimina
    9. Porca paletta, hai ragione! Una delle cameriere della pizzeria di giovedì! Mamma mia, sono preoccupato XD dai tuoi poteri paranormali. Però possibile che fosse lei. Però ti rassicuro: non è nel mio radar :D (e vorrei dire, le cameriere di quel locale sono tutte ragazze da fascia altissima).

      Elimina
    10. Avrai pensato velocemente qualcosa su di lei mentre la guardavi o semplicemente ti avrà colpito qualcosa del suo viso tanto da rimanerti in mente xD
      Comunque lo sssso che sono un asso, lo sssso!Grazie a tutti per gli applausi, gli autografi alla fine, rispettate la fila e non guardatemi mai negli occhi o vi trasformo in pietra.

      Elimina
    11. il mio prossimo post ti lascerà di sasso XD

      Elimina
    12. Daje, fammi sapere quando arriva!

      Elimina
    13. in realtà ho creato hype ingiustificato :D, bazinga

      Elimina
    14. no scherzo, qualcosa di interessante ci sarà :D

      Elimina
    15. "Adesso chi ci crede piùùùùù"

      Elimina
    16. Vedremo!O il prossimo incubo sarà già scritto

      Elimina
    17. Anticipo a domani l'uscita XD, salutami caramente Maurizio

      Elimina
  2. Un sogno quasi videogame!
    Sai cosa c'è di particolare? La scritta: nei sogni solitamente non esistono scritte di senso compiuto, in alcuna lingua. Solo numeri. Sicuro che ci fosse scritto quello, o sei stato tu a voler vederci quella frase?^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una puntata di Batman la serie animata, c'era proprio quel dettaglio lì! Nei sogni non si riesce a leggere. Sicuramente è come dici tu!

      Elimina
    2. Esattamente, ed è uno dei miei episodi preferiti... ;)

      Moz-

      Elimina
  3. Che sogno! Io recentemente ne ho fatti due, e come ti scrissi qualche tempo fa (qui o altrove, ho un po' di confusione ma capiscimi... comunque no, forse da Paola l'ho scritto...) sono uno che li ricorda rarissimamente, e che quando accade ne fa comunque positivi. Ebbene, questi due di positivo non avevano proprio nulla... il primo per un motivo, il secondo per un altro... mi ha turbato più il secondo, visto che riguardava determinate persone care che non attraversano un gran momento, comunque sia poi, alla fine, i sogni per fortuna lasciano il tempo che trovano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Paola l'avevi scritto :). Mi fa piacere risentirti...spero in buone notizie.

      Elimina
  4. Un sogno su curi costruire una avvincente sceneggiatura, ci hai mai pensato?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…