Actua Soccer, il videogioco 'monnezza' che fu precursore del calcio 3D

1995, la Gremlin Interactive lancia sul mercato "Actua Soccer", l'innovativo videgioco dedicato al calcio con ambiente e giocatori 3D. Fu il primo gioco con quelle caratteristiche, ancor prima del Fifa by Ea Sports.


Actua Soccer in Inghilterra ebbe un clamoroso successo di vendite, anche grazie a una campagna pubblicitaria particolarmente costosa e agguerrita. Sebbene sia un precursore del genere, un titolo per questo motivo entrato nella leggenda, Actua Soccer è un gioco "monnezza" a pieno titolo. E' brutto, fine. Merda, come direbbe l'amico Ex Videogiocatore (QUI il suo blog).

Si gioca con una ventina di squadre nazionali, alcune delle quali con maglie sostanzialmente realistiche: ad esempio la Germania indossa la storica maglia Adidas bianca dei mondiali '94, con i rombi giallo-rosso-neri (oddio, maglie vagamente realistiche, sono stato generoso; nel caso della Germania bianca con un po' di schizzi giallo-rossi-neri), gli Usa con la casacca blu sbiadita con le stelle bianche. Una velocissima introduzione ci mostra le due squadre schierate a centrocampo, con i giocatori che oscillano tutti dalla stessa parte, come se stessero facendo del nuoto sincronizzato, con le terribili mani a pugno. Giocatori che assomigliano ai mitici calciatori delle moviole di Paolo Sabellucci del Guerin Sportivo, ma quest'ultimi erano molto più espressivi e dinamici.


Dopo la rapidissima introduzione, il fischio dell'arbitro fa partire il gioco. E son dolori. Il pallone quando viene calciato sembra il supertele e schizza a velocità incredibili, rimbalzando sul terreno e facendo dei pallonetti che finiscono per scavalcare il portiere da ogni posizione. Gli attaccanti o difensori che intervengono su quelle traiettorie di testa sembra che colpiscano un pallone respinto da un muro e finiscono semplicemente per prolungare la parabola con un'altra parabola (se a colpire è l'attaccante) o per farne un'altra in senso opposto (se a colpire è il difensore). L'intelligenza artificiale del computer nostro rivale è di altissimo livello: gli attaccanti avversari arriveranno facilmente sul fondo da dove spareranno bolidi che si infileranno in rete da posizione impossibile. I terribili calcetti verso il portiere, intento a rinviare il pallone, rappresentano il bug più comune. A proposito di estremi difensori, sono davvero imprevedibili: terribili quando respingono con un pugno un tiro da due chilometri, mettendo la palla sui piedi dell'attaccante avversario. Tra le poche cose carine, le parate a mezz'altezza del portiere in respinta (che poi è la parata di pugno con il portiere spostato da in piedi a una posizione laterale) e le uscite basse dello stesso. Anche se, dopo un po', quel gesto tecnico dà i nervi a causa dell'insopportabile rumore del pubblico ("peooo").

Il gioco è pieno di bug e questo ci può stare (siamo nel 1995). Ma il problema di Actua Soccer è che è un gioco noioso e macchinoso. Ah dimenticavo, i nomi dei calciatori sono reali e possono anche essere modificati.

Commenti

  1. Io ricordo solo di aver avuto esperienze scioccanti con versioni di calcio videogammato, ad esempio con la playstation, dove mi sembrava di manovrare il Milan contro il Crotone o l'Empoli, onde per cui mi sono dedicato per qualche tempo solo a giochini di Formula Uno o Rally, per poi crescere (?!?..) e abbandonare definitivamente le console...
    ora dedico giusto qualche minuto - ogni tanto, tipo mentre faccio la fila dal medico - a cosettine da smartphone, ad esempio Hill Climb Racing, ma niente di più. Diciamo che in vista dei 60 mi sto definitivamente svezzando. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sempre giocato su pc, con la tastiera (!), quindi le poche volte in cui mi è stato messo in mano il gamepad, è stata una cosa terribile :D.

      Ma Actua Soccer è un gioco che ha messo in difficoltà anche un mio carissimo amico, abilissimo videogiocatore.

      Elimina
  2. Ciao Riccardo,
    ho letto diversi tuoi post e ti commento perchè tratti argomenti che ben conosco )abbiamo un età abbastanza simile mi è parso di capire), e magari quindi posso portare anch'io esempi e esperienze sulle medesime cose.
    Nello specifico, Actua Soccer non mi piaceva per nulla ^^ anche se ci ho giocato, ma ho preferito nettamente PC Calcio e, ancor prima, Sensible Soccer e Kick Off per Amiga 500 che aveva mio fratello più grande (anche nella versione "Goal", per quanto riguarda Kick Off). Io poi sono cresciuto a pane e PES, quindi con i videogame di calcio... ho un lungo trascorso :)
    Giochi davvero eterni, al di là del fatto che a rivederli oggi verrebbe da ridere per la grafica e per tante cose ma... quella semplicità resta nel cuore, al pari delle ore, se non giornate, passate a giocarci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Maurizio :),
      grazie per essere passato e per il commento.

      Io sono annata '83, presto faccio 34! :D. Actua Soccer, come hai letto sopra, è un gioco veramente pessimo. Ho giocato anche al 2: decisamente molto meglio del predecessore, ma abbastanza trash come gioco.

      Prima del pc avevo il Commodore e ho giocato a diversi titoli, tra cui Microprose Soccer. Dagli amici Amiga-muniti ho avuto il piacere di giocare al cult Sensibile Soccer e Manchester United (che gioco meraviglioso!).

      Con il pc mi sono sbizzarrito: da Fifa International Soccer a Fifa 97, passando per il '98. Ho giocato a un Kick Off che non era quello dell'Amiga e naturalmente a Football Manger (versioni campionato '96-'97 e '97-'98). E ho recuperato Sensibile Soccer.

      ps su Pc Calcio 5.0 ho realizzato questo post; sono stato giocatore appassionato anche del 6.0 e del 7.0.

      http://rikynova.blogspot.it/2017/04/perche-pc-calcio-50-e-stato-il-gioco.html

      Elimina
    2. Il gioco del Manchester era il preferito di mio fratello, una vera perla :) ricordo Andrej Kancelskis, fenomenale. E ricordo anche Microprose, assolutamente.
      Sull'eterno duello PES-Fifa, ammetto che negli ultimi titoli Fifa ha preso il sopravvento, prima a me è sempre piaciuto di più PES (ho avuto una fase abbastanza "tossica" diventando piuttosto bravo), avevo imparato a fare un po' tutto, pallonetti, finte... poi mi piaceva il fatto che si potessero editare squadre e giocatori, e ogni anno creavo la squadra con i miei amici (anche coi volti, tramite foto) e le formazioni "classiche" coi giocatori più forti di sempre delle varie squadre, davvero bei momenti :)

      Elimina
    3. Giusto, dimenticavo Pes :D. Quando ho preso il portatile per 2-3 anni mi sono cimentato anche in Pes e lo trovavo migliore di Fifa proprio per il corposo Editor..Infatti era quasi più il tempo passato lì che in campo...In rete trovavi la prima patch semplice per avere la Bundesliga e la Premier League corretta, poi si procedeva personalmente per sistemare il calciomercato di gennaio e le imprecisioni! Poi sì, nello slot delle due squadre fittizie presenti (il Pes team ecc.) avevo creato i miei due squadroni: l'Eak Linate (maglia a strisce verticali biancoblu, calzoncini blu e calzettoni bianchi) e il Begatto Team (maglia stile United rossa con bordi bianchi, calzoncini bianchi e calzettoni neri). Che ricordi!

      Elimina
    4. Io proprio l'ho consumato PES ^^ e mi divertivo a cercare ste patch per aggiornarlo. Poi però, anche perchè non ho avuto più molto tempo per giocarci, ho visto che FIFA è passato nettamente in vantaggio come giocabilità, quindi mi sono orientato su quelli, anche se gioco con i comandi di PES ^^

      Elimina
    5. Giusta precisazione:

      - il videogiocatore l'ho fatto con costanza fino alla seconda superiore (Pc Calcio 7.0 :D), poi avendo il pc fisso piuttosto vecchiotto non potevo permettermi i nuovi giochi. Quindi ho diminuito nettamente i tempi di gioco (ma ho continuato a giocare con i videgiochi tipo Fifa 2000 a casa di chi aveva i pc più nuovi :D).
      - Ai tempi dell'università ho preso il portatile e allora lì mi sono tuffato su Fifa (2004 e 2005) più Pes (a ricordo mi pare il 6 e il 7).

      Adesso in realtà gioco pochissimo: giusto le serate con il mio caro amico Alby ^_^ (in questo momento ci stiamo cimentando a Fifa 2006, giochiamo nella stessa squadra vs il pc, lui al gamepad e io alla tastiera) e, rarissimamente, un po' di pc calcio 5.0 :D

      Elimina
    6. Infatti il "bello" di questi giochi era, è, giocarci con gli amici. Noi ci passavamo davvero tanto tempo, tante serate dove magari si mangiava a casa di uno e poi si stava lì a fare eterni round robin/tornei vari per ore. Sono anche stato fortunato che abitavamo tutti vicino, e c'erano tanti appassionati ed ottimi giocatori, quindi era anche divertente a livello "sportivo".
      Giocavamo anche a squadre, 2 vs 2, bellissimo... con uno avevamo messo a punto degli schemi che mandavano in bestia un avversario in particolare, davvero bei ricordi :)
      Ultimamente ho giocato a Pasqua a casa di Paola, pur "arrugginito" ho rifilato dei risultati roboanti, e considera che a metà gara mi sono fermato apposta... ahahah ^^ perchè comunque non è il caso di infierire su chi ti ospita, specie dopo 7 gol al 50' ^^ I nipotini, invece, li ho tenuti in partita fino alla fine, almeno lì sono stato bravo e buono, ma sono della "scuola" che si impara giocando bene e contro avversari forti, come poi capità a me :)

      Elimina
    7. Mi stai dando troppi argomenti per sfottere la tua morosa :D. La sto vedendo, mentre arranca, subendo gol a valanga, con la difesa che si apre stile ventaglio e che inizia vanamente a torturare i tasti, urlando istericamente XD

      Comunque io non sono mai stato un grande giocatori: infatti facciamo il due con, piuttosto che l'uno vs uno, proprio perché non ci sarebbe partita tra me e il mio amico. Lui è sempre stato il grande giocatore.

      Elimina
    8. No no, chiarisco, non ho giocato contro di lei, e non lo farei mai, già in passato mi ha quasi spaccato la Wii mentre la stavo stracciando... brutti momenti ^^
      Ho giocato coi cognati, inizialmente temevo fossi arruginito, poi... tutto è tornato ^^ anche perchè se non sai il livello degli altri... e poi appunto, FIFA non è come PES, però... con il controller invertito mi ci sono trovato quasi subito :) E al 50' ho penato che fare oltre 7 gol al padrone di casa e a 700km da casa mia non fosse una buona idea :D

      Elimina
    9. ahahahahaah, giusto :D comunque a Fifa 2006 giochiamo spesso col Livorno di Cannarsa e Lucarelli (nell'ultima gara abbiamo battuto le All Stars con gol mio segnato da Grauso!)

      Elimina
  3. Lo ricordo di nome, forse visto negli spot dell'epoca (cartacei?).
    Non ci ho mai giocato ma immagino cosa deve essere stato a primo impatto.
    Poi, che fosse merda, non stento a crederlo e mi chiedo: come mai lo commercializzano con tutti quei difetti tecnici? XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che la grande innovazione era la grafica :D. Sul resto si soprassedeva. Però era un gioco che era anni luce indietro, in quanto divertimento, a Fifa International Soccer..

      Elimina
    2. Presto detto: sapevano che di lì a poco sarebbe uscito Fifa 96 che avrebbe preso la fetta più grande della torta e hanno fatto uscire il gioco in fretta e furia per approfittare di una posizione di monopolio temporanea. Questo ovviamente a scapito della qualità. Stessa ragione per cui Blake Stone è uscito un mese prima di Doom, e nel primo mese ha venduto 100.000 copie, nel secondo 10.000.

      Elimina
    3. vedi, allora sei già preparatissimo all'argomento Blake Stone :D

      pu-pu-pu (rumore della prima arma a disposizione del nostro eroe)

      Elimina
    4. Lo so ma ho seri problemi di salute a giocarci.

      Elimina
    5. ah perdonami :) pensavo scherzassi sul tuo blog :D. Allora ci penserò io!

      Elimina
    6. Comunque non escludo di farla, magari come recensione breve in rubriche a cadenza irregolare.

      Elimina
    7. giusto, in fondo blake stone non è che devi giocarci tanto :D, fatto un livello, fatto tutto. Praticamente cambia solo qualche mostro.

      Elimina
  4. Dopo che la Gremlin cambiò logo, nel 1994 non riuscì più a sfornarne uno decente. Ed è un peccato, perché in precedenza aveva uno stile tutto suo. Grafica colorata, a volte in eccesso, musiche orecchiabilissime (subappaltate alla Imagitec Design dell'eccellente Barry Leitch) e i giochi non sempre erano eccezionali ma divertenti. Ad esempio, la conversione di HeroQuest (il gioco da tavolo) : alla lunga, du'palle. Però avevano uno stile ben codificato.
    Questo stile andò perduto con la serie Actua (un malriuscito tentativo di risposta alla EA Sports), e gli ultimi due giochi con pretesa di personalità, Normality e Realms of the Haunting, non ebbero 'sto grande successo. Ho una teoria secondo la quale il declino culturale della Gran Bretagna sia iniziato con il cambio di logo della Gremlin. Ma forse esagero. Comunque il gioco è merda.

    Lo sponsor di Actua però era Alan Shearer, che in PC Calcio 4.0 era il più forte di tutti con un poderoso 94. E tutti si aspettavano grandi cose dalla nazionale inglese agli europei inglesi del 96, ma l'unica cosa che portarono a casa fu la "Dentist Chair" fatta da Gascoigne e soci alle Spice Girls.

    PS: Grazie della citazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alan Shearer: una delle poche cose carine in Actua Soccer 2 era la theme song rockeggiante con "ALAN SCIRER..SCIRER..SCIREEER" e altri pezzi di telecronaca. Quell'Inghilterra lì ('96) aveva bellissime maglie (compresa quella grigia), ma era un po' legata agli estri dei vari Anderton, Mc Manaman, Gascoigne...e dietro c'era il terribile, lentissimo Southgate.

      Della Gremlin, a naso, ricordo un gioco culto: Lotus :)

      Elimina
    2. La serie dei Lotus è dei tempi del logo vecchio. La sigla di testa di Lotus Turbo Challenge 2, con il suo "Putuputuputu cià" è uno dei brani indimenticabili di Barry Leitch.

      Elimina
    3. non dovevo andare a vedere su youtube...brividi....che ricordi..adesso piango :'-)

      Elimina

Posta un commento