Passa ai contenuti principali

Gli auguri di compleanno: voi ci tenete o no?

Un post della donna dai capelli più lunghi del globo, Paola S., ha suscitato una mia personale riflessione sul compleanno.
Scrive Paola
(QUI): "ogni anno, cascasse il mondo, io e mia sorella più piccola aspettiamo sveglie per essere le prime a farci gli auguri il giorno dei rispettivi compleanni". Voi cosa fate? Attendete le 0.00 per fare gli auguri alle persone più care? Provate dispiacere se le persone più care non vi recapitano il messaggino entro le 0.30? Io rispondo no ad entrambe le domande: a maggior ragione ora, che quando sono in casa in genere sono a letto tra le 23-23.30 (ah, l'anzianità).

Tuttavia devo fare outing: tengo tantissimo agli auguri di buon compleanno. Può sembrare strano: ho smesso di festeggiare i compleanni a 13 anni (salvo qualche sporadica successiva festa) e ho sempre dato poca pubblicità alla data. E non avendo Facebook, non c'è il promemoria elettronico, quindi c'è uno grosso svantaggio per chi vuole ricordarsi del mio genetliaco. Comunque le 0.30 non saranno mai orario limite, ma le 12-13 sì, eccome.

A parte gli scherzi, ricordo due terribili aneddoti: c'è chi si scordò il mio compleanno, ma scrisse su Facebook un lunghissimo post strappalacrime - quel giorno - per una roba inutile. Di che tipo? Non ve lo dico, ma vi faccio degli esempi per capire: il ricordo del vostro primo pelo pubico, il ricordo della prima volta in cui Odeon Tv interruppe i Cavalieri dello Zodiaco a metà della quinta casa, il ricordo dell'uscita del primo disco dei Jalisse. Più o meno siamo a quei livelli. Il secondo aneddoto riguarda il mio 19esimo compleanno, che cadeva di lunedì. A scuola nella mia classe c'era una felice tradizione: lo studente che compiva gli anni veniva accolto dall'augurio scritto in caratteri giganti sulla lavagna. Ebbene, quel giorno il buon compleanno fu scritto in Times New Roman, carattere 4, in un angolino piccino piccino della lavagna; ovviamente solo dopo il mio ingresso in classe (del tipo, "oh, vero, compie gli anni"). Ma va beh, non si era popolari.

Ma perché tengo agli auguri? Per lo stesso motivo per cui li faccio. E' chiaro che un'amicizia è altro, rispetto a un messaggino di buon compleanno. Non parlate però di pura formalità: è un pensiero. Un pensiero importante. Il 15 marzo nasce il mio amico Tizio? Il 15 marzo sarà un giorno diverso dal 14 e dal 16. E la mia vita sarebbe stata diversa senza quella persona nata il 15 marzo. E se la persona che compie gli anni, non è una persona con cui ho uno strettissimo rapporto? Non importa. E' un atto di cortesia e anche un modo per stupirlo positivamente. Regalandogli un piccolo momento di felicità, conseguenza di quello stupore, in un giorno in cui - ci si augura - ne abbia avuti diversi.

Non dite, "eh ma gli impegni, ci si può scordare". No, si tratta di perdere un minuto. Non è tanto, anche in una vita colma di impegni. Ad ogni modo, vi rassicuro: tengo agli auguri, ma mi impegno nel non farli mancare agli altri. Come faccio senza Facebook? Con il cellulare? No, no. Agendina vecchio stile, quelle con la settimana in due piccole paginette, su cui segno alcune cose, tra cui le date di compleanno.

ps Se mi sono dimenticato o mi dimenticherò di farvi gli auguri, beh...potete lanciarmi sassi, siete-sarete perfettamente giustificati.

Commenti

  1. In primo luogo grazie per avermi citata ^.^ sono contenta se ti ho dato lo spunto per questo post!
    E cominciando proprio dal tema principale, anche io ritengo che, l'augurio, sia un modo per dire "io ci sono, mi ricordo di te!". Anzi, più che l'augurio stesso proprio il tempo dedicato a quella certa persona o anche il fatto di essersene ricordati. Neppure io ho Fb e simili, ma neppure ho appunti per ricordarmene; vado a memoria e ne sono fiera ^.^
    Anche se i miei amici fanno quasi tutti il compleanno a Novembre e quindi rischio di fare confusione, ma almeno ci provo ;)

    Certo che cattiveria i tuoi compagni di classe...a prescindere dall'essere popolare o meno, che schifo di gente che c'è in giro. Mai tollerato comportamenti simili.

    Anche a me è capitato che qualche amico/a si scordasse del mio compleanno ma è stato comunque carino il modo di recuperare :) perché alla fine conta far sentire importante il festeggiato, non essere pronti a mezzanotte spaccata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per l'ispirazione :D. Condivido la tua ultima frase, che completa idealmente il mio post: chiaro che siamo umani e può capitare di dimenticarsi, ma poi basta saper recuperare in modo giusto. Sull'episodio della lavagna avranno avuto le loro ragioni: non parlerei di cattiveria. In fondo vale la massima del filosofo Di Tillio: "se non ti hanno amato, la colpa è solo tua, che non li hai messi nelle condizioni di poterti amare".

      Elimina
    2. Ho una confessione imbarazzante perché sono una persona imbarazzante

      Elimina
    3. Ahah sono ioooo xD
      Però apprezzo. Però muori perché mi hai dato dell'inquietante xD

      Elimina
    4. ma quindi cosa ci devi confessare? :D

      Elimina
    5. Praticamente, come tutti ormai sappiamo sono una stalker che legge tutto e soprattutto si ricorda tutto quello che legge. Allora mi ricordavo di aver letto la tua data di compleanno, però per essere sicura ed evitar figuracce sono andata a rileggere il post in cui dicevi la data precisa. Poi però sono tornata in questo post e facendo due calcoli non mi veniva proprio che quando compivi 19 anni era un lunedì. Niente, praticamente ho passato TUTTO il pomeriggio a guardare il 3 giugno del 2012 invece che del 2002. Ed il bello è che mi dicevo "ma non è che sto guardando l'anno sbagliato?!".

      Ora capisci perché sono imbarazzante?

      Elimina
    6. mi hai fatto passare i dieci minuti più di angoscia della mia vita XD

      Hai una memoria pazzesca....ho usato google per capire dove avessi mai rivelato la data del mio compleanno....ora ci credo che non dormi la notte, il tuo hard disk non si spegne mai XD

      Elimina
    7. E sono così con le cose innocenti, pensa con quelle più gravi xD tipo i numeri di telefono delle ex, le loro targhe ahah xD

      Comunque grazie, niente applausi e dormite voi per me, io penso a memorizzare cose ed usarle contro di voi xD

      Elimina
    8. Io morirei senza dormire :D

      Ma se queste ex sono così aggressive, tocca che mi procuri i loro numeri XD. Cosi ci penso io a risolvere senza spargimento di sangue.

      Elimina
    9. Loro non sanno che esisto xD perché sono furtiva. Le odio a distanza; se fossero aggressive o anche solo osassero...darei il peggio di me xD come accadde come quando stavo con un'altra persona :-Q. Col senno di poi sarebbe stato meglio lasciarglielo comunque xD

      Il sonno è il mio hobby preferito, è lui che in questo momento mi odia xD

      Elimina
    10. Quindi i numeri di cellulari di donne sono off limits sui cellulari della tua dolce metà xD

      Elimina
    11. Purtroppo no xD
      Ha le sue amiche come ho i miei amici io. Ma sappiamo tutti che le donne sono più pericolose quindi sorveglio xD

      Elimina
    12. ahahahah sorvegli, povero Mauri

      Elimina
  2. Innanzitutto io mi sono dimenticato questo post, figurati le date! XD
    Per inciso, sono una frana a ricordare i compleanni: ricordami il tuo (che viene prima del mio)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente ci sono le eccezioni (un mio carissimo amico ad esempio :D). Alla tua domanda rispondo sul tuo blog :D

      Elimina
  3. BUON COMPLEANNOOOOO ^.^
    TANTI AUGURI :-D

    (Lo scrivo in maiuscolo per rifarti del caratterino sulla lavagna dei tuoi compagni di classe :-/)
    Ti auguro un buon compleanno e che tu possa presto incontrare una persona che ti possa voler bene ed amare per tutto quello che sei :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore, sei stata gentilissima. Sei stata comunque la prima :D (0.04). Ma sono davvero felice, questa mattina ho il telefono che scotta :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…