Passa ai contenuti principali

Riky Reload: il pagellone della saga di Nightmare

Nuova veste grafica del blog e nuova versione di alcuni vecchi articoli di qualche anno fa. Partiamo dal pagellone relativo alla saga di Freddy Krueger, il mostruoso demone dall'inconfondibile guanto con le lame.



NIGHTMARE, voto 7: é il primo film della saga e non tradisce, non solo per le belle tette di Heather Lagenkamp o per la presenza di quel cazzone di John Saxon (sontuoso in Apocalypse domani). Ha un discreto livello splatter (più sangue che altro, a dirla tutta) e Robert Englund interpreta magistralmente il buon Freddy; ovviamente l'idea del "demone" del sogno è particolarmente brillante e regge un film che parte bene, ma si sviluppa maluccio, complice una sceneggiatura non particolarmente entusiasmante. Certo, rispetto alla media dei film horror odierni, é un capolavoro.

NIGHTMARE II La rivincita 5.5: é la pallida copia della prima pellicola, offre alcuni spunti con i suoi effetti speciali basati sullo stop-motion, ma la storia é deboluccia e prevedibile e il retrogusto "omosessuale" fa perdere forza al film. Robert Englund perde smalto, in attesa di ritrovarsi con la pellicola successiva, dove rimane giustamente confinato nella dimensione onirica.

NIGHTMARE III I guerrieri della notte 7.5: il miglior film della serie. Morti geniali e congeniate per personaggi non particolarmente entusiasmanti, il ritorno di Heater Lagenkamp, l'idea di ambientarlo non nella solita insulsa casetta, ma in un ospedale psichiatrico. C'e' poi quel gusto pacchiano tipicamente anni '80 che emerge ad esempio dal personaggio della tossica punkettara, che è un po' come lo sciroppo di Nonna Papera sulle frittelle: rende il tutto più gustoso.

NIGHTMARE IV Il non risveglio 7: ancora tanto '80 con il ragazzo Karate Kid, morti sempre più notevoli, ad esempio la ragazza che si trasforma in scarafaggio, la storia è oramai logora, ma il regista Harlin decide di puntare sugli effetti speciali; insomma, un piatto cucinato bene e ben presentato, anche se alla fine con poca sostanza. Ma va bene così.

NIGHTMARE V Il mito 6.5: la storia oramai va a farsi fottere, le morti sono pochissime, anche se la trasformazione di Dan in moto è una scena top, specie nella versione non censurata, con le parti meccaniche che scarnificano e affondano nella carne del ragazzo. Anni '80 rulez: omaggio (involontario ?) agli A-ha. Oramai però il buon Freddy non fa più paura..

NIGHTMARE VI La fine 5.5 (ma voto "boerità" 8): l'ultima pellicola della serie é indubbiamente il peggiore, a pari merito con il secondo capitolo. Freddy oramai non fa più paura neanche ad un bimbo e si potrebbe dire è ridotto ad una macchietta giocosa; le morti sono pochissime e non basta più puntare sugli anni '80 e sugli effetti speciali per salvare una saga che giustamente era ai titoli di coda. In tanto ciarpame, si salva il cazzutissimo personaggio del dottore di colore, che praticamente si prende il gusto di prendere per il culo Freddy. E qui entriamo in tema di boerità. Costui entra a pieno titolo nel novero degli idoli, basti pensare alla pesantissima porta scardinata con la forza; infine la scena della morte di Freddy Krueger. Già nelle precedenti pellicole aveva preso diverse batoste, qui praticamente viene brutalizzato prima di essere distrutto da un candelotto di dinamite. Insomma, Freddy Krueger viene prima ridotto ad una macchietta, poi viene brutalizzato e fatto a pezzi. Il suo mito glorioso è distrutto, ma giusto così. Finiscono gli anni '80 e si portano via tutto: Freddy Krueger compreso. Come scrive il saggio Exxagon (dott. Alessandro Pedrazzi), "Negli anni '80 sì che Freddy funzionava, ma noi eravamo anche più semplici, ridevamo con Benny Hill". Gli anni '80, si sa, hanno reso oro tutto. Il cattivone Krueger fu cosìdestinato, nel nuovo millennio, a finire nel dimenticatoio, come un pupazzo polveroso nell'armadio dei giocattoli. Già, nel 2010 hanno provato a farlo resuscitare, ma il Freddy vecchio é sbiadito, quello nuovo è solo la copia di una cosa sbiadita.

Commenti

  1. Quando li ho visti ero così giovane che non me li ricordo bene, ma mi ricordo bene l'atmosfera. Il primo invece l'ho rivisto anche di recente e ho riso tantissimo per:
    1 - Johnny Depp giovanissimo.
    2 - "Altro che barella, ci vorrebbe un secchio!"
    3 - "Sembro una vecchia di vent'anni" (anch'io quando dormo poco sembro una ventenne, già già).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che li hai visti, ma ti abbiano lasciato zero ricordi, dimostra un po' la debolezza di questa serie, nonostante il suo protagonista sia nella storia del cinema horror. Certo, rispetto a film moderni, la saga di Nightmare è decisamente di valore; così come è superiore a certi slasher degli anni '80. Ma un film come "L'aldilà" di Fulci ti lascia qualcosa dentro, la saga di Nightmare alla fine rischia di essere ricordata più per le battute che per il resto...

      Elimina
    2. Può anche dimostrare l'astrusa selettività della mia memoria. Per esempio, so bene che nel film ...e tu vivrai del terrore! L'aldilà c'è pure Michele Mirabella, un dettaglio davvero inutile ma succoso :D

      Elimina
    3. Scena culto, "madre de Dios!" (cit. titoloacasodelgenerespaghettiwesternitaliano). Come dimenticarsi il buon Michele Mirabella squartato dai ragni.

      Elimina
  2. D'accordo con l'intero classificone, anche se per me il sesto capitolo ha un valore affettivo altissimo: è stato il primo Nightmare che ho avuto il coraggio di guardare, in prima TV su Notte Horror, Italia 1 *__* Ancora oggi lo so praticamente a memoria quindi non posso condannarlo come meriterebbe e il tuo voto Boerità diventa il mio voto Amarcord.
    Ma... il Nuovo Incubo che ti ha fatto? E Freddy vs Jason? ("Modalità PDF" - cit. -: ON)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Babol, benvenuta e grazie per essere passata di qua! Diciamo che ho scelto i sei film in cui si sviluppa la trama canonica, anche se "Freddy vs Jason" in teoria si va a inserire dopo "Nightmare la fine". Ma Freddy vs Jason mi dà un po' di tristezza, al netto dello splatter in computer grafica: me li vedo seduti su una panchina che tristemente dicono, " che ci tocca fa', pe' campa' ". Il nuovo incubo invece esce dalla continuity.

      Elimina
  3. E' che negli anni '80 un po' il vizio di ridicolizzare (per rendere eterni?) i miti c'è sempre stato.
    E così anche Freddicrùgher è caduto in questo limbo, diventando eterno ma sputtanandosi un poco.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così. .I cattivi negli anni '80 non erano così cattivi..e anche i cattivissimi avevano il loro scheletro nell'armadio ahhah

      Elimina
  4. Probabilmente il primo, il terzo ed il quarto sono i migliori....poi dopo si è un po' scaduti per certi versi in trame abbastanza deprecabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto di non essere un grandissimo fan di Freddy; ma come detto già nelle pagelle di quest post (che è il post originale pubblicato qualche anno fa) tantissima roba rispetto a certi horror moderni! Poi chiaro che Freddy è storia!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…