Passa ai contenuti principali

Perché Pc Calcio 5.0 è stato il gioco più bello della mia gioventù

Dicembre 1996: il regalo di Natale dei miei genitori fu un personal computer Olidata. Nella primavera 1997, arrivò in casa mia il gioco più bello: il mitico Pc Calcio.

Avete mai giocato a un manageriale moderno? La simulazione è così realistica che un giorno del gioco è paragonabile a un giorno reale. Questo perché per gestire tutte le voci del gioco serve un tempo indefinito. Dal calciomercato al giocatore che si lamenta perché il suo compagno di stanza fa le puzzette, i nuovi manageriali sono insostenibili per chi cerca un'oretta di svago post lavoro. E lo sarebbe stato anche per lo studente di scuola superiore, lo studente universitario...

Pc Calcio non era così. Era un gioco intuitivo, non privo di bug certo, ma è stato il primo a portare nella mia casa il calcio reale. Inteso con giocatori reali: nomi, età, foto, ruoli precisi. In Fifa 1997 c'era Vialli biondo, per dire; e il difensore Marco Rossi della Sampdoria che era l'attaccante più forte del campionato italiano. In Pc Calcio potevi giocare con la Serie A e B italiana, fare amichevoli con tutte le squadre del database e c'era anche una sezione con foto e profili dettagliati dei giocatori italiani. Un almanacco multimediale e un videogioco, tutto insieme. A un prezzo bassissimo: 39.000 lire (i giochi viaggiavano sulle 79.000 lire in genere). Ma per non annoiarvi troppo, ecco i motivi che hanno consegnato alla mia "hall of fame" il titolo della Dynamic Multimedia.



GIOCARE CON LA SERIE A E LA SERIE B ITALIANA: con Pc Calcio si poteva fare il campionato Manager, tenendo sempre la stessa squadra, oppure quello Manager-Pro. Partenza da un club di bassa classifica di serie B e cercare a suon di risultati e vittorie di essere contattati dai top team italiani.


UN GIOCO INTUITIVO MA RICCO: curare le formazioni e la tattica, l'allenamento dei giocatori, il calciomercato, pianificare l'ampliamento dello stadio e gestire le finanze. Con Pc Calcio ci si divertiva a gestire una società. Tutto molto immediato, ma parliamo di un videogioco manageriale calcistico...qualcosa che deve essere fruibile anche da uno non proprio fanatico di calcio. Infatti Pc Calcio ebbe successo anche tra alcuni miei amici che non disdegnavano i videogiochi di calcio, ma non si appassionavano al campionato vero.

I RUOLI DEI GIOCATORI: il database di Pc Calcio non era privo di errori (ma rispetto a Fifa era praticamente perfetto..), tuttavia le formazioni dei campionati inglese, argentino, spagnolo e italiano erano perfette al 150%. Il gioco usciva in questi quattro paesi e i produttori fecero in modo di riprodurre in modo minuzioso anche i giocatori delle categorie inferiori. Il pregio è che i ruoli erano quelli reali, ma soprattutto i giocatori potevano ricoprirne diversi senza perdere forza. Esempio: il giocatore Miki Capuano ha 89 di valore massimo ed è un libero. Oltre al ruolo di libero può giocare da mediano centrale difensivo: se lo schieriamo in questa posizione, manterrà l'89 come valore. Se invece lo mettiamo terzino destro, il suo valore scenderà e la nostra squadra sarà più debole. Come nel calcio reale, ci sono giocatori che possono essere impiegati in una sola posizione, altri che sono veri e propri jolly.

I MITICI GIOCATORI DEL VIVAIO: Cannoville, Mallo, Moso e Ruiz. Ghent, D'Apice e Pazzaglia. Forster, Bruno e Corona. Montanaro e Bermejo. Sono alcuni dei giovani da crescere nel vivaio: italiani, spagnoli e inglesi. Giocatori reali delle giovanili dell'epoca (gli italiani facevano parte delle formazioni primavera delle stagioni '94-'95\'95-'96) che però diventavano fortissimi. Alcuni di loro superavano le quattro stelle di forza.

UN SIMULATORE DIVERTENTE: rispetto ai Pc Calcio successivi, più curati graficamente ma terribili nella simulazione della gara, il simulatore di Pc Calcio 5.0 mette in scena partite più divertenti da vedere, che da giocare (giocare le partite è infatti divertente, ma c'è poca longevità). I portieri sono realistici ed esaltanti nei loro interventi, nel bene e nel male (fanno anche gli autogol mancando il retropassaggio, come avvenuto in tempi recenti a Donnarumma, Padelli, Consigli ecc.). E le squadre indossano le maglie reali: ad esempio il Napoli ha la seconda maglia nera con inserti azzurri, una divisa particolare che ha sfoggiato nella stagione 1996-97.

LA PRIMA TELECRONACA ITALIANA: del cronista di Tele+, oggi Sky, Massimo Tecca. Certo alcune frasi erano dette a sproposito ("Il pallone è entrato al centro della porta", il must), ma volete mettere? E' stato il primo videogioco di calcio con la telecronaca in ITALIANO.

LE FORMAZIONI PRE PARTITA: una presentazione stupenda, con una musica epica che introduce le figurine dei giocatori.


Questi, in sintesi, i motivi che mi hanno fatto amare Pc Calcio 5.0. Ma la magia va oltre queste poche righe. Ricordo le pubblicità dei primi Pc Calcio sul Guerin Sportivo e quel desiderio: "Quando avrò il pc, questo gioco sarà mio". Nella primavera del 1997 l'attesa inserzione: le due pagine sul Guerin Sportivo che illustravano le novità della nuova edizione del gioco, la 5.0. Due pagine verdi, come la copertina del cd. Mia madre già sapeva e quel pomeriggio uscì a comprarmi il gioco dei miei sogni. Lo provai con Alberto e alla fine del pomeriggio di gioco, anche il mio caro amico fu convinto ad acquistarlo. Era un caldo pomeriggio di fine marzo o inizio aprile. Uno dei giorni più belli per chi, come me, era mosso da un incredibile passione per quello che, una volta, era considerato lo sport, il gioco più bello del mondo.

Foto dal web

Commenti

  1. Io di "manageriale" ho giocato solo al fantacalcio... senza computer ma solo carta e penna.. roba da chiodi pure quello... p.s. carino il Milan di Weah allenato da Gianni... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah non sono io! Peraltro io col Milan, di partenza, giocavo così: Pagotto - Reiziger Costacurta Baresi Maldini - Savicevic Desailly Davids Baggio - Weah Simone. Molto offensiva, ma fortissima :D.

      Fantacalcio? Un anno, 1998-1999!

      Elimina
  2. Il giocatore più forte del gioco era Ronaldo (quello che poi andò all'inter tra le copiose polluzioni dei brerini da due soldi) che era ancora al Barcellona e aveva la particolarità che quando esultava faceva l'aeroplanino.

    PC Calcio 5 aveva anche le musiche di sottofondo che ti entravano in testa e non uscivano più.

    Ottimo articolo, sia PC Calcio 4 che PC Calcio 5 sono nella mia lista di giochi da trattare, anche se dopo questo pezzo temo che con PcC5 farei un doppione.

    "Il suo tiro... e la palla finisce al secondo anello dello stadio!" (giocando C.A.Luzi di Gualdo Tadino)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente fare una tua recensione di Pc Calcio 5.0., nel tuo modo esaustivo! Non sarebbe affatto un doppione. Anzi potremmo fare un "ponte" tra il mio e il tuo blog :D. I Pc Calcio fino al 7.0. compreso (poi ho smesso di giocarci perché il mio Pentium non li supportava più) avevano delle colonne sonore fighissime. Io le ho tra gli mp3 sul pc :D.

      Ronaldo era il più forte, esattamente. Non ho mai capito le 4 stelle e 1|2 di Florjancic e Cristallini, invece. Sarei curioso di chiederlo al programmatore :D

      Elimina
    2. Quando la squadra per cui tifo acquistò Cristallini, l'anno successivo, al Vecchio Paese i tifosi si divisero in due fazioni:

      Quelli che dicevano "mo chi el quast què", e quelli che avevano giocato a PC Calcio.

      Elimina
    3. ahahaah, verissimo, tu sei di Bologna! ps in Pc Calcio 5.0 la seconda maglia del Bologna era perfetta, bianca con la banda rosso-blu, ma la particolarità che i programmatori misero i pantaloncini rossi e i calzettoni blu, un completo che il Bologna sfoggiò solamente nella 3a di ritorno, a Milano contro il Milan.

      Elimina
  3. Dirò solo SPETTACOLO. Lo attendevo trepidante ogni anno, usciva in edicola, che cose dal gusto "antico". E poi la telecronaca di Caputi e Bulgarelli... che ricordi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, il fatto che uscisse in edicola aggiungeva un tocco ulteriore di "cult" al gioco.

      ps la telecronaca di Caputi e Bulgarelli era quella di Fifa, ma concordo: epica (E realisa con grande freddessa); peraltro bizzarro che in Fifa fosse Bulgarelli a fare la cronaca e Caputi il commento tecnico, quando nella realtà avveniva l'esatto contrario!

      Elimina
    2. Vero, in PC Calcio erano Tecca e Serena, confondevo con quel FIFA, cui ovviamente ho giocato prima della "conversione" a PES ^^

      Elimina
    3. Serena giganteggiava nel 6.0..."ha dato una frustata col collo"

      Elimina
  4. Possibile che nessuno "oggi come oggi" sia in grado di riproporre un gioco simile ????

    RispondiElimina
  5. D'accordissimo. Infatti stavo proprio preparando una riflessione sul tema.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…