I miei sogni ricorrenti: tra un ritorno a scuola e uno a Bologna

Ho sempre detto ad amici e conoscenti che i miei sogni sarebbero interessante materia di studio. Ma quali sono i miei sogni ricorrenti?


Ora non ho grande competenza della materia, ma secondo me ci sono delle particolarità interessanti. Nei miei sogni, i luoghi hanno caratteristiche simili alla realtà; ma soprattutto questi luoghi si ripetono sempre con le stesse identiche caratteristiche nei diversi sogni. Il mio sonno non è caratterizzato da bruschi eventi (tragedie, morti, eventi traumatici), ma scene di vita quotidiana, con differenze peraltro neanche troppo significative.

INTOPPI SUL LAVORO: immagino che questo tipo di sogno ricorrente sia abbastanza comune. Nel mio caso abbiamo un giornale radio non registrato prima della messa in onda (oppure mi trovo a registrarlo in pochissimo tempo prima della messa in onda), un intoppo tecnico che non lo manda in onda o lo manda in onda incompleto. Infine anche un guasto del computer.

RITORNO SUI BANCHI DI SCUOLA: anche questo sogno ricorrente è particolarmente comune. Mi capita spesso di sognare di tornare sui banchi di scuola e di essere nell'ansia per impreparazione e impossibilità di fare i compiti a casa. In tutti questi sogni comunque, pur essendo a scuola, sono comunque atteso al pomeriggio dal mio lavoro in radio. Sono dunque me stesso, a 33 anni, non lo studente di allora. Il vero incubo però è il ripetere l'esame di maturità. Anche se pure in questo caso, sono sempre perfettamente conscio di averlo già passato a pieni voti e di essere anche laureato...

VIVERE LA NOTTE: non sono mai stato un tipo particolarmente nottambulo, ma la particolarità di questo sogno è che mi trovo a vivere la solitudine della notte. Ad esempio sogno di rincasare in piena notte, senza che ci un'anima in giro, o addirittura di primo mattino. L'alternativa è l'ambiente "indoor". Ma in questo caso non partecipo a feste o non mi trovo in compagnia, ma sono magari davanti al televisore in casa.

BOLOGNA: immagino che il sognare la città in cui ho trascorso gli anni di università implichi la nostalgia per quei tempi. In realtà in questo tipo di sogno, pur avendo a disposizione l'appartamento "storico" di via Begatto (ovviamente nella conformazione del sogno, come spiego in premessa) e pur essendo in compagnia dei miei due amici-coinquilini, si tratta sempre di un soggiorno passeggero.

LA SPIAGGIA: la spiaggia di Pesaro nel mio sogno è ben diversa da quella reale, molto più estesa e affollata. Il dato curioso è che mi trovo a prendere la tintarella in periodi non canonici, magari a fine maggio, con il sole ma anche con condizoni meteo non sempre prettamente estive (ad esempio un forte vento).

IL VIAGGIO IN CORRIERA: cinque anni di scuola superiore a Rimini, cinque anni di viaggi in corriera. Mi capita spesso di sognare il ritorno su quella corriera, in orario ovviamente scolastico. Ciò che caratterizza questo tipo di sogno sono due elementi: il primo è che all'uscita del mio paese c'è prima un incrocio molto trafficato, poi c'è...il deserto. Il secondo elemento è che spesso sono in casa, in preparazione per uscire e prendere la corriera, ma sono in ritardo, con il rischio di perderla.

E IL SOPRANNATURALE? Ricordo che da bambino fui terrorizzato da un sogno: un tirannosauro che scorrazzava per le vie del mio paese e assediava casa mia. Negli ultimi anni può capitare di sognare creature "mostruose", ma in queste occasioni sono sempre dotato di poteri soprannaturali (soprattutto una certa invulnerabilità ai colpi) e psichici. Una proiezione dei poteri Ramas (quelli del mitico Lupo Solitario, personaggio dei librogame di Joe Dever). Colpa della cultura "pop" con cui sono cresciuto: sotto sotto, i miei sogni "proibiti" non sono fama, potere, denaro, ambizione, donne bellissime, ma AVERE I POTERI RAMAS :D. Elemento curioso è che in questi sogni "soprannaturali" e con una certa dose, sulla carta, di situazioni di pericolo, da parte mia non c'è assolutamente sentimento di paura (quella che poi ci porta a svegliarci). Anche qui, influsso della cultura "pop": la famosa puntata di "Uomo del sogno fammi sognare" dei The Real Ghostbusters, quella in cui ci viene insegnato che "il modo migliore di affrontare gli incubi è ripetersi che si tratta soltanto di un sogno".

E voi, quali sogni ricorrenti avete?

Commenti

  1. Eheh, una volta li avevo raccontati anche io, e alcuni sono similari.
    Tipo quello scolastico, solo che io dovevo proprio essere interrogato e l'anno stava per chiudersi.
    Mi succedeva sempre, poi dopo la laurea si è attenuato. Oggi mi capita di risognarlo quando sono "sotto esame" per qualcosa.
    Pure io ho sognato dinosauri/mostri in giro per la città (città che .voltato un angolo- diventavano altre città XD)
    Rischiare di perdere il pullman ovviamente è la traduzione della tua paura di perdere una occasione :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sono stato abbastanza sintetico, ma mi stupisce di quanto i miei sogni siano elaborati e raffinati nei loro meccanismi. Peraltro qualche anno fa avevo iniziato a scrivere una storia partendo proprio dai miei sogni..E' palese che il sogno della scuola riguardi il sentirsi sotto esame, ma secondo me c'è dell'altro, ci sono dei particolari che vorrei capire e che purtroppo solo io posso capire. Quella del pullman, premesso che la tua interpretazione è più che plausibile, è un qualcosa di più, non un rimpianto o nostalgia perché son sogni che mi lasciano sempre un po' di inquietudine. Anche quello bolognese in fondo rientra nella stessa ottica.

      Elimina
    2. Sicuramente le spiegazioni sono molto più complesse e riguardano cose nostre.
      Io ad esempio sogno anche persone scolastiche poco piacevoli che non vedo da secoli... Ovviamente riflettono il vissuto reale attuale.

      Moz-

      Elimina
    3. Giusto, il sogno della scuola riguarda anche l'incontro con persone con le quali non ho più contatti. Ma non capisco se sia la voglia di ricostruire un rapporto, o del rimpianto per non avere costruito un rapporto, oppure se solo "paura"

      Elimina
    4. La vera risposta la conosci solo tu. E già la sai.

      Moz-

      Elimina
    5. Eh, magari a saperlo invece..

      Elimina
  2. Ma sai che io i sogni non li ricordo mai? Appena sveglia si, poi non ci penso e svaniscono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per essere passata di qui Giulia :) e benvenuta.

      Non sei l'unica: conosco diverse persone che sognano e dimenticano tutto in poco tempo. Talvolta capita anche a me di fare sogni, di svegliarmi, poi di rimettermi a dormire e la mattina dopo di aver dimenticato tutto. Ma talvolta i sogni rimangono così nella mia mente, che non solo ho provato a farci un libro; ma uno sceneggiatore potrebbe trovarci idee interessanti (parlo immodestamente parlando ahhaha)

      Elimina
  3. Ciao e grazie per esserti iscritto da me ^.^
    Io non faccio spesso sogni ricorrenti, anche se per un pochino di tempo sognavo con una certa frequenza scene simili. Quel che mi capita è, invece, che in certi periodi per diverse notti di seguito io abbia degli incubi. Spazio dal soprannaturale -demoni, fantasmi- allo splatter -gente che mi insegue per spararmi, animali viscidi che si insinuano dentro i vestiti-. Insomma, cose tipiche di una persona che non desterebbe timori ad uno psicologo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata qua Paola :)

      Tu non scherzi allora: con gli incubi ci vai giù pesante. Bello il sogno in cui la gente ti insegue per spararti :D Il prossimo sarà uno che ti insegue con le forbici per tagliarti i capelli

      Elimina
    2. Quello ormai è un incubo diventato realtà ma mi hai fatto ridere

      Elimina

Posta un commento