Passa ai contenuti principali

Film: He Man e i dominatori dell'universo


Per la sezione "Riky Reload" (recupero di vecchi articoli del blog), andiamo a ripescare la recensione di "He Man e i dominatori dell'universo", live action dedicato al mitico personaggio della celebre serie animata degli anni '80


Assieme ai Ghostbusters (quelli della Filmation's, prima ancora dei The Real), il primo incubo di mia mamma, costretta a sopportare la mia esaltazione per quel tizio muscoloso con parruccone biondo e mutande e soprattutto a finanziare l'acquisto dei famigerati pupazzetti. Cartoni anni '80: lo strumento di maggior persuasione per indurre noi telespettatori a comprare i giocattoli che rappresentavano i nostri eroi. Alla Mattel però il cartone animato made Filmation's non bastava e c'era anche un giornaletto, "Magic Boy", definito dal Doc Manatthan come "La pubblicità con un po' di rivista attorno".

Inutile dire che del "Magic Boy" l'indiscusso protagonista, con fumetti, pubblicità e giochi, era lui, il dominatore di Eternia. Proprio qui, a fine estate 1987, all'età di 4 anni, vidi uno strano servizio su un film...su quelli che io chiamavo brevemente MASTERS. All'epoca fu pollice verso. Non capivo la presenza di pistole laser (eppure in quell'anno comparivano i primi personaggi strani, non presenti nella serie tv), ma soprattutto quello Skeletor lì: tutto nero, triste, vestito con un sacco, con quella faccia bianca bianca. Mia mamma tirò un sospiro di sollievo: non fu costretta a sorbirsi il film al cinema, come poi avvenne con le Tartarughe Ninja. La parentesi cinematografica di He-Man fu dimenticata e ad un certo punto anche il grande eroe fu accantonato: meglio le Tartarughe Ninja, i Lego e i Ghostbusters (compresi i The Real).A distanza di tanto tempo, da sfigato universitario, la decisione: ma cazzo, guardiamoci il film dei MASTERS. Quel film che da piccolo avevo schivato, schifato. Film trasmesso spesso, fino a qualche anno fa, su Rai 4, il cui addetto al palinsesto deve avere avuto una gioventù simile alla mia, avendo avuto il coraggio di proporre in prima serata sia questo titolo che MORTAL KOMBAT DISTRUZIONE TOTALE (sic).

Come riassumere in poche parole He-Man i dominatori dell'universo ? Un film tipicamente anni '80 e questo basta per consegnarlo alla gloria, anche se per il suo contenuto si avvicina molto al genere di "Howard e il destino del mondo": i buoni dallo spazio contro i cattivi dallo spazio che si ritrovano sulla terra, un ragazzo e una ragazza dolci, semplici e innamorati (e anche un po' sfigati) che danno manforte ai buoni. Il tutto senza violenza, sesso e altre cattiverie: il pubblico dell'epoca era un pubblico di bambini e ragazzini, che rispetto ai loro coetanei attuali, avevano per fortuna altri gusti. Tanto piu' che anche i costumi succinti di Evil-lyn e Teela vengono radicalmente modificati e alla fine dei vecchi personaggi riconosci solo Man at Arms (per i baffi), He Man (nel complesso ci assomiglia, anzi e' più figo con quel mantellone e le spalline) e Skeletor (per la faccia da teschio, mica per altro).


Quest'ultimo, il grande villain, un capitoletto lo merita e non solo per la mutazione finale (si veda foto, Skeletor pronto per il Carnevale di Rio): un po' dimesso, senza quell'ironia che ne ha contraddistinto la controparte cartonata, ma tutto sommato neanche così cattivo e crudele (con tutti i filtri possibili, era pur sempre il cattivo di un cartone animato anni '80). Al massimo si concede due-tre frustate sulla schiena di He-Man catturato e la polverizzazione di uno sgherro, sul quale aveva mal riposto la sua fiducia. E' uno Skeletor anzianotto, ampolloso e prolisso nei suoi discorsi, così educato e composto quando invade la terra. Potrebbe fare un disastro con quei due cannoni del suo mezzo volante, niente. Sotto il suo mascherone plasticoso c'e' il grande Frank Langella: interpretazione ottima e sprecata. Un plauso al professionista che ha dato l'anima per un personaggio così scadente.

I nomi importanti nel cast non mancano comunque: Dolph Lundgren è pur sempre un maestro del genere, poi c'e' la giovane Courtney Cox. Il problema principale della pellicola non è dunque il cast, non è la povertà degli effetti speciali (il telone che rappresenta il paesaggio spaziale-desertico e' espediente usato spesso, anche in filmoni come Evil Dead II), non è il suo stile così '80. Non è la volontà del regista di scimmiottare, partendo alla musica, Star Wars. Il problema principale è costituito dai cattivi. Skeletor aveva con sè una schiera di temibili e allo stesso tempo buffi sgherri mostruosi; nel film, per ragioni di budget, è invece affiancato dalla sola Evil-Lyn e da tanti soldati (sigh). Soldati rubati nel magazzino di Star Wars e ridipinti di nero. Ri-sigh. A raddrizzare la situazione dovrebbero pensare i quattro MERCENARI ("Sì, signore !"), incaricati di cacciare He-Man sulla terra. E qui il film sprofonda. Passi Beastman con l'armatura, ma gli altri tre idioti che lo affiancano sono miserabili. Da Blade, spadaccino spuntato, a Saurod, triste lucertola con armatura e movenze da bambino ad una festa di carnevale, fino ad arrivare a Karg, un tizio basso, con un uncino nella mano sinistra e un coltellino grande come un piccolo pene nella mano destra. Un personaggio così brutto, che la Mattel è stata costretta ad una decisione clamorosa: niente pupazzetto di Karg. Ah poi c'e' Gwildor, il nano, un mascherone di cartone che fa tanto rimpiangere il grande Orko. Lui però è tra i buoni ! Ho scritto tanto; per riassumere il tutto cito ciò che lessi qualche anno fa sul web: "per chi ha trascorso l'infanzia sdraiato sul freddo pavimento di casa intento a fare a pezzi i pupazzi di plastica creati dalla Mattel, è veramente impossibile non provare almeno un po' d'affetto per questa cagatona siderale". Parole Sante. IO HO IL POTERE !


Commenti

  1. Pensa che oggi i fan farebbero carte false per avere l'action figure di Karg, ma la Mattel (anzi, adesso i Super7) non possono per motivi di copyright: i diritti sono rimasti alla casa produttrice del film. La scappatoia ci sarebbe: Karg appare anche nei fumetti. Ma chissà :)
    Comunque film cult oggi, odiato ieri.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nooo ti prego :D va bene essere fan, ma Karg no...

      Elimina
    2. Beh, per completezza, vogliono tutto^^

      Moz-

      Elimina
    3. anche se io non dovrei parlare, avevo quella specie di droide senza gamba ma con una piattaforma per simulare il suo movimento a mo' di trottola :D

      Elimina
    4. Dato che siamo tornati qui, ti dico: l'action figure di Karg sta per uscire^^

      Moz-

      Elimina
    5. La compro per insultarla :D ogni sera, prima di andare a letto.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…