Passa ai contenuti principali

Come è il vostro lunedì?

Il lunedì rappresenta in genere un giorno tragico per tutti: gli studenti tornano a scuola, i lavoratori ai loro impieghi.

Io non faccio eccezione, anche se vivo il lunedì in modo diverso. Come è noto ad amici, parenti e conoscenti, lavoro in studio di registrazione da lunedì al giovedì (12.30-18.30), il venerdì è il mio giorno di riposo, mentre il sabato e la domenica pomeriggio sono impegnato nello studio di casa nell'aggiornamento del sito per cui lavoro. E la domenica pomeriggio è di fuoco, per il lavoro di raccolta informazioni e scrittura di articoli sul calcio locale.

Quindi il lunedì non ho il trauma del ritorno al lavoro dopo due giorni di riposo (né della sveglia, l'orario è sempre quello, tra le 8 e le 8.15), ma la stanchezza (mentale, non fisica), che è conseguenza di due giorni di lavoro.

Il problema è che questa mia stanchezza mentale mi porta a tirare i remi in barca: fortunatamente il lunedì è il giorno in cui fisiologicamente c'è meno "materia" da trattare: la cronaca viene magari sviscerata il lunedì mattina, gli uffici stampa partono a ritmi bassi, il tribunale è scarno di notizie, per coprire il notiziario sportivo della radio ci sono le interviste del Rimini Calcio.

Quindi mi impegno di meno. E cazzeggio di più, per la sfortuna di chi ha un blog e riceve le mie visite e commenti.

E il vostro lunedì come è?

Commenti

  1. Hai cambiato tema grafico? :)
    In ogni caso, lo scorso anno per me il lunedì era il giorno di riposo.
    Quindi era liberatorio ma comunque puoi immaginare che lo fosse solo per me...
    Ora è tornato a essere il giorno in cui si riprende a fare, diciamo che preferisco il martedì XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Sii stamattina ho dato una rinfrescata...blogger è veramente comodo. Allora viva il martedì!

    RispondiElimina
  3. In genere il lunedì è comunque un trauma, anche se lavoro da casa, adoro il mio lavoro e al momento lo svolgo solo al pomeriggio perché al mattino mi dedico a mia figlia di 10 mesi. Ieri è stato un lunedì partito di schifo, con mia suocera che si è rotta il polso (quindi dovrò trovare il modo di coprire i pomeriggi in cui mi teneva lei la piccola), e finito peggio, visto che stanotte la bimba ha deciso di stare sveglia – anzi, di dormire solo in braccio – dalle 2.30 a dopo le 5. Ora dorme, cosa ci faccio io qui? Boh, ma almeno è martedì ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo alla suocera! Comunque è un bel lavoro..anche essere mamma.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…