Passa ai contenuti principali

Come è il vostro lunedì?

Il lunedì rappresenta in genere un giorno tragico per tutti: gli studenti tornano a scuola, i lavoratori ai loro impieghi.

Io non faccio eccezione, anche se vivo il lunedì in modo diverso. Come è noto ad amici, parenti e conoscenti, lavoro in studio di registrazione da lunedì al giovedì (12.30-18.30), il venerdì è il mio giorno di riposo, mentre il sabato e la domenica pomeriggio sono impegnato nello studio di casa nell'aggiornamento del sito per cui lavoro. E la domenica pomeriggio è di fuoco, per il lavoro di raccolta informazioni e scrittura di articoli sul calcio locale.

Quindi il lunedì non ho il trauma del ritorno al lavoro dopo due giorni di riposo (né della sveglia, l'orario è sempre quello, tra le 8 e le 8.15), ma la stanchezza (mentale, non fisica), che è conseguenza di due giorni di lavoro.

Il problema è che questa mia stanchezza mentale mi porta a tirare i remi in barca: fortunatamente il lunedì è il giorno in cui fisiologicamente c'è meno "materia" da trattare: la cronaca viene magari sviscerata il lunedì mattina, gli uffici stampa partono a ritmi bassi, il tribunale è scarno di notizie, per coprire il notiziario sportivo della radio ci sono le interviste del Rimini Calcio.

Quindi mi impegno di meno. E cazzeggio di più, per la sfortuna di chi ha un blog e riceve le mie visite e commenti.

E il vostro lunedì come è?

Commenti

  1. Hai cambiato tema grafico? :)
    In ogni caso, lo scorso anno per me il lunedì era il giorno di riposo.
    Quindi era liberatorio ma comunque puoi immaginare che lo fosse solo per me...
    Ora è tornato a essere il giorno in cui si riprende a fare, diciamo che preferisco il martedì XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Sii stamattina ho dato una rinfrescata...blogger è veramente comodo. Allora viva il martedì!

    RispondiElimina
  3. In genere il lunedì è comunque un trauma, anche se lavoro da casa, adoro il mio lavoro e al momento lo svolgo solo al pomeriggio perché al mattino mi dedico a mia figlia di 10 mesi. Ieri è stato un lunedì partito di schifo, con mia suocera che si è rotta il polso (quindi dovrò trovare il modo di coprire i pomeriggi in cui mi teneva lei la piccola), e finito peggio, visto che stanotte la bimba ha deciso di stare sveglia – anzi, di dormire solo in braccio – dalle 2.30 a dopo le 5. Ora dorme, cosa ci faccio io qui? Boh, ma almeno è martedì ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo alla suocera! Comunque è un bel lavoro..anche essere mamma.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…