Passa ai contenuti principali

Alla comunione di mio nipote

(liberamente tratto da una poesia dell'indimenticato Rino)


Alla comunione di mio nipote

le mamme parlano e i bimbi sono a giocare

Mio padre ha appena finito la sedicesima pasta


Alla comunione di mio nipote

ci si sente come in una riunione della Carboneria

ma non si sente fischiare il cellulare


Alla comunione di mio nipote

Il treno passa, qualcuno ha messo su famiglia, altri hanno trovato la donna

E io aspetto, ma non fischia il cellulare.


Proprio adesso ho spento, ho spento il cellulare

un braccialetto d'argento e un segnaposto di carta

il bisogno di una parola, di un gesto


Il treno non passa ancora, eppure io l'aspetto

La canzone più corta di questa anche lei è finita

La vita, la vita e la luna si è sposata


Alla comunione di mio nipote

il telefono guardavo, ma non ha fischiato

ho pensato a lei sacra a Marte e a quel messaggio


Alla comunione di mio nipote

il mare era calmo, l'aria tiepida come maggio

c'era serenità e non c'erano cattivi pensieri


Capofortuna però preparava lo sfondo per il discorso

le dotte citazioni per conquistare il pubblico

le battute e le accuse, lo scherzo e il complottismo


ma con i principi e i valori ci si sciacqua la bocca

Io non cerco la folla, non cerco il pubblico

non sogno più la Chiesa vuota il giorno del mio funerale


ma vedo la mia salma portata a spalle da gente che bestemmia e che ce l'ha con me

povera povera povera la mia anima

vi racconterò di Nitti e rideremo assieme


E' passato il treno

m'ha guardato il treno

si è scordato il treno


Il treno non passa ancora eppure io l'aspetto

la canzone più corta di questa anche lei è finita

La vita, la vita e la luna si è sposata


la vita, la vita e la luna si è sposata

la vita, la vita e la luna si è sposata

la vita, la vita e la luna si è sposata

Commenti

  1. Tradito dalla luna... sempre meglio che da Rita... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, tradito no :D . Comunque da domani abbandono riflessioni e frasi criptiche :D

      Elimina
  2. Io penso che il treno non smetta mai di passare per nessuno.
    Non ci credo proprio al "il treno passa una sola volta". Pffff, secondo te, per tutti gli anni che abbiamo da vivere il destino, o Dio, il karma o quello che vuoi, ci lascia a piedi?!
    Naaaaah, non penso assolutamente ^.^ penso più che altro che quelli che sono passati e non ci hanno visto dentro fossero solo diretti in direzioni che non ci appartengono :) ed è meglio rimanere in stazione ad aspettare ancora un pochino piuttosto che ritrovarsi chissà dove :)
    Poi beh, se ti va di viaggiare ogni tanto puoi anche saltare su un treno mai preso prima ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il treno passa, ma ci saliremo? O lo guarderemo passare? Quanti treni abbiamo lasciato passare? :D

      Elimina
    2. Questo puoi saperlo solo tu ^.^ perché fino ad ora non ci sei salito? Hai capito che non era quello che ti interessava? Non ne hai avuto il coraggio? Avevi di meglio da fare?
      Io penso che dentro uno se lo senta il perché fa determinare scelte, a volte anche irrazionali o apparentemente "sbagliate"

      Elimina
    3. Diciamo che a volte si è saliti sul treno, per poi essere spinti fuori :D

      Elimina
    4. Probabilmente la maggior parte delle volte si è rimasti in stazione ad aspettare il treno "giusto", scegliendo di non salire su determinati convogli. Altre volte si è saliti sul treno, con poche o molte speranze a seconda dei casi, ma siamo scesi alla prima fermata :D, non per nostra volontà. Ma d'altra parte...questa è la vita.

      Elimina
    5. Io penso che prima o poi ti sarai grato di non essere salito su tutti i treni disponibili ^.^ e te ne sarà anche qualcun altro :) che magari non te ne sei accorto, ma chissà quanta sporcizia su quei treni da cui ti sei salvato xD

      Elimina
    6. Ahah, no, in effetti aveva ragione anche chi mi ha buttato giù dal treno XD. Comunque domani ho la comunione bis con il pranzone, vediamo se mi ispira di nuovo..

      Elimina
    7. ahah siii, è una rivisitazione-riaggiustamento :D. Nella mia vita l'ho sempre fatto: prendere della canzoni e modificarle per sentirle ancor più mie.

      Elimina
    8. Molto bello :)
      Allora spero che ti possa ispirare qualcosa di più sereno :) per te, non per noi che leggiamo xD

      Elimina
    9. grazieeee :). Comunque ero serenissimo: "c'era serenità e non c'erano cattivi pensieri", cit.

      Diciamo che sono molto criptico :D

      Elimina
    10. Benvenuto nel mio mondo allora xD

      Elimina
    11. ahhaha, ricordati di aggiornare il blog!

      Elimina
    12. Devo pensare a cosa vorrei che leggeste xD

      Elimina
    13. Intanto leggiamo questo nostro memorabile botta e risposta :D

      Cosa vorremmo leggere io e Miki:

      - qualcosa su robottoni, supereroi, cazzotti, mostri, paperi, mattoncini, vecchine che sculacciano i mappamondi

      Cosa vorrebbero leggere i miei capi:

      - qualcosa sul Triathlon

      Cosa vorrebbe leggere il web:

      - storie a sfondo sessuale

      Elimina
    14. L'ultima mi ha fatto venire in mente questo mio vecchio post. Ed ho riso da sola per un bel paio di minuti

      http://tralestelle.blogspot.it/2014/10/ci-si-deve-assaporare.html?m=0

      Non è per pubblicizzare il mio blog, eh xD

      Elimina
    15. ahha, fortissimo quel post. Però non è quello che intendevo io. Ho detto "a sfondo sessuale" per non turbare il tuo animo, ma intendevo qualcosa di diverso :D

      Elimina
    16. Ahah, "turbare il mio amimo" è bellissimo xD comunque allora grazie per questa censura xD

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…