Passa ai contenuti principali

Power Rangers, il fumetto "dark" pubblicato da Panini: la recensione di "Un nuovo inizio"


"I fan duri e puri dei Rangers avranno esattamente quello che desideravano da anni: un rilancio che è intelligente, accessibile, e che non sacrifica quello che ci aveva reso fan". Estratta da una recensione e riportata sul retro della copertina, la frase riassume l'essenza dell'innovativa serie a fumetti dedicata ai Power Rangers, lanciata dai Boom!Studios. La Panini ha fatto finalmente uscire la versione italiana: il primo volume ("Un nuovo inizio") raccoglie i primi cinque numeri usciti in America.




Il ritorno dei Power Rangers, a 24 anni di distanza e in versione fumetto. La sceneggiatura di Kyle Higgins e gli splendidi disegni di Hendry Prasetya offrono una versione moderna e filtrata: addio attacchi in serie e ripetuti, ma sempre singoli, di mostri bizzarri e spesso goffi; addio strane mosse e pose; addio anche alla rassicuranti vicende quotidiane dei nostri eroi, tolta la tuta colorata. "Un nuovo inizio" riparte dall'ingresso di Tommy nel gruppo (in sostanza da ciò che avviene nell'episodio 18 della serie televisiva). I personaggi sono gli stessi di 24 anni fa: oltre a Tommy incontriamo Jason, Zach, Billy, Kim e Trini; ma anche Bulk&Skull, Zordon, Alpha 5, Rita Repulsa e la sua banda di cattivi al completo; ovviamente ritroviamo i bellissimi Zord. A livello grafico, tutto fedele all'origine, tranne ovviamente i vestiti che indossano i Power Rangers nella vita di tutti i giorni (addio alle salopette anni '80 ultra large di Billy, per nascondere il fisico muscoloso dell'attore David Yost, tanto per dirne una). Quello che cambia..è tutto il resto. Rita Repulsa non manda attacchi continui e ripetitivi, ma ha una sua strategia precisa. E vuole riportare Tommy dalla sua parte. Scorpina è sexy e terribile. Finster non è il pupazzone simpatico della serie, ma trasmette malvagità dal suo sguardo. Squatt sembra uscito da Devilman. Il cambiamento maggiore riguarda però i Power Rangers.


Come già fatto notare in un precedente articolo, nella storica serie "Mighty Morphin Power Rangers", ancor prima di acquisire i poteri, i protagonisti erano ragazzi prodigio. Perfetti o quasi. Quasi stucchevoli nella loro perfezione: studiosi, sportivi, impegnati nella tutela dell'ambiente, pronti a intervenire per aiutare chi è in difficoltà o per raddrizzare un torto. I Power Rangers dei Boom!Studios non sono neppure una squadra pienamente affiatata. "Un nuovo inizio" ruota intorno alle difficoltà di Tommy di abituarsi alla nuova vita da supereroe, ma anche a quelle di farsi accettare dal gruppo. Proprio così. Jason sembra mostrare insofferenza perché dentro di sè sembra teme per la sua leadership, ma ad ogni modo è sotto pressione proprio per essere il leader del gruppo. Zach con Tommy pare proprio non avere feeling e in sua assenza non esita ad esprimere i dubbi sul suo passaggio alle forze del bene. E Tommy? Scordatevi il personaggio ottimista del telefilm. Il Green Rangers è aggressivo e determinato sul campo da battaglia, ma allo stesso tempo fragile, perseguitato dai fantasmi del recente passato. E si sente solo. Una sensazione che un centinaio di telefilm non ha mai trasmesso. Un Power Rangers che si sente sfiduciato perché solo!


Gli unici personaggi quasi sovrapponibili alle controparti "originali" sono il geniale Billy e la saggia e riflessiva Trini. In un dialogo a due, riemerge quel feeling solamente abbozzato nel telefilm. E Kimberly? Niente ginnastica, ricorda il personaggio un po' superficiale dell'episodio pilota, con qualche atteggiamento visto anche nelle prime puntate della serie televisiva. Ma del gruppo, con Trini, è l'unica a mostrarsi fiduciosa sul nuovo Ranger Tommy. E non solo: la nostra Kim già manifesta una certa attrazione verso il nuovo arrivato.


Non rimane che attendere l'uscita del volume II per proseguire le emozionati avventure dei vecchi-nuovi Power Rangers. Go, go!

Commenti

  1. Bene! Ecco la tua recensione! :)
    Vero, molto importanti gli spunti "inediti" e sicuramente più maturi di questo fumetto.

    Certo, da ragazzino apprezzavo la "perfezione" dei Rangers: beneficenza, organizzazione eventi, promotori di sport e via dicendo.
    Ovvio che c'era bisogno di qualcosa di nuovo e "reale", forse derivato dalla lezione giapponese sui personaggi, che non sempre possono essere perfetti ma a volte le loro ombre sono più che interessanti^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo da bambini non stavamo a notare certi dettagli, da grandi si :) e li pretendiamo. Ad esempio mi dispiace che in 13 episodi, finora, non ci sia stata nessuna parentesi sentimentale :D

      Elimina
    2. Beh, il telefilm ha tirato per le lunghe tutta la storia tra Tommy e Kimberly, concludendola pergiunta ben oltre l'uscita di scena di lei XD

      Moz-

      Elimina
  2. Oddio, in effetti è vero, però su 2000 episodi sono pochissime le parentesi amorose. Chiaro che non è che volessimo beautiful o Sailor Moon Crystal (il remake con un livello di zuccheri e miele pari al 250%), però dai..potevano osare qualcosina di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, io amo Crystal, perché fedelissimo al manga!
      Guarda che nel primo anime fecero mettere assieme Rea e Marzio, eh! XD

      Moz-

      Elimina
    2. Oddio, quando avvenne questa cosa :D non me la ricordo proprio

      Elimina
  3. Bella rece, concordo su tutto. L'unica cosa che non mi ha convinto è il momento della trasformazione che trovo poco adatta al fumetto, meglio come han fatto con Tommy quando affronta da solo Scorpina per intenderci.

    Arcangelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arcangelo,
      l'auspicio è che la Panini prosegua con la pubblicazione (questi volumetti sono la raccolta uscita anche in America). Purtroppo anteprima Panini ci lascia a secco per aprile, maggio e giugno. Una tortura. Speriamo a luglio di poter avere l'atteso volume 2 che raccolga i numeri dal 5 al 9. In Usa a luglio saranno già al 17!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …