Passa ai contenuti principali

La classifica delle migliori merendine Mulino Bianco anni '80-'90


L'amico MikiMoz, blogger con cui condivido diverse "passioni", nonché l'anno di nascita (classe 1983!), ha realizzato un'interessantissimo post sulle storiche merendine del Mulino Bianco. Approfitto del suo ottimo articolo per mettere in ordine i prodotti da lui ricordati.




1) SOLDINO: una merendina squisita, pan di spagna e tanta cioccolata, con la chicca rappresentata dal soldino di cioccolata. Io lo mangiavo subito, per l'amico Miki era il boccone finale. E voi?

2) TEGOLINO: pan di spagna e cioccolata, mix vincente. Adoravo il contrasto tra le "strisce" di cioccolata. Che infanzia triste per chi non ha avuto la possibilità di mangiare lo storico Tegolino nel formato quadrato.

3) CROSTATINA: nella mia piccola Novafeltria era la merendina più diffusa nei supermercati, in entrambe le varianti, cioccolata e marmellata. L'unico problema era quando si portavano per la ricreazione a scuola: finivano inevitabilmente per sbriciolarsi. Spodestano il saccottino, perché quest'ultimo aveva sempre molto meno ripieno rispetto alle immagini pubblicitarie.

Le altre posizioni: 4) saccottino 5) plumcake 6) tortine di frutta 7) Trancino 8) camille 9) Iogoroll.

Commenti

  1. La mia crostatina preferita era quella alla fragola, manco a farlo a posta, è l'unica che non producono più... XD
    Del trancino mi ricordo una cosa: quando facevi scoppiare la confezione, fuoriusciva il ripieno come fosse diarrea XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Quella alla fragola da noi non esisteva, era già fuori produzione! Del trancino mica mi ricordo questa cosa...però era una merendina triste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' andata fuori produzione, credo, a fine anni '80 o inizio '90... Un vero peccato.

      Moz-

      Elimina
  3. già..comunque dovrai fare anche il post su mister day :) e kinder

    RispondiElimina
  4. Mi sento triste e abbandonato :-))) nessuno che citi la fiesta, la girella o i togo( vero, i togo tecnicamente non sono una merendina ma erano buoni) Questi post (quello di Moz ed il tuo) sono stati anche un'occasione per un tuffo nel passato e nei ricordi di quando si era piccoli ee spensierati come tu stesso hai scritto da Moz.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele, grazie per essere passato di qua :)

      Io sono andato a ruota al post di Miki, mettendo in ordine di preferenza.

      Però si trattava solo di merendine Mulino Bianco. Sicuramente avremo modo di parlare di altre schif ehm merendine in futuro!

      Elimina
  5. Ah, ma dunque posso chiamare entrambi "classe"! Anch'io dell'83. Io amavo i tegolini, ma mia mamma comprava sempre i trancini (un po' più sfigatelli, forse costavano meno) e di tanto in tanto le crostatine, che però in cartella si sbriciolavano sempre e quindi uffa. Però, olio di palma o no, Mulino Bianco vince a mani basse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata di qua Miky :), non ti spaventare per i temi trattati :D, qua è pieno cazzeggio (tranne qualche eccezione). Volendo posso parlare di cose più serie XD. Comunque la classe 1983 è mitica. Tornando al tema merendine, il trancino era triste, tristissimo.

      Elimina
    2. Ti dico cos'era più triste ancora: le MixMax (Balconi). A un certo punto mia mamma comprava solo quelle (immagino sempre per risparmiare). Una specie di Fiesta malissimoriuscita. Una tipica "vorrei-ma-non-posso". Adesso vado a piangere in un angolo per la mia triste infanzia. :D

      Elimina
    3. Cosa mi hai fatto venire in mente Miky....le mie ultime merendine! Ai tempi dell'università uno dei miei due amici coinquilini le portava su nel nostro mitico appartamento di via Begatto a Bologna...io avevo da tempo smesso di mangiare merendine (ma c'erano gli snack) però ammetto di aver mangiato qualcosa :D soprattutto i mitici rollini. Quando li ho visti in tv, anni dopo, sono rimasto stupito :D

      Elimina
  6. sto facendo delle prove, ahha

    http://oi67.tinypic.com/2h4x892.jpg

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…