Passa ai contenuti principali

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell'Amburgo! Sugli altri è inerme. Warner a mio modo di vedere diventa l'Alan Crocker (Yuzo Morisaki) della nazionale giapponese...Benji gli conferisce l'onore delle armi nella finale del World Youth, al momento della sostituzione nei tempi supplementari ("Come potenziale di difesa siamo pari, come potenziale d'attacco è più forte): ora vero che Wakashimazu è un ottimo attaccante e nelle saghe successive giocherà in questo ruolo (!), ma è altresì vero che tra i pali Genzo lascia all'asciutto lo svedese Levin (quello che gli aveva distrutto i polsi e gli ha distrutti al potente Muller della Germania!) e l'attacco olandese, subendo due sole reti dal fortissimo Brasile di Natureza e Santana. Wakashimazu ne becca quattro dall'Uruguay. Non c'è confronto tra un portiere titolare nella Bundesliga e uno titolare nel campionato giapponese...


5) Ricardo Espadas (Messico). Agilissimo portiere abile nelle uscite e con il pallone tra i piedi. Se Luiz Hernandez per stile ricorda quello di Genzo, Espadas ricorda Wakashizmazu per le azioni offensive da giocatore vero e proprio. D'altra parte Espadas non è altro che Jorge Campos, vero portiere del Messico che spesso veniva schierato come attaccante. Ma Espadas, rispetto a Wakashimazu, sembra avere qualcosa di più tra i pali.


4) Luis Hernandez (Italia). E' la trasposizione fumettistica di Dino Zoff. Nel mondiale U16 è presentato come il "portiere perfetto" (sic). In effetti neutralizza diverse palle gol del Giappone, compreso il "drive shot" di Tsubasa-Holly. Come Benji nella prima sfida con Holly, si inchina a una combinazione del n.10 con l'amico fraterno Taro Misaki-Tom Becker. Poi si fa piegare la mano dal bolide di Kojiro Hyuga. Nel mondiale U16 è sostanzialmente alla pari con Genzo, un gradino sotto Deuter Muller. Nel World Youth invece cede al forte attacco dell'Uruguay, dando l'impressione di aver perso forza rispetto ai due rivali, il nipponico e il tedesco.


3) Deuter Muller (Germania). Il colossale portiere tedesco si allena con i massi (!) e sembra un muro insuperabile per gli attaccanti del Giappone nella finale del mondiale U16. Come già capitato a Benji ed Hernandez, cede alla combinazione Tra Tom e Holly. Come Hernandez si fa piegare dal bolide di Kojiro-Mark (dal neo Tiger Shot) e come Benji si fa superare da una mitica rovesciata di Tsubasa-Holly. All'epoca è probabilmente il miglior portiere. Ma al World Youth, a differenza di Benji, cede al terribile "Levin Shot" del campione svedese.


2) Ricardo Salinas (Brasile). Prima della finale del World Youth mantiene inviolata la porta, per poi cedere alla forza dell'attacco giapponese. Gioca a maniche corte e ricorda Taffarel, il mitico portiere del Brasile a Usa 94. Grandissima agilità, ma anche grande forza nella presa, che gli permette di neutralizzare senza fatica il "Tornado Shot" di Hino dell'Uruguay e quello del compagno di squadra Santana (lo "Sky Wing Shot", che è la versione più potente del "tiro della bestia del fulmine" di Mark).


1) Genzo Wakabayashi (Benji Price). E' indubbiamente lui il miglior portiere del mondo. Riesce infatti a parare il "colpo del secolo", il tiro più potente dell'universo (ahha, il World Youth sembra Dragonball più che un manga calcistico): il Tornado Arrow Sky Wing Shot (!!!) di Santana, che unisce lo Sky Wing Shot di Santana ("Il tiro della bestia del fulmine di Mark potenziato) al Tornando Shot di Hino dell'Uruguay, aggiungendoci l'ulteriore combo dell'arrow (l'arco, cioè Santana afferra la sua gamba che sta per tirare per fare effetto arco). In precedenza aveva parato i due tiri "base" di Santana (lo Sky Wing Shot, quindi Benji può parare senza difficoltà il tiro di Mark, e la Rolling Overhead), nonché i famigerati bolidi di Levin nel quarto di finale con la Svezia. Per potenziarsi, il nostro portierone fa allenamenti da pugile, acquisendo una grande forza. Tra i pali stile sobrio ed essenziale (usa i legni come trampolino solo con Schneider), riesce a leggere con abilità le traiettorie (praticamente lo beffano solo Natureza e l'attaccante della Corea) e ha un incredibile forza nella presa. Nelle eliminatorie asiatiche del World Youth gioca infortunato, con i pugni rotti.

Commenti

  1. Uh, vedo che sei ferratissimo su Holly & Benji!
    Beh, dopotutto ami il calcio...!
    Di questi, ricordavo solo (oltre Benji) lo Zoff col cognome che non c'entra un cazzo con l'italiano e il portiere tedesco.
    Peccato che in Italia non siano mai arrivati gli episodi più nuovi...

    Moz-

    RispondiElimina
  2. In Italia col manga si sono fermati al World Youth per problemi di licenza Fifa (per la presenza di tanti giocatori e squadre del mondo reale - anche se secondo me bastava cambiare i nomi ed era fatta -); con l'anime Hanno fatto un terzo di World Youth (dopo l'ennesimo remake delle prime serie :\), poi un pezzo di Road to 2002 ma anche in questo caso facendo l'ennesimo inutile remake delle prime serie.

    RispondiElimina
  3. Io un fumetto su William Vecchi, l'uomo saracinesca che vinse una Coppa delle Coppe da solo, lo avrei disegnato... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahaah grande William, tralaltro ottimo preparatore dei portieri. A Donnarumma servirebbe la testa di Benji Price. Sicuramente prenderebbe a cazzotti Raiola :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…