Passa ai contenuti principali

Da Sheldon Cooper a Enzo Ceccotti, alcuni miti della cultura 'pop' degli anni 2000

Sul blog dell'amico MikiMoz abbiamo discusso a questo link di cultura 'pop' della decade che va dal 1985 al 1995, quella della nostra generazione classe 1983. Si è detto che i miti della cultura 'pop' di quel periodo tornano sempre e che al giorno d'oggi non ci sono degli equivalenti. Ebbene, per contraddire questa affermazione che ha comunque basi solide, vi presento un elenco di alcuni miei miti "pop" degli anni 2000.




ELVIS: interpretato magistralmente da Bruce Campbell, è il protagonista del romanzo fantasy "Bubba Ho-Tep" da cui è stato tratto l'omonimo film, un piccolo cult. Guardate il video e capite la "potenza" del personaggio. Un Elvis vecchio e stanco, ma che trova la forza di essere quell'eroe che aveva interpretato in diverse pellicole. Esempio di meta-teatro: a parlare più che Elvis è proprio Bruce Campbell.



SERGENTE ANGEL: personaggio di "Hot Fuzz" interpretato da Simon Pegg, secondo film della trilogia del "cornetto" del regista Edward Wright. Pegg&Frost interpretano sempre la coppia protagonista delle tre pellicole ("L'alba dei morti dementi" - "La fine del mondo"). Il sergente Angel è parodia del classico eroe del film d'azione: poliziotto super specializzato, campione in diverse discipline sportive, una macchina da guerra. E nella battaglia finale, fa un ingresso che più trionfale non si può. 



GARY KING: protagonista de "La fine del mondo", terzo film della trilogia del "cornetto", sempre interpretato da Simon Pegg. Nelle precedenti due pellicole, Pegg vestiva i panni del personaggio principale, mentre Frost sostanzialmente svolgeva il compito di spalla comica. Qui Frost è la spalla, ma è la persona seria, mentre Pegg interpreta King: alcolista non cresciuto, incapace di badare a se stesso. Ma nel finale della pellicola c'è una grande sorpresa. Con l'abbandono della terra da parte degli alieni intelligenti, l'umanità finisce in un'epoca di barbarie, un mondo post apocalittico alla Mad Max. E vediamo così Gary andare in giro armato di spada, un vero guerriero "cazzuto". E l'ultima battuta spacca lo schermo: "Io sono il re" (cioè King). Esaltazione a mille.



TALLAHASSEE: interpretato da un magistrale Woody Harrelson, è il co-protagonista di "Benvenuti a Zombieland" (2006), pellicola che come l'alba dei morti dementi affronta il tema zombie in modo ironico. Film che unisce i generi horror, commedia e azione (un po' come Ghostbusters, che è citato in maniera notevole...). E Tallahassee? "Beh, quando affronta uno zombie è un cacciatore di professione. Sangue freddo, nessuna emozione. E' un artista". Le parole del protagonista Columbus (Jesse Eisenberg) lo descrivono alla perfezione.


MICHAEL WESTEN: interpretato da Jeffrey Donovan, è il protagonista della serie "Burn Notice". Agente operativo della Cia "bruciato" (cioè espulso) è una sorta di James Bond "grezzo" incrociato con MacGyver e con un altra mezza dozzina di eroi anni '80. Insomma, costruisce una bomba usando materiali improvvisati e riesce a cavarsi dai guai nelle situazioni più disperate. E poi mena, mena bene e forte. Come tutti gli eroi "cazzuti", ha solo un problema: il rapporto con le donne.


GREG PARKER: avrei dovuto mettere tutto il gruppo di agenti di "Flashpoint", ma ho scelto la loro guida. Il mitico sergente interpretato da Enrico Colantoni (attore italo-canadese). E' il mediatore, colui che deve affrontare "verbalmente" persone pericolose e armate che tengono civili in ostaggio. Sangue freddo, capacità di valutare le situazioni e di mettersi nell'ottica delle persone che ha di fronte, sempre pronto ad aiutare gli altri e a consolare i propri agenti nei momenti di difficoltà. Un uomo che ha vinto le proprie difficoltà personali e che ora affronta le sfide, lavorative o non, con grande calma e saggezza.


SHELDON COOPER: protagonista della serie "The Big Bang Theory", Sheldon è un nerd diventato geek. E' genio assoluto, ma soprattutto un mito: non segue le regole, ma le regole le impone. Fatica ad adattarsi alla vita sociale e a comprendere le convinzioni sociali: cosa che capita anche a noi, più di una volta. Il ruolo di Sheldon ha consegnato al mito il bravissimo attore Jim Pearson.


ENZO CECCOTTI: intrepretato da Claudio Santamaria, è il protagonista di "Lo chiamavano Jeeg Robot". Un ladruncolo che acquisisce superpoteri dopo un incidente e che prima utilizza queste sue facoltà per "sopravvivere", poi per aiutare la giustizia. Il finale del film è qualcosa di estremamente epico e consegna all'immortalità il mito Enzo Ceccotti.


RALPH SPACCATUTTO: personaggio dell'omonimo film Disney-Pixar, che nasce peraltro come celebrazione del mondo dei videgiochi anni '80. Ma Ralph è un mito moderno. Grande forza fisica, poca intelligenza, ma grande sensibilità. Fa il cattivo nel videogioco, ma vorrebbe essere apprezzato per la sua bontà. Il film trasmette un intenso messaggio ai suoi spettatori: la gente ci ama per quello che siamo ed è questo che conta. Il giuramento del cattivo, nella fase cruciale del film, è uno dei momenti più commoventi della cinematografia disney.


EICHI ONIZUKA: protagonista del manga e dell'anime Great Teacher Onizuka, è un insegnante non proprio convenzionale..scarsa cultura, passato da teppista, ma la grande capacità di reagire alle difficoltà della vita. Anche lui come altri "miti" qui menzionati, sa difendersi bene...ma Onizuka non è solo cazzotti. Aiuta i suoi alunni e soprattutto insegna loro come affrontare la vita reale, cosa importante alla pari dello studio. E quanto sono strepitosi le facce di Onizuka e i suoi mascheramenti?


Commenti

  1. Eccomi qui!
    Ovviamente ho anche io i miti moderni, e di questi che citi posso riconoscere Sheldon (che odio), Ralph (presto pure un sequel, questo ne fa un mito), Jeeg de noantri e Onizuka.
    Gli altri non li conosco, o forse di sfuggita, ma ora sarà fico stilare una classifica dei MITI contemporanei, cioè proprio dagli anni 2000 a oggi :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Quindi Big Bang Theory lo inserisco tra i nostri punti di rottura XD.

    Tralasciando le serie che cito, Burn Notice e Flashpoint (ma in quest'ultima c'è la nostra amata Amy Jo Johnson), che ovviamente sono un po' lunghe, vediamo cosa dovresti vedere :D. Zombieland e l'alba dei morti dementi presuppongono che tu sia interessato agli zombie :D e mi ricordo che non erano molto tra i tuoi interessi, quindi puoi passare.

    Ma "Hot Fuzz", "la fine del mondo" e "Bubba Ho-Tep" dovresti recuperarli. Quanto meno i primi due :D, perché Bubba è comunque un po' di nicchia.

    RispondiElimina
  3. Eccomi (poi passo anche sul post del calcio!^^)
    Dunque: Flashpoint e L'alba dei morti dementi li ho visti :)
    Gli altri forse si forse no, non te lo saprei dire...
    Hot Fuzz vedo di recuperarlo^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Recupera anche "La fine del mondo", guardali pure uno dopo l'altro XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…