Passa ai contenuti principali

Come nasce una passione per il calcio: un post che può interessare anche a chi non ama il calcio (pt.1)

Il rapporto tra il sottoscritto e quello che una volta era definito il gioco più bello del mondo: aneddoti (credo) curiosi anche per chi davanti a una partita cambia immediatamente canale.



Premessa: non si parla di calcio giocato. Il praticare calcio, da parte mia, si è concretizzato in qualche partitella con gli amici, ma più che altro in tiri a pallone. Qui si parla di passione per il calcio a 360°. La mia ha radici profonde, parliamo infatti del 1987-1988, quando ancora non avevo compiuto i 5 anni di età (li avrei festeggiati il 3 giugno 1988).

UN CARTONE ANIMATO: non è stato Holly e Benji, il noto anime dedicato ai due fuoriclasse del calcio, a farmi nascere questa passione. Ma il film "Pomi d'ottone e manici di scopa". Incredibile vero? Ma è così. Nell'asilo che frequentavo c'era una piccola saletta per le proiezioni. Le maestre ci mostravano la scena della partita di calcio tra animali. Solo quella, di tutta la pellicola, e in modo assiduo. Fui letteralmente rapito da quello scalcinato incontro, protagonisti ghepardo, elefante, leone, rinoceronte...e lo scimmione portiere, che mi ricordava il mitico Grunt degli acchiappafantasmi. Grazie a "Pomi d'ottone e manici di scopa" nacque la mia grande passione per il calcio.


IL GUERIN SPORTIVO ALL'ASILO: secondo elemento chiave fu un Guerin Sportivo, noto settimanale calcistico, che apparve a sorpresa tra i giochi dell'asilo. Come era possibile? Qualcuno lo aveva dimenticato. Forse la mia stessa maestra, che in seguito divenne presidente di una squadra di calcio locale. Ma cosa attirò la mia attenzione? Lo splendido "Film del Campionato", il fascicolo centrale di 16 pagine con le foto delle partite e soprattutto "le moviole" di Paolo Sabellucci, i disegni di tutte le reti. Tra le 16 squadre di Serie A, scelsi la mia preferita. Era il Milan, dalla splendida maglia a strisce rossoneri. La partita in questione fu quella casalinga con l'Avellino, vinta 3-0. Rimasi colpito in particolar modo dalla foto grande che rappresentava uno dei giovani campioni rossoneri, immortalato in una delle sue celebri incursioni: Paolo Maldini.


LE MEMORABILIA DI GIORGIO: i miei genitori lavoravano entrambi, così la nostra vicina di casa, la mitica Angelina, si occupava della casa...e del sottoscritto. In alcune occasioni andavo io a casa di Angelina e qui conobbi tutta la sua famiglia. Giorgio, il figlio primogenito, possedeva il fantastico Amiga con i dischi grandi e il fantastico gioco dei "The Real Ghostbusters". Ma soprattutto aveva due grandi cimeli. Il primo era il Subbuteo edizione 1982: con la squadra rossa (portiere gialla) e la squadra blu (portiere grigio). Il secondo una collezione di album Panini, di fine anni '70 e inizio anni '80. Fu allora che, con grande dispiacere, scoprii i due campionati di Serie B giocati dal mio Milan. Ma gli album Panini ebbero una felice conseguenza. Iniziai a copiare i nomi dei giocatori sui fogli di carta e ben presto imparai a scrivere. Nel contempo, grazie ai Topolino di mia sorella (e a mia sorella) imparavo a leggere. Così, ancor prima di iniziare a frequentare le scuole Elementari, sapevo leggere e scrivere. Ma questa è un'altra storia.


Commenti

  1. L'ultima frase -con leggere modifiche- avrei potuta scriverla io.
    Vero, è un post appassionante, anche perché pure io sono legato agli album Panini e al Guerin (ma in epoca più adulta).
    Ammazza, vedere di continuo le scene di Pomi d'ottone è tipo lavaggio del cervello XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Dovresti quasi fare un post anche tu :), la cosa di Guerin e album Panini mi interessa molto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, magari lo faccio... della serie Miki e...
      Quindi, Miki e... il calcio :)

      Moz-

      Elimina
    2. Allora lo attendo con curiosità :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…