Passa ai contenuti principali

Catastrofe cinese: cessione del Milan rimandata, addio Donnarumma?

Closing rimandato, ma il futuro del Milan è fortemente in bilico, non solo la permanenza di Donnarumma

Una doccia gelata. Niente closing neppure il 3 marzo. E' difficile spendere parole per quanto successo, da parte mia c'era piena convinzione e fiducia, anche se certi aspetti economici rimanevano oscuri. Ma pensavo che fosse tempo di smettere di essere economisti e di tornare ad essere tifosi, pensando solo alle questione tecniche. Non è così.

A questo punto è evidente che ci troviamo di fronte a un secondo broker "particolarmente avventuroso" (diciamo così...). Ma la colpa è di Silvio Berlusconi, che vende il Milan a un prezzo assurdo. Spendere oltre 500 milioni, garantire 200 milioni di debito, investire un centinaio di milioni per la gestione e poi il mercato. Nessun magnate trova conveniente un affare del genere. Fininvest ha poi le sue responsabilità. Ma non aveva garanzie sulla liquidità degli investitori?

Il closing probabilmente si farà lo stesso, perché Fininvest ha urgentemente bisogno di denaro e perché il Milan è una zavorra pesante sui conti. Berlusconi non cederebbe il Milan, ma si è ormai convinto. L'amore per il Milan è così grande che Silvio in sostanza ci vende al primo che passa, purché porti i soldi. E non basta mettere la toppa: "Fininvest e Berlusconi hanno detto no al closing anticipato perché preoccupati per il futuro del club".

L'idea di tenere il Milan stuzzica Silvio dal punto di vista romantico, ma lo terrorizza dal punto dei vista dei conti. Che non tornano. E il Milan, senza cessione, continuerà la sua discesa dal punto di vista tecnico. Ma la preoccupazione più grande per Belusconi sono le elezioni comunali di giugno e in prospettiva quelle future per la Presidenza del Consiglio. Presentarsi con un mercato di acquisti in prestito e di cessioni in pesante può essere un pesante danno di immagine. Non è facile far passare la favola del Milan "Giuovane e italiano" vendendo il tuo unico campione, giovane e italiano, Donnarumma. Eppure il destino è questo.

Con il passaggio di proprietà, Raiola difficilmente accetterà di legare il proprio assistito al Milan. Paradossalmente è la situazione peggiore. Solo un 28 febbraio al contrario - fatti che trasformino questa scombiccherata compagnia in una vera e propria cordata, affidabile - possono cambiare le cose.

Ma con Galliani e Fininvest in sella, il destino sembra lo stesso: Donnarumma ceduto a giugno. Possiamo pensare a un rinnovo di contratto, che aiuti il Milan e Raiola a incassare il più possibile, cedendo il giocatore all'estero. Possiamo pensare a un accordo favorevole alla Juventus: una sommetta per il Milan, un bella somma per Raiola e Galliani. Se closing sarà ad aprile, il rinnovo di Gigio sarà patata bollente di Fassone. In caso contrario toccherà a Galliani. Ma Adriano ha già le spalle scoperte. Si dirà che è colpa dei cinesi, che non hanno rispettato le promesse di acquistare il Milan.

A rimetterci come sempre sarà il tifoso, già distrutto da questo storico 28 febbraio. Una data che passerà alla storia, come il 20 febbraio di 31 anni fa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …