Passa ai contenuti principali

Transformers the Movie, due cortometraggi in uno

Prima di Transformers 2010 (Season 3 della mitica Generation One), il film in cui gli Autobots subiscono la grave perdita del mitico Optimus Prime-Commander.
"Transformers the Movie" è il primo lungometraggio sui robot trasformabili e arrivò nel 1986, molto prima del terribile ciclo di film a cura di Michael Bay. Come noto, rappresenta il passaggio tra le season 2 e 3 della mitica Generation One. Se prima il cartone animato dei Transformers doveva fungere da vetrina per i modellini "Diaclone", ora il film e la season 3 devono sostanzialmente introdurre dei personaggi che poi sarebbero stati venduti anche come giocattoli. Ok, giustamente chiederete la differenze: beh, prima avevamo robot che si trasformavano tutti in mezzi "reali" (fatta eccezione per dinosauri ed insetti), ora invece abbiamo anche jet, auto e cannoni spaziali in stile Cybertroniano: con necessità diverse in sede di formulazione della trama degli episodi.
Ma ciò che conta, in questo passaggio di consegne, è l'eliminazione dei vecchi personaggi, che avviene in modo letterale. Cioè gli Autobots vengono praticamente decimati nella prima parte del film, dall'attacco dei Decepticons, le cui perdite vengono "assorbite" dalla riconversione dei soldati morenti nei nuovi personaggi. Ciò avviene anche per i due comandanti: Megatron e Optimus Prime si affrontano a duello e si feriscono mortalmente. Il primo però viene salvato da Unicron e torna in vita come Galvatron, il secondo muore. Peraltro nel duello fatale Optimus avrebbe vinto, senza lo sciagurato intervento di Hot Rod, l'Autobot poi destinato a sostituirlo come comandante.
Guardando Transformers The Movie, si ha così l'impressione di trovarsi due pellicole distinte. La prima è più coesa ed emozionante, non solo per la sequenza di morti, ma anche per l'elevato livello di azione. Per spiegare ciò che penso sulla seconda, cito Alessandro Apreda, alias Doc Manatthan dell'Antro Atomico: "Film Strano. Con un inizio a trecento all'ora e poi varie scene e ambientazioni cucite tra loro non nel migliore dei modi. E farcite di cose bizzarre". Non potevano esserci parole migliori (ma il Doc non sbaglia un colpo). "Transformers The Movie", nella sua seconda parte, diventa in pratica anticipazione di quello che sarà la serie (vi invito a leggere la mia precedente e breve recensione). Non solo per l'introduzione dei Quintesson. Season 3 dei Transformers (Transformers 2010) è appunto un insieme di storie, personaggi, ambientazioni, nel segno di un bizzarro e di un trash che sublima fino a diventare culto. E anche di idee (come il fantasma di Starscream) che non sono state sviluppate nel migliore dei modi per mancanza probabilmente di tempi e soldi.
Comunque punto forte del film, senza dubbio, è la colonna sonora. Voto più che sufficiente: tra 6/7, ma con una buona longevità.

Commenti

  1. Avevo letto da qualche parte che in USA molti bambini caddero in depressione vedendo morire quella specie di surrogato di figura paterna che era Optimus Prime. Il fascino esercitato dal TIR rossoblu (diverse donne che conoscevo lo trovavano sexy), secondo me, è dovuto alla maschera e ai pettorali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In origine Ultra Magnus doveva essere l'upgrade di Optimus Prime: percorrendo questa strada, avrebbero evitato lo shock della morte del comandante degli Autobots. E invece...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …