Passa ai contenuti principali

Lego Movie: i diversi piani di lettura del film sui mattoncini

Film d'animazione del 2014 molto più strutturato, che va oltre ai consueti due livelli di lettura (quello in superficie per i bambini e quello più profondo, per gli adulti).
1° livello: la divertente storia di Emmett, le sue peripezie tra i diversi mondi Lego e la sfida al dittatore Lord Business. Lego Movie è ovviamente un film per bambini, un'ora e quaranta con tanta azione ed esplosioni, una cascata di mattoncini che dà vita a mondi, mezzi e personaggi. Anche se non mancano i momenti "dark", come l'immobilizzazione dei genitori del poliziotto "Poliduro", la cattura dei "Mastri Costruttori" e la decapitazione (!) di Vitruvius.
2° livello: Lego Movie è una pellicola con un humor molto intelligente, ma soprattutto infinite citazioni e omaggi. In primis quelli alle linee storiche della Lego. Uno dei personaggi principali è il mitico astronauta anni '80. Ma ci sono anche Batman, i personaggi Marvel, Star Wars. Lego Movie è un film per nerd, non necessariamente legati agli storici mattoncini. Da segnalare la divertente gag di Lanterna Verde che "perseguita" Superman, oppure, durante la presentazione dei "Mastri Costruttori", la presentazione consecutiva di Michelangelo Buonarroti e Michelangelo..delle Tartarughe Ninja.
3° livello: Lego Movie è un film effetto nostalgia per chi da piccolo ha trascorso ore giocando con i mattoncini. Un nodo stringe la gola nella parte finale, quando il cartone animato si fonde con il film. Cazzo, chiunque di noi abbia giocato con i Lego ha costruito i suoi personali Lego Movie, ha dato vita a personaggi anonimi e comuni, trasformandoli nei propri eroi, come avviene a Emmett. Un personaggio costruito e distribuito in mille copie e in mille scatole, ma a cui ogni bambino ha dato essenza, un nome, una storia, dei pregi e dei difetti.
4° livello: è il cuore di Lego Movie. E' una dicotomia tra l'ordine e il caos creativo. Lord Business costruisce un mondo perfetto basato su regole ed equilibri. I "Mastri Costruttori" invece vogliono infrangere le regole e la banalità, mettendo davanti a ogni cosa la propria creatività, l'estro e la fantasia. E' un volersi liberare rispetto alle omologazioni, a una società che impone e che schiva il diverso, ma in cui l'essere troppo uguali finisce per "spersonalizzare" l'individuo. Chi è Emmett, si chiedono i suoi concittadini. Per lasciare il segno, bisogna prima di tutto essere se stessi. Peraltro il finale del film lancia un messaggio chiaro: da soli, fantasia e creatività non bastano. Un po' di ordine e di regole non fanno male. Altrimenti si rischia l'anarchia, rappresentata dai Duplo che arrivano ad invadere il mondo dei lego.
5° livello: Lord Business è un metafora di Dio, che crea un mondo perfetto. Ma poi gli uomini, con la loro creatività e fantasia, vogliono spezzare la monotonia di quelle regole che gli sono imposte. Ma alla fine Lord Business-Dio accetta la "ribellione" capeggiata dall'uomo comune, Emmett, affezionato a quelle che sono le stesse creature frutto del suo lavoro.
Voto a Lego Movie? 9, impossibili resistergli. Diffidate dalle recensioni che vi parlano di un film banale, in quanto cuore di una semplice operazione commerciale. Lego Movie è molto di più.

Commenti

  1. Questo film è stato proprio geniale. È stata geniale la storia in sé, la perfetta fusione del mondo dei Lego con quello degli esseri umani, il caratterizzare i personaggi...veramente consigliatissimo.
    Poi io sinceramente non mi sono soffermata su tutti gli aspetti che hai toccato tu, però me lo sono goduta insieme a Mizio (che ho torturato canticchiando la canzone ogni minuto della giornata xD immagina la scena XD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaah povero Mauri :D, ma lui è il Poliduro versione buona :D

      Elimina
    2. Ahahah veramente quello sono io quando sono felice e poi di punto in bianco mi incacchio una bestia xD

      Elimina
    3. ahahhahahahaahaahahahahahaahaa in effetti XD

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …