Passa ai contenuti principali

I cinque set Micro Machines preferiti della mia infanzia, la classifica

Nuovo appuntamento con le classifiche legate alla mia infanzia. In questo caso ho scelto i cinque set Micro Machines preferiti.
5) Mini stazione ferroviaria Micro Machines: mi fu regalata per un Natale da un'amica di mia madre, una donna che è scomparsa quando ero uno studente universitario, portata via da un brutto male. Faceva parte della seconda ondata di mini-set, che uniti assieme andavano a formare una vera e propria città. A completamento, mia madre mi regalò il trenino Micro Machines per l'Epifania, con tanto di binario. Il trenino funzionava con una pila di quelle piccole e circolari, con tanto di suoni.
4) Set "Traffico di città" Micro Machines: fu un regalo per il compleanno da parte della mia amica Benedetta. Rispetto all'immagine del catalogo, mancava l'espositore di automobili. Inoltre il capanno con il vericello è sprovvisto di portone. Carina l'idea della bilancia per i camion e soprattutto esaltante la galleria sotterranea. Poi c'era il primo market pakistano della mia storia!
3) Il Palace Micro Machines: è stato il mio penultimo giocattolo, Natale 1995 (nel 1996 ricevetti..il mio primo Pc). Massiccio, con molte funzionalità, ma forse limitato rispetto alle città per essere appunto "solo" un grandissimo espositore di veicoli, senza strade e senza negozi. Un giocattolo comunque prezioso, perché alla fine è stato l'ultimo grande set delle Micro Machines, prima di consegnarsi a un lento declino.
2) La città Micro Machines: è stato il mio primo set e di esso adoravo la parte "A", quella della scogliera che portava al grande ponte sospeso. C'era anche la galleria. Il ponticello alzabile e la grande rimessa in cui nascondevo i mezzi di lavoro. Poi c'era il palazzo con la mitica insegna "Moon". Sull'altro lato l'immancabile distributore di benzina. Il difetto consisteva nel fatto che l'aeroporto fosse sganciato dal resto del set e dovevi dunque attaccarlo ogni volta in cui aprivi la valigetta per giocarci.
1) Il camper città Micro Machines: non c'è stato dubbio, da parte mia, nello scegliere il primo posto di questa speciale classifica. Il camper aveva tutto, a partire dall'area di servizio con distributore di benzina e autolavaggio. Il ponte con la sbarra del passaggio a livello, la stazione di Polizia con la sirena, l'immancabile zona aeroporto. Rispetto alla città, aveva il pregio di chiudersi e aprirsi con facilità, nonché di avere un maggior reticolo stradale. Un bellissimo regalo da parte dei miei genitori, probabilmente per Natale 1991? Non ricordo la data.

Commenti

  1. 5) nooo il treno lo avevo completamente rimosso. È vero, c'era anche questo con la rotaia.

    4) non lo ricordo bene ma ricordo la bilancia arancione... che strano.

    3) lo ricordo ma non ho mai avuto modo di vederlo dal vivo.

    4) lo ricordo bene.

    5) e va be', ne abbiamo parlato da me e concordo su tutto ciò che scrivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il treno è figherrimo :D, a mio nipote piace assai

      Elimina
    2. Io invece non sono mai stato fan :)

      Elimina
    3. Io ero come Sheldon Cooper da piccolo. Ora mi sono quasi del tutto indifferenti ma il bimbo Ema dentro di me ancora reclama questa passione.

      Elimina
    4. ahahha infatti volevo fare il paragone con Sheldon :D

      Elimina
  2. Il camper presto lo tratterò anche io, anche se non lo avevo. Mi piacevono le MicroMachines ma non ne avevo molte. Però amavo quelle dove potevi guardare nell'abitacolo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho un paio di quelle: una macchina della Polizia e un 'auto furgonata!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …