Passa ai contenuti principali

I cinque Lego preferiti della mia infanzia, la classifica

Spazio ai ricordi. Nella mia infanzia ho avuto la fortuna di entrare in possesso di tanti Lego: ecco i miei cinque set preferiti.
Ho avuto una splendida infanzia e preadolescenza (i tempi delle scuole elementari e medie), non lo nascondo. Ho trascorso momenti indimenticabili con cari amici: Michele, Francesco, Benedetta; e ancora Emanuele, Alberto, Francesco, Alberto, Giulio, Tommaso, Enrico e chiedo scusa se non ho menzionato tutti. Non sono mancati tanti giocattoli. Sono stato un bambino fortunato. Ho vissuto gli anni d'oro - tra metà anni '80 e metà anni '90 - dell'industria del giocattolo. I miei genitori e la mia cara zia riccionese, Marina, purtroppo recentemente venuta a mancare, sono stati i miei "spacciatori" più convinti. Tra i miei giocattoli preferiti i mitici mattoncini Lego. Ho scelto i cinque modelli indimenticabili (più uno).
5) Stazione mobile della Polizia: è stato il mio terzo Lego, il primo della Polizia. Lo adoravo perché si apriva, ricordandomi gli adorati mezzi dei M.A.S.K. (Masked Armored Strike Kommand), autoveicoli che si trasformavano in mezzi da battaglia. All'interno c'era il computer e una cartina della città. Rispetto ai Lego moderni, un modellino piuttosto "povero". Invece un'avanguardia per quei tempi. Successivamente avrei ricevuto in regalo anche la stazione mobile del 1992-93, motrice più rimorchio. Fighissima, ma fuori classifica, perché ai punti 5 e 4 ho preferito premiare due Lego che nel mio piccolo hanno fatto storia.
4) L'isola del tesoro dei Pirati: regalo di compleanno del 1989 (o del 1990, non ricordo con precisione). La linea Pirati fu introdotta proprio nel 1989 e divenne subito un must. Io possedevo diversi prodotti della linea, tra cui anche la prima nave imperiale (che era molto più piccola della nave dei pirati). L'isola del tesoro è uno dei miei Lego preferiti: per il ponte tibetano, per la botola che scattava e spediva il soldato in prigione.
3) Il distributore di benzina Octane: set del 1992, completo di tre pompe di benzina, autolavaggio e negozietto. Non mancavano l'automobilina e il carroattrezzi. Da bambino non amavo particolarmente le automobili, ma avevo un'insana passione per i distributori di benzina. Per questo la stazione di servizio Octane non poteva assolutamente mancare nella mia collezione. Un grande passo in avanti, dopo aver realizzato distributori di benzina con le scatole delle scarpe.
2) L'avamposto imperiale dei Pirati: regalo di Natale del 1992. La fortezza dei soldati imperiali (quelli con la bandiera bianco-blu) fu uno dei pochi giochi che per me rappresentarono un sogno e come tale rimasero. Non invece l'avamposto delle guardie imperiali (bandiera bianco-rossa). Nel set anche una nave mercantile, con tanto di capitano (uguale al Luogotenente De Martinet), quindi "qualcosa" di neutro rispetto a Pirati e Soldati, le due parti in lotta. L'avamposto imperiale era ricco di particolarità: il ponticello, il vericello, il magazzino nascosto dei tesori e dei prodotti. In più era disponibile la figura dell'Ammiraglio Woowdhouse.
1) La stazione dei Polizia Lego: regalo di Natale del 1993. Penso sia la terza prodotta dalla Lego e questa era nettamente la più grande e più ricca. Completa di tutto: prigione, la sala operativa con i computer, la stanza per il fotosegnalamento (con impronte digitali), anche il bar e la brandina. Ricca pure la dotazione di mezzi: auto, moto, jeep e lo splendido elicottero.
La stazione di Polizia è stata veramente il fulcro della maggior parte delle avventure ideate dalla mia fantasia durante i giochi. In particolare il personaggio che guida la Jeep lo avevo ribattezzato Ace Riker, come un personaggio dei M.A.S.K. (si veda punto 5) che era aveva la voce di Giorgio Melazzi, uno dei miei doppiatori preferiti.

Commenti

  1. Maura Lombardo21 aprile 2017 13:03

    Bellissimi set! E le pubblicità in TV erano fantastiche, con quel mix tra realtà e gioco. Ricordo di aver "smembrato" decine di omini per provare a realizzarne uno uguale a me!
    E adesso che non sono più una ragazzina scopro che ci sono siti come www.myegotoys.com che personalizzano le minifigure! Tra ieri e oggi non sono sicura di quale periodo preferire :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata Maura :) Il sito che mi linki non lo conoscevo...e devo dire che rischio di buttarci via molti soldi XD, se mi metto di buzzo buono. Io comunque ho vissuto in pieno l'epopea dei Pirati Lego e della città 2.0, sono stato fortunato.

      Elimina
  2. Che splendido tuffo nei ricordi ^_^
    Sono del '74 quindi la mia età dell'oro Lego ha coperto tutti gli anni '80: i pirati per esempio neanche li ricordavo! City, Spazio e Medioevo erano i miei set preferiti, ma impazzivo soprattutto per Technics!
    Quindi i set che citi non li ricordo ma fosse per me... ci giocherei subito! ;-) Ah, e quella camionetta dei poliziotti mi è molto familiare: probabilmente avevo qualcosa di simile, però c'erano anche le moto, che consideravo la cosa più bella del mondo :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucius! Bei tempi per i Lego anche gli anni '80 comunque :) (anzi, la storia si è fatta in quegli anni). Sicuramente tu avevi la camionetta versione 1, io invece avevo la versione 2, poi l'upgrade (la foto che vedi).

      Elimina
  3. La stazione mobile di polizia (old style) e l'isola del tesoro li ho.
    Come te, amavo il ponte tibetano, pezzo unico.
    La pompa di benzina con autolavaggio ce l'ho, ma in un playset più grande che comprendeva anche il parcheggio a tre piani. Ma la stazione di benzina non è così bella come questa, devo dire.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo una foto sul tuo blog con quel playset del parcheggio! Esatto, questa stazione di benzina era veramente completa e ben dettagliata.

      Elimina
  4. Di questi non ne ho posseduto o giocato da amici a nessuno però il mio preferito sono i pirati al secondo posto.
    La polizia non mi faceva impazzire ma da piccolo amavo tutto dei Lego.
    Bella anche la linea delle automobili, mi piacevano i meccanici più che le pompe di servizio.
    Sbagliato o la Lego non trattava il far west? Io avevo solo i Playmobil su quel tema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Lego hanno introdotto il far west a fine anni '90, se non sbaglio!

      Elimina
    2. Ah ecco, quando ormai ero già totalmente preso da fumetti e fica 😝

      Comunque non me ne viene in mente neanche uno, magari visto di sfuggita in un negozio o da qualcuno con figli piccoli.

      Elimina
    3. Sì immagino di sì :D, comunque c'era il fortino stile playmobil, la prigione dello sceriffo..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …