Passa ai contenuti principali

Flashpoint, una serie da riscoprire: la prima stagione

Azione, tensione e molta psicologia. Anche realismo nelle trame dell'avvincente serie canadese con protagonista l'ex Pink Ranger Amy Jo Johnson.
Incuriosito dalla presenza tra i protagonisti di Amy Jo Jonhson, dismessi i panni del Pink Ranger in Power Rangers, ho recuperato questa serie canadese divisa in cinque stagioni. Flashpoint - cito la Wikipedia - segue le azioni di una "squadra tattica d'elite" della polizia metropolitana chiamata Strategic Response Unit (SRU) e che si ispira alla vera unità tattica della polizia di Toronto, Emergency Task Force (TPS). In sostanza la squadra di Flashpoint è chiamata a fronteggiare situazioni di emergenza: uno stalker che, dopo aver ferito la ex, punta la pistola su un passante, rapinatori di banche che prendono in ostaggio clienti e dipendenti, un padre disperato che tiene in scacco l'ospedale in attesa del trapianto per la figlia malata, il ritrovamento di pacchi sospetti con bomba e così via.
La prima stagione è formata da 13 episodi, ma solamente il primo, il penultimo e l'ultimo sono legati tra loro nella trama. A questi si aggiunge il secondo, che pone il focus sull'ingresso nella squadra di Sam Braddock, ex tiratore scelto dell'esercito. Gli altri episodi, dal 3 all'11, possono anche essere visti sparpagliati tra loro. Il pregio di Flashpoint è, per quanto concerne almeno la prima stagione, l'assoluto realismo degli episodi. A parte il famigerato spacciatore di "Fattore sorpresa" o le ragazzine terribili di "Gentili clienti, attenzione", i cattivi sono portati a compiere gesti estremi a causa di precedenti fatti, molto spesso dopo aver subito abusi, prepotenze o un torto. E c'è di più: le vittime delle minacce dei cattivi, sono personaggi tutt'altro che limpidi e onesti. Il valore della serie è proprio questo. I protagonisti non affrontano avversari sempre più potenti, come avviene in Arrow, che perde il pregio dei primi episodi andando a inserire, una dopo l'altra, minacce sempre più grandi fino a diventare una vicenda completamente irrealistica e fantastica. Costringendo a cambiare canale lo spettatore come me che non ama le avventure dei vari Superman, Spiderman ecc. In Flashpoint le difficoltà sono a 360°, non solo per la presenza di una persona che con una pistola tiene in ostaggio un ospedale: ci sono variabili date dalla presenza di altri civili e dal luogo in cui si svolgono i fatti. Gli agenti di Flashpoint devono usare davvero la forza, l'intelligenza, le capacità di negoziazione e la psicologia, per raggiungere il loro obiettivo. Ma soprattutto convivere con due fardelli sulle spalle. Il primo è la certezza di dover spesso sparare e uccidere una persona, che può anche essere il padre di famiglia fino a qualche minuto prima irreprensibile, o la guardia giurata con 30 anni di lavoro e un licenziamento ingiusto alle spalle. Il secondo è che in questo delicato lavoro, l'imprevisto è dietro l'angolo. L'imprevisto può essere un fatto che modifica il piano, ma anche una persona innocente che muore. E questo sarà al centro del 12esimo episodio, "Bagaglio sospetto", uno dei più commoventi.
Una serie così interessante non poteva non prescindere da un cast all'altezza. Il protagonista è Ed Lane, il cecchino principale della squadra. Un vero duro che però scopriamo essere anche persona dotata di grande umanità e sensibilità. Il leader è il sergente Greg Parker, il negoziatore per eccellenza. C'è poi l'unica ragazza del gruppo, Jules, interpretata dalla Jo Johnson: cecchino determinato e perfezionista. Infine Sam Braddock, l'ex militare dell'esercito che entra a far parte della squadra. Dei quattro protagonisti, quello che per l'impulsività parte più indietro nel percorso sulla strada per la maturità, non solo per il fatto di essere il più giovane. Uno scatto importante, in questo percorso, lo avrà nell'episodio "Il ponte dei sospiri". Nella squadra uno ci sono anche Spike, Lou e Wordy, che hanno però meno spazio dei quattro protagonisti.
Flashpoint è una serie ricca: tanta azione e tensione, ma anche un notevole realismo. Vale davvero la pena recuperarla e guardarla, dal primo all'ultimo episodio.

Commenti

  1. Concordo, vista in questi ultimi mesi, veramente una delle migliori serie tv in assoluto. Concordo anche con te per Arrow, adoravo quando era più realistica e meno supereroi con superpoteri e fantascienza inclusa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata qui :). Flashpoint non è una serie che si pone obiettivi prestigiosi, eppure è un ottimo intrattenimento, con momenti di tensione e altri di riflessione. Gli attori formano un gruppo molto variegato e interessante.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …