Passa ai contenuti principali

Transformers 2010: quando l'astrattismo incontra i robot

Per molti il declino di una saga storica. Ma non è così. Citando la celebre tag-line, "molto di più di quello che vedi" (e senti)
"Transformers 2010", terza serie della "Generation one" dei celebri robottoni trasformabili. Con "Headmasters" la serie che ha caratterizzato la mia fanciullezza, ancor più delle prime due, quella per intenderci della sfida tra gli Autorobots (Autobots) di Commander (Optimus Prime) e Distructors (Decepticons) guidati da Megatron. Premessa: a introdurre personaggi e storie di "Transformers 2010" è il celebre "Transformers The Movie", lungometraggio in cui si assiste alla morte di Optimus Prime e di tantissimi protagonisti, a cui subentrano i nuovi soldati guidati dai nuovi comandanti: Captain-Rodimus Prime, versione evoluta di Hot Rod (dopo l'assunzione della Matrice) e Galvatron, versione 2.0 di Megatron, salvato dal pianeta robot Unicron da morte certa. E' curioso notare che nelle intenzioni dei creatori giapponesi Convoy-Ultra Magnus fosse destinato a essere per Optimus Prime quello che è Galvatron per Megatron: non a caso, nel giocattolo, la motrice simil Optimus Prime si inserisce nel rimorchio, che diventa una sorta di armatura. E invece Ultra Magnus è personaggio a sè stante.
Fatta questa inevitabile premessa, rimangono trenta episodi che fanno di "Transformers 2010" un vero unicum nella storia dell'animazione anni '80. "Transformers 2010" è una sorta di opera d'arte astratta. In trenta episodi si susseguono clamorosi errori di disegno: robottoni componibili che hanno la stessa altezza di quelli normali, ma non solo. Vediamo Defensor sparare ai nemici e al suo fianco Drago-Hot Spot, il robot che contemporaneamente forma il torso dello stesso Defensor. Bruticus scappa, assieme agli stessi Combaticons che si sono uniti per darne vita. Transformers con i loghi sbagliati. Buchi nelle trame degli episodi e così via.
Per non parlare del doppiaggio italiano. La versione storica di esso ci regala un Guardian-Metroplex con accento francese che canta la Marsigliese, Swindle che parla con accento napoletano, una strega con accento bolognese e così via. Il secondo doppiaggio dei dvd messi in commercio recentemente, con voci "nuove" (e inesperte) è migliore, ma pecca nel doppiaggio dei personaggi principali, che al contrario erano superbamente doppiati nella prima versione. Basti pensare a un Galvatron troppo scolastico, o un Rodimus Prime la cui voce riflette ancora l'animo del giovane Hot Rod. Mal riflettendo quella che è l'essenza del personaggio: un capo forte e saggio, ma non ai livelli di Optimus Prime, la cui eredità costituisce "un fardello troppo pesante", citando uno degli episodi finali della saga.
Ma "Transformers 2010" è un'opera d'arte astratta, perché in trenta episodi regala ogni cosa. I fantastici Quintesson, terza fazione che si inserisce nello scontro tra Autobots e Decepticons, con saltuarie alleanze con quest'ultimi. Il ritorno di Optimus Prime, prima in versione malvagia, poi come salvatore della patria. Uno Starscream versione fantasma. Avventure sulla terra, nello spazio e in mondi lontani. Viaggi nel tempo. Maghi e mostri. Sfondi medievali e fantascientifici. Battaglie tra mulini a vento, tulipani e mafiosi. Transformers che diventano umani, con cameo di Cobra Commander di Gi-Joe. Una pletora di Transformers: dalle giganteschi basi Metroplex-Trypticon, a quelli più avveniristici (Computron). Episodi con importanti componenti psicologiche, come quello in cui First-Aid dei mitici Protectobots (avevo il modellino di Defensor!) capisce che per i suoi compagni è importante per le sue qualità di medico, per quello che è in sostanza, pur non essendo un guerriero.
"Transformers 2010", nell'ambito di serie televisive anni '80 volutamente edulcorate rispetto ai cartoni animati giapponesi, merita indubbiamente di essere riscoperta. Il mio voto è alto, al netto dei clamorosi difetti: 8.

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …