Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da novembre 20, 2011

Film Horror: Zombie Horror aka le notti del terrore

Ok, non è lo spettatore alla visione del film. E' lui, il finto bimbo Michael. Le Notti del Terrore, aka Zombi Horror, è un insieme di situazioni tecnicamente imbarazzanti. Così il prode Exxagon definisce questa pellicola di Andrew White, pseudonimo di Andrea Bianchi (sic), passata alla storia come il b-movie per eccellenza degli zombie movies. Non c'e' Fragasso o Mattei che tenga: Bianchi vince questa corsa al titolo dei b-movie. Potremmo partire da Michael, il bambino pervertito, interpretato da Pietro Barcella, alias Peter Bark, attore affetto da nanismo; il bambino piu' finto della storia del cinema e non solo per l'assurda pettinatura. Potremmo citare i dialoghi, "Il coso che odora di morte", riferito ad un tessuto impugnato dal suddetto Michael, oppure il "Sono mostri viventi", come se potessero far paura dei mostri morenti. Potremmo prendere in considerazione gli zombie: vestiti con sacchi di colore grigio, maschere realizzate con il pong…

Film Horror: Incubo sulla città contaminata di Lenzi (e il sogno di tutti noi)

L'uomo melanzana all'opera Torna la serata horror, dopo tantissimo tempo: per festeggiare, torta alla crema al limone gentilmente offerta da mamma e un culto horror, "Perchè qui non si guardano horror, ma horror culto". Dalla riserva migliore, ecco il pregiato "Incubo sulla città contaminata" di Umberto Lenzi, una delle pellicole preferite da Quentin Tarantino, omaggiata dal suo pupillo Robert Rodriguez in "Planet Terror".
In poche parole, il film che piace tanto a noi appassionati di "culto": zombie, del cui punto debole finalmente viene data spiegazione scientifica ("Gli esseri sono invincibili, fatto salvo si faccia saltar loro il cervello, perchè si paralizzano, mentre i loro tessuti sono invulnerabili"); ritmi serrati e azione, con questi esseri infernali che sono dinamici, veloci e intelligenti (strateghi sempre, non come in zombie horror dove alternano fasi di bradipismo a fasi di iperattività strategica); un protagonis…