Film Horror: Black Christmas (anni 2000)

Image and video hosting by TinyPic
Natale si avvicina e non c'è modo migliore per prepararci al calore di questa stupenda (?!) festa con una bella serata horror...in tema. Primo film di lunedì 19 dicembre: "Black Christmas, Natale rosso sangue", remake del film anni '70. Ho visto qualche settimana fa il film originale, complessivamente superiore e non solo per la presenza di John Saxon. In questo remake c'e' più sangue, più figa e la storia del serial killer della soffitta non viene omessa, ma narrata con dovizia di particolari. Nota di merito alla trasparenza dello sceneggiatore, anche se questa scelta toglie un po' di magia alla pellicola; inoltre il cattivissimo Billy non è così spaventosamente cattivo, se lo paragoniamo alla madre. La fotografia del film è buona, il contrasto tra l'atmosfera dark e le luci natalizie arricchiscono "Black Christmas", che rischiava altrimenti di essere confinato nella categoria dei "Film orrorifici nel senso che fanno schifo americani del nuovo millenio". Giudizio ? Discreto, manca il maniaco del pianforte, John Saxon e il baffone puritano; c'è sangue. Non dà però grandi scossoni o brividi; manca un elemento "boero" e inoltre dà un po' l'idea di brodo allungato (eppure la durata è breve !).  Memorabilia: - la scena in cui Billy sbulba il patrigno con un appuntito puntale (Fulci lives?); - la scena della doccia di Crystal Lowe (salutata con un'ovazione dalla curva);  - la testa che rotola dalla macchina e cade nel terreno ghiacciato-nevoso; - l'utilizzo ortodosso, ma consono, del defibrillatore.
Image and video hosting by TinyPic
Ecco Crystal Lowe in una delle sue più applaudite performance

Commenti