Passa ai contenuti principali

Film Horror: The torturer di Lamberto Bava

Image and video hosting by TinyPic
Nella foto Elena Bouryka, la protagonista, in una delle sue pose migliori. 
In attesa di riprendere, pare da lunedì, la vera serata horror, un altro venerdì a deliziarci con un'altra pellicola a tinte dark. "The Torturer", il ritorno all'horror del mitico Lamberto Bava, accompagnato dal maestro Dardano Sacchetti e da due altri registi che facevano per lo più film con Edwige Fenech e Lino Banfi (ah, anche "Assassinio al cimitero etrusco", o era assassino ?). Impietosamente, alle 23 di iera sera stavo battendo un martello su una pentola al grido di "Ridatemi 92 minuti della mia vita indietro". Lo stesso martello che vorrei usare sulla testa di quel produttore che ha avuto la bella idea di sdoganare "Saw" e "Hostel" in Italia, imponendo queste due pellicole spazzatura come successo commerciale dell'anno al pubblico medio italiano, quello composto da tante pecorelle. Saw e Hostel: Torture Porn, genere dove l'unico obiettivo è quello di disgustare lo spettatore mostrando torture e le consequenziali sofferenze delle persone ad esse sottoposte, con il paravento di una sceneggiatura insulsa ed assurda che viene definitiva innovativa (fermo restando che negli horror la sceneggiatura spesso serve a poco, come nei porno). Prendiamo "La casa delle finestre che ridono": niente sangue, ritmi lenti, eppure al termine della pellicola hai gli occhi sbarrati per la tensione che si è creata. Prendiamo il genere "Slasher": che si vedano o meno gli sbudellamenti (Natale rosso sangue o Venerdì 13), il film genere tensione nello sviluppare l'escalation di violenza che porta il "maniaco" di turno a mietere vittime, guardandosi bene però di non lasciare indizi ai poliziotti che lo braccano.  Prendiamo lo splatter: giocoso nel Peter Jackson d'annata; elemento imprescendibile nel tristissimo "Apocalypse domani", negli zombie movies e in un "Cannibal Holocaust", che resta un film di denuncia. Al contrario, il Torture porn é film da denuncia, macelleria fine a se stessa: a quel punto pero' vado in un obitorio o in una macelleria, il risultato è lo stesso. Ma "The torturer" appartiene al genere torture porn ? In prevalenza sì, anche se alla fine regala giusto una scena, più fastidiosa che effettivamente insopportabile; le altre scene infatti virano sul bianco e nero, per cui quando il maniaco versa dell'acido sulla gamba di una delle sue vittime, sembra di vedere una zuppa e capiamo che è qualcosa di dannoso per l'organismo solo dalle smorfie della torturata. La recitazione ? Pessima, certo in un horror è difficile trovare nomi da oscar, ma ciò non significa che un attore non possa comunque essere dignitoso: qui invece si tocca il fondo, specie quando entrano in scena le tre aspiranti "veline". Poi se la protagonista viene chiamata "Ginette", con tutti i nomi che si hanno a disposizione, allora si capisce che, davvero, non c'e' trippa per gatti.  Il problema di questo film è che qualche parte è ben sviluppata, con quella pioggia incessante nel giardino della villa che sa tanto di Suspiria; e che Carla Cassella, nella parta della signora Scerba, è l'unico fiore nel deserto della recitazione monocorde. Peccato che l'assassino si capisca dopo 10 minuti, peccato che le parti più interessanti (l'infanzia travagliata di Alex Scerba) non vengano sviluppate.  Se un film fa schifo sotto tutti i punti di vista e non può neppure rientrare nella nozione di "culto trash", si butta via; se però conserva qualche spunto interessante, c'è il rammarico per non aver sfruttato al meglio questa parte. Il tutto, nel caso, perchè bisognava fare il torture porn alla Hostel. E vaffanculo. Se poi torniamo alle battute iniziali di questa recensione e vogliamo valutare il confezionamento del prodotto, "La casa delle finestre che ridono" è un capolavoro da qualunque prospettiva lo si esamini, "The Torturer" ha una regia all'altezza, ma poco altro. In conclusione, per riassumere: ho messo "The torturer" nel lettore Dvd ieri; bene, rivoglio 92 minuti della mia vita indietro.
Image and video hosting by TinyPic
Qui sopra, un frame della scena più intensa del film.Ok, facciamo che mi ridate indietro solo 90 minuti della mia vita.

Commenti

  1. Ahaah ecco..te pareva !!!
    Poteva mancare la donnina nuda ? XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …