Passa ai contenuti principali

Film Horror: Phenomena

Image and video hosting by TinyPic
Ricordi universitari, pre lezione di diritto civile. Si parlava di film horror e io, all'epoca digiuno della materia, tirai fuori orgogliosamente il filmone di cui mi aveva parlato Filo sulla Corriera Novafeltria-Rimini, il filmone "della scimmia che uccide per vendicare il suo padrone" e del "bambino mostruoso". Davanti a me, lui, il ragazzo in maglia gialla, che si gira schifato: "Ah vorrei proprio vederlo un film così". Bene, mi auguro che maglia gialla si sia laureato senza spargimenti di sangue (e di detersivo...) e che lunedì 31 ottobre abbia sintonizzato il televisore su Rai Movie. Phenomena, film di Dario Argento, il film della scimmia vendicativa (ma buona) e del bambino mostruoso. Un bel film ? Mah, insomma. Come rileva il nostro Exxagon, le opere di Dario Argento sono curatissime dal punto di vista dei particolari e dei dettagli, pochino in quanto a sceneggiatura e storia; non a caso il maniaco psicopatico necrofilo della vicenda é il bimbo deforme 12enne (!), protetto dalla propria madre, che gira con alabarde e lastre di vetro, un oggettino che in effetti quel giorno, all'università, poteva farmi molto comodo. Non è questo il male, in fondo, perchè le sceneggiature degli horror sono sempre un po' così...vaporose e inconsistenti. Phenomena ha alcune parti ben riuscite, specie la parte finale, ma si sviluppa un po' troppo lentamente, con pochi omicidi a intramezzare i lunghi, lunghissimi spostamenti di una comunque brava (benchè acerba) Jennifer Connelly. Se in pellicole come "La casa delle finestre che ridono", la lentezza di certe scene è ingrediente necessario per creare quel senso di angoscia e di tensione che accompagna lo spettatore nella visione, qui serve solo per allungare il brodo e finisce per generare qualche sbadiglio. Nel filone horror-thriller, Dario Argento ha regalato tre capolavori: "Profondo Rosso", "Suspiria" e "Tenebre", poi tanti passi a vuoto, compreso "Inferno"; "Phenomena" probabilmente sta nel mezzo, anche se il livello qualitativo di regia e fotografia è altissimo. Si potrebbe anche dire che "Phenomena" sia la copia di "Suspiria", con gli animaletti a sostituire le streghe e che questa sensazione finisca per incidere sul giudizio finale. Se poi, come di consueto, rapportiamo questo film alle tante cagate del nuovo millenio (anche dello stesso Argento, ahimè), allora sì: Phenomena è indubbiamente un film top.
Memorabilia della pellicola:
- la scena finale: "Moooooris" "Jennifeeeer" ZAC "AAAAAAAA";
- Jennifer che trova il bimbo deforme, di spalle, piagnucolante; lei lo esorta a non aver paura, lui si gira ed emette un verso tipo rutto tonante con retrogusto vomitino;
- l'ispettore Gadget...ehm Geiger che si distrugge un polso per liberarsi dalla catena che lo teneva prigioniero;
- la scimmietta che con il suo bel culo rosa si aggira per la foresta con il rasoio in mano.
Image and video hosting by TinyPic 
In conclusione, a proposito di memorabilia...Eccolo, in tutta la sua bellezza: é il simpatico bimbo psicopatico. Mmm, che ne dite di un bel cross-over: Peter di Zombie Horror contro 'sto coso qui ?

Commenti

  1. Penso che la cosa più fenomenale sia stata il fatto che incredibilmente mi sono lasciata convincere a vedere questo film...quando invece tendo più ad identificarmi con il ragazzo in maglia gialla :DDD
    Comunque si sopravvive anche a questo e la notte è passata senza incubi!!!
    Però Riky...con quelle foto rischi di far fuori tutti i tuoi lettori :D

    RispondiElimina
  2. In realta' maglia gialla voleva sottolineare che il film era inesistente (non credeva a siffatti eventi da me raccontati) :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …