Film Horror: Evil Toons

Image and video hosting by TinyPic
 Non e' un fotomontaggio. Sono tre entità che fanno parte dello stesso film.
Mescolate "Evil Dead" (senza lo splatter), "Chi ha incastrato Roger Rabbit" e "Puppet Masters". Otterrete "Evil Toons", la pellicola che ha occupato il mio ultimo sabato sera di novembre. L'ambizioso progetto del regista Fred Olen Rey naufraga, anche a causa di un budget veramente risicato, che si riassume nei seguenti effetti speciali: un libro parlante, un lupo mannaro cartonato, due gocce di sangue, dei dentoni, fulmini finti alla Masters e i dominatori dell'universo (il film con Dolph Lundgren e Frank Langella, sic).Tanto più che qualche recensore, sul web, riassume il tutto con: "F.O.R. usa l'effetto speciale più economico che ci sia, le tette". Tette tipicamente anni '80, come le relative proprietarie. Ad ogni modo genuine.
Image and video hosting by TinyPic
Che vi avevo detto ? Da 1 a 10, quanto c'e' in questa scena degli anni '80 ?

Image and video hosting by TinyPic
Attenzione, quella alla vostra destra sembra una cozza. Inutile dirvi che non è così. Lo scoprirete nel film. Scoprirete, appunto.
I dialoghi ? Risibili. Il bestio parla come Boldi: "bel culo, belle tette". Le ragazze ripetono spesso le stesse cose. Il plot ha dei buchi colossali. Il tizio in pastrano nero deve uccidere il lupo mannaro e per farlo deve aspettare che qualcuno lo evochi, poi getta il libro nel fuoco. Non poteva farlo subito per liberarsi della maledizione ? La domanda sorge spontanea allora. "Evil Toons"  é da buttare nel cestino ? Risposta, no. Le intenzioni di partenza erano migliori della resa, ma lo spirito trash '80 di cui è pervaso ne fa una visione tutto sommato gradevole. Tralasciando il fattore tette, le protagoniste sono simpatiche e non si prendono sul serio. Insomma, non cercano interpretazioni hollywoodiane (si veda "Leggenda mortale") strappalacrime: son lì giusto per prendere i due soldi del catchet. Divertendosi.

Image and video hosting by TinyPic
 Ok, nel rivedere l'istantanea del lupo pervertito forse dovrei mettere in dubbio il mio giudizio complessivo
E poi c'e' David Carradine, uno degli attori feticcio di Tarantino, che a volte sembra un pesce fuor d'acqua, ma porta una ventata di serietà nel fottio di stupidaggini; un contrasto che funziona molto bene. E c'e' Dick Miller, altro noto attore a stelle e strisce, che si compiace così tanto con quel sigaro e con quella faccia, da indurti a pensare: "It' so bad, it' so gooooood !".

Commenti