Passa ai contenuti principali

Come essere primi in classifica, ma...

Image and video hosting by TinyPic
Sia chiaro, non è tutto oro quello che luccica. Però se proviamo a guardare un attimo i risultati ottenuti dalla squadra in questi ultimi anni, cercando di assumere un punto più oggettivo possibile, forse non è tutta "merda" (cit. Gordon Ramsay). Primo dato di fatto: la raccolta pubblicitaria è in aumento, in controtendenza alla crisi economica. Gli ascolti crescono, seppur leggermente, il sito sta crescendo in pubblico. Ripeto, non è tutto oro quello che luccica, perchè le criticità ci sono, rimangono, si espangono. Ciò non toglie che si siano fatte cose pregevoli. Eppure niente: siamo qui, nello spogliatoio, ci guardiamo a stento in faccia. Forse non abbiamo uno scherma preciso, ma in fondo si può vincere anche con un 5-3-2 disorganizzato. Forse non abbiamo un vero capitano: uno che, a prescindere dalle linee guida di presidente e allenatore, sa trascinare, esaltare, motivare e sa anche prendere di petto quando qualche compagno è distratto. Forse, nonostante il progresso nel gioco di squadra, siamo troppo individualisti: pensiamo un po' troppo a noi stessi, guardiamo troppo agli altri. Per non parlare poi del rapporto con l'esterno: l'erba del vicino è sempre più verde, verdissima, stupenda, poi magari si scopre che è erba più finta. E poi quella fottuta visibilità. Io ho sempre creduto una cosa: il giornalista deve per prima cosa pensare all'articolo, a finire ed eseguire al meglio il suo compito giornaliero. Invece no, quello che conta è sempre la visibilità. La visibilità, la visibilità. Perchè non è cosa faccio che viene riconosciuto, ma è la mia faccia, che viene riconosciuta. Già. Vaffanculo alla qualità, al dettaglio, in questo grande fast-food mediatico. E così questa sera guardo la classifica e vedo la mia squadra lassù, in alto. Eppur, non riesco a godermi tutto ciò. Perchè sono sicuro: domani nessuno alzerà gli occhi e guarderà la classifica. Perchè alla fine non conta il risultato di squadra, conta il risultato individuale. E quello, non per tutti, forse per nessuno, è deludente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …