Passa ai contenuti principali

Anni '90: Così com'era

Image and video hosting by TinyPic
Sorpresi eh..un post dedicato agli Articolo 31. Un gruppo che sfigura, vicino a certi monumenti della musica. Attenzione, in tema di antichità, il disco "Così com'é" resta una pietra miliare degli anni '90. Non della musica, ripeto. E' impossibile però non riconoscere quanto questo disco sia stato presente, come colonna sonora, nella mia vita di giovane, sfigato, studente delle medie. Radio Gamma in quell'anno ha trasmesso ad alta rotazione metà del disco, non solo i cinque singoli; e io, da buon ascoltatore, assimilavo. Registrazioni rubate sulle solite cassette; poi l'acquisto del prodotto originale. Da sottolinare che gli Articolo hanno venduto quella e altre 599mila copie: esticazzi.
Partiamo da l'URLO: "Faccio paura come IT di Stephen King", frase culto perche' all'epoca il buon Tommy ci deliziava raccontandoci le avventure del clown malefico. "Suker cagami", dove Suker non era uno dei miei idoli di gioventù, l'attaccante croato del Real Madrid Davor Suker (fortissimo a Pc Calcio 5.0). Canzoncina easy-easy che introduceva il TRANQUI FUNKY, il primo singolo di grande successo che ha imperversato in tutte le radio (e anche al Festivalbar, se ben ricordo) e non ha bisogno di presentazioni. Io preferivo decisamente 2030, brano "apocalittico" con cui J-Ax raccontava un'Italia futura con Ambra presidente: esticazzi, all'epoca non l'avresti mai detto, ma la sig.ra Angelini attualmente è una delle poche donne del mondo dello spettacolo con un cervello...vatti a fidare degli auricolari. Tanta nostalgia degli anni '90: già, profetico, nel suo piccolo. A seguire, COSI COM'E', brano che da' il titolo all'album, ma non lanciata come singolo. Il mio preferito: aggressivo nei versi e nella musica, come in quel "Ti squarto come Jack o come Freddy Krueger". DOMANI e' invece la struggente ballata che faceva battere i cuoricini di quegli esseri, le ragazze, che bisognava guardare col binocolo (ah, beh, adesso...). NON C'E' RIMEDIO, come suggeriva la traccia successiva, dedicata in realta' alle faide tra hip-hoppari, con il rabbioso verso finale "Zero posto per l'infame, vado via, e così sia, Amen !". Di GIGUGIN poco da dire, giusto il sottofondo musicale, poi un altro brano dark, FATTI UN GIRO, dove J-Ax descrive una situazione da bronx all'italiana, ci accompagnava nel Lato B. Un TOCCA A ME trascurabile, poi altri pezzoni sfruttando il campionamento di brani famosi. Così "Grande figlio di puttana" degli Stadio genera il FUNKYTARRO, l'esaltazione del tamarro, dove J-Ax fa il "Puncing-ball come Terence Hill", "Gianna" del grande Rino diventa COSI E COSA', inno al sesso in posti strani e impensabili, "Disperatico erotico stomp" di Lucio Dalla ispira L'IMPRESA ECCEZIONALE, con la descrizione di umanità assortite (Il Renato su tutti).  L'impresa eccezionale è essere normale, ci ricordava il buon Lucio, infatti il vero eroe è il ragazzo che si fa il culo per campare. Portate gustose, come CON LE BUONE, la favoletta per tutti i bambini che vogliono andare a nanna, SONO L'MC, contro i rapper copioni, e il LATINLOVER. Chiude il disco un brano all'apparenza anonimo, SONO FUORI. Ritornello banalotto: "Sono fuori, come l'agricoltore mentre raccoglie i pomodori". Eppure ne fui conquistato. SONO FUORI parlava infatti del disagio sociale, di chi da ragazzino è fuori dal giro che conta. Di chi comunque alla fine è orgoglioso delle proprie scelte. Nella speranza che alla fine si avverasse quanto rappato da J-ax:
"Anche se ero l'articolo scadente, il tempo cambia ora tu sei mio cliente, e se ero fuori dal conservatorio ora sono in radio e video, in discoteca, dentro i sogni erotici della tua tipa". Di queste cose una si è avverata, ma ad ogni modo, l'importante non "E' essere capito", ma "Essere", capito ?

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …