Passa ai contenuti principali

Questi maledetti anni '80: David Gnomo

Image and video hosting by TinyPic
Questa mattina, tra una borocaina e una cerusilina, spulciando tra gli spesso inutili post del Tv Blog, mi sono soffermato su un articolo finalmente degno di nota. Un ricordo di "David Gnomo Amico mio", uno dei cartoni della mia infanzia. Per inciso: non è uno di quei cartoni storici che porto sul cuore; in giovanissima età però  sono stato un affezionato spettatore dell'opera del disegnatore Rien Poortvliet. Nel post odierno di Tv Blog, é  linkato il video dell'ultimo episodio, quello in cui David, la moglie ed un amico gnomo...muoiono. Sì proprio così. La serie si conclude con il cammino dei tre, in compagnia della fedele volpe Swift, verso le montagne dell'aldilà, dove riposeranno per sempre trasformandosi in ciliegi. Qualcosa di letteralmente devastante, più di Pyro dei Kings of Leon e del relativo video. Perché i cartoni degli anni '80 erano bellissimi, stupendi, poetici, ma non censuravano la morte, il dolore, altri aspetti che fanno parte della nostra vita. Sì, certo, la violenza era limitata nello specifico ad alcuni titoli (Ken il Guerriero, naturalmente, in primis), però non si aveva timore nel far vedere ai bambini certe cose. Oggi non é così, penso al fumetto Topolino, le cui storie si sono terribilmente ammorbidite, come se i bambini e i ragazzini fossero degli invorniti senza osso del collo. E' il finto moralismo degli italiani, la televisione trasuda schifezze 24 ore su 24, ma no, il David Gnomo che muore sarebbe troppo shockante per un bambino. Questi cartoni ci regalavano insegnamenti, spesso sì, erano anche troppo imbevuti di retorica, ma un bambino piccolo ha bisogno di retorica, ha bisogno di credere negli eroi e in un mondo in cui possa andare tutto bene, a un David Gnomo che salva l'animale ferito, agli acchiappafantasmi che acchiappano i fantasmi cattivi, ai M.a.s.k. che sgominano i piani dei criminali. Per inciso, dopo la morte di David Gnomo, la volpe Swift, affranta, si solleva dalle sue sofferenze incontrando un'altra volpe che porta con sè un giovane gnomo; la vita continua, il messaggio di speranza dell'ultima, triste puntata di David Gnomo. E io qui, con gli occhi commossi, come Paperone davanti al ricordo del Klondike, ma prima o poi inventerò questa fottuta macchina del tempo per riportarci tutti negli anni '80.

Commenti

  1. Ah si...questo cartone me lo ricordo pure io !! :D

    RispondiElimina
  2. Mi stava proprio antipatico David gnomo ahaha non è nella mia lista dei favoriti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …