Loro Gheddafi, io gli zombie

Image and video hosting by TinyPic
Ieri tutti i notiziari e tutti i siti internet di informazione ci hanno regalato l'immagine del dittatore Gheddafi morto, insanguinato e calpestato. Che Gheddafi fosse uno stronzo ok. Che adesso manchi alla conta un solo dittatore, ok (non c'e' bisogno di violenza, per carità...). Conosco anche i doveri "deontologici" del giornalista. Le giustificazioni sono infinte, però...Non capisco perchè si debba tanto ostentare la foto di un cadavere. Esibirla come macabro trofeo. Si può anche informare senza cedere alla morbosità del dettaglio truculento. Quella morbosità e quel gusto dello splatter che in fondo risiede nel nostro animo e che bisogna in qualche modo sfogare. Io la sfogo con uno film splatter: stacco il cervello 80 minuti, guardo zombie e mostri vari fare a pezzi le persone, prima di essere fatti a pezzi. Su un vero cadavere, chiunque ne sia il proprietario, preferisco mettere sopra un velo. Perchè come insegnava il grande Faber, "Che la pietà non vi sia di vergogna". Qui però c'è solo da vergognarsi per la morbosità e la perversione di una società malsana; la televisione italiana continua a regalarci sangue e violenza, ma guai, il Bad Taste in prima serata non ci può stare: guai, manichini rappresentanti alieni travestiti da umani che vengono fatti in pezzi non è cosa consona. E così ho aperto questo post con uno screenshot tratto da uno dei film più comic-trucolento che abbia mai visto, "Zombie Holocaust". A voi Gheddafi, a me gli zombie. P.s. tornando al quarto dittatore, ribandendo il mio assoluto rifiuto della violenza vera, immagino la scena.
Manifestanti: "Via il dittatore".
Il dittatore: "EVVIVAAA LA FIGAAAA".
Manifestanti: "EVVIVVAAAAAAAAAAAAA ! Evviva il dittatore !".

Commenti

  1. Concordo in pieno con te Riky.
    Non amo gli horror, ma molto meglio l'immagine che hai postato, rispetto a quelle che i giornali ci hanno sbattuto in prima pagina.

    RispondiElimina
  2. Concordo in pieno anch'io!!!
    In questo caso è stato davvero superato ogni limite in nome di un uso assolutamente distorto del dovere di informazione.
    Meglio un intero film splatter che un solo sguardo alle prime pagine dei giornali di oggi.

    RispondiElimina

Posta un commento