Passa ai contenuti principali

Violent Shit e' meglio di...

Violent Shit. Una delle trilogie più estreme (e più scalcagnate) della storia del cinema. Decapitazioni, smembramenti, sevizie, squartamenti. La macelleria fatta a cinema, ma senza l'ironia di un Bad Taste. Violent Shit: la storia di Karl che ammazza tutti quelli che incontra per strada. Violent Shit II: la storia di Karl Junior figlio di Karl che ammazza tutti quelli che incontra per strada. Violent Shit III: la storia di Karl e di Karl Jr. che assieme ai loro seguaci VORREBBERO ammazzare tutti quelli che incontrano per strada, ma sono in un'isola e alla fine vengono tutti uccisi da due emuli di Bruce Lee. Vi chiederete: a parte le risate, a parte la passione per lo splatter, perche' mai si dovrebbe vedere un film mal girato e con attori dilettanti ? Semplice. Violent Shit, come tante altre pellicole del genere, permette di staccare la spina del cervello. Di annegare tutti i pensieri in una marea di sangue e frattaglie. In fondo il mondo reale e' molto peggio di un Karl Butcher che scanna chiunque gli capiti a tiro. Il mondo e' una lotta quotidiana per portare una spicciolata di visitatori in più sul proprio sito o per un passaggio pubblicitario in più; battaglie di principio e di principi, personaggi famosi che hanno spasmi di dolore nelle tombe per l'uso improprio delle loro frasi; politici tristi, campagne elettorali che sembrano campagne di guerra; gente che invece di pensare a coltivare il loro giardino(cit. Candido) e di vivere una vita serena, riempiono la loro esistenza di futilità. Se un giorno gli zombie ci attaccassero davvero, non varrebbe la pena di combattere. Anzi, gli uomini stessi cercherebbero di usare gli zombie per fare fuori la fazione opposta, prima di essere divorati loro stessi. Anzi, gli zombie non ci mangerebbero neppure. Ci schiverebbero, per paura di essere contagiati loro stessi. Da quell'essere mostruoso e repellente chiamato uomo.
Mi sto chiedendo chi siano, i veri cannibali. (Harold Monroe)

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …