Passa ai contenuti principali

Film Horror: Apocalypse Domani

Dopo Nightmare III, e' il momento del "culto". Perche' come detto giustamente da Filippo, "Non si guardano Horror. Si guardano Horror culto". Tuffo negli anni '80 con Apocalypse Domani aka Cannibal Apocalypse aka I cacciatori di carne aka Hanno rotto i maroni con tutti questi titoli. Apocalypse domani: una genialita della produzione per sottolineare quanto questa pellicola potesse costituire un sequel in salsa horror di Apocalypse Now. Cannibal Apocalypse: un titolo che meglio rappresenta questo film di Antonio Margheriti aka Anthony Dawson. In poche parole, un battaglione di soldati USA ad inizio film fa irruzione in un avanposto vietnamita facendo strage dei nemici. Fin qui un film di guerra. Poi ad un certo punto si vede una donna bruciata dalla fiamme cadere in una buca dove sono imprigionati due soldati americani ed ecco la sorpresa: i due, Bukowski e Thompson, si gettano sulla donna, la spogliano e..la mangiano. Il capitano Hopper li libera, ma li trova intenti a sgranocchiare pezzi di carne ben arrostita. In poche parole il film ruota su un'epidemia..di cannibalismo. Uomini contro uomini-cannibali nella città, invece del solito uomini contro Zombie. E gli uomini-cannibali che presto diventano prede dei cacciatori, degli uomini normali che li vogliono naturalmente far fuori. Coglionata del film: i due reduci iniziano una catena di contagio, propagando un virus vero e proprio; il virus del cannibalismo, dovuto ad un'alterazione del sangue, dovuta a sua volta un'alterazione genetica. Ok, contenete le risate. Vero, Margheriti copia (o si ispira..) a piu' non posso: Apocalypse Now, Rambo, L'alba dei morti viventi, Zombie ecc. ecc. Però realizza un film più che dignitoso, con una sotto-trama poco sviluppata, ma interessante (non faccio spoiler :D), con alcuni spunti interessanti (la scena del supermercato), con momenti splatter degni di nota (Lombardo Radice aka Bukoswki che sega la gamba di un benzinaio per procurarsi la merenda da consumare durante la fuga in auto; Lombardo Radice che sbulba con le dita un bulletto; Lombardo Radice che viene trapassato da colpi di fucili a pompa che gli aprono una voragine nello stomaco), con un John Saxon (visto qualche minuto prima in Nightmare III !) che giganteggia, elevandosi rispetto alla recitazione standard del genere, qualche figona, tanta azione e pochi momenti di fiacca e di noia.  Ah dimenticavo, l'elenco degli "aka":
Apocalypse Domani
Apocalipse Cannibal
Apocalipsis canì­bal (Spain)
Apocalisse domani (Italy)
Cannibal Apocalipsis
Cannibal Apocalypse
Cannibal Massacre
Cannibals in the City
Cannibals in the Street
Invasion of the Fleshhunters
Savage Apocalypse
Savage Slaughterers
The Cannibals Are in the Streets
The Slaughterers
Virus (Spain)

Sticazzi ! Image and video hosting by TinyPic

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …