Dicevamo di Paola e Chiara...

Dicevo dunque dell'intervista a Paola e Chiara. Le sorelle Iezzi si esibiranno sabato sera al Velvet di Rimini per "Retropolis", la rassegna su i fantastici '80 e '90. Dopo aver divorato avidamente un piattone di riso (ovviamente ho mezzo stomaco appesantito e l'altra metà che reclama nutrimento), squilla il telefono. E' il manager di Paola e Chiara. "Siccome le ragazze sono impegnatissime con le prove, andrebbe bene oggi alle 14?". Il solito culo. Una volta che trovo un personaggio famoso da intervistare ad un orario umano e con un certo anticipo rispetto al giorno dell'esibizione, sto male. E faccio fare anche una figura da barbone alla Radio. Come posso spiegare che trascorso il turno della mattina della Grazia, se non ci sono io il pomeriggio "ciccia ciccia" telefoniche ? Ci riaggiorniamo a domani, bene. Paola e Chiara dunque. Inserite a pieno titolo tra i simboli degli anni '90. Si legge infatti sul volantino:
"Trainspotting e Pulp Fiction, Spice Girls e All Saints, Nirvana e Soundgarden, Oasis e Blur, Pulp e Suede, Naftalina e Prozac+, Pilots e Primalinea, Pulp Fiction e Le Iene, Max Pezzali e Mauro Repetto, Rage Against The Machine e Korn, Take That e Backstreet Boys, Alberto Tomba e Paul Accola, NoFx e Rancid, Beverly Hills e Melrose Place, Pavement e dEUS, I…ce Mc e Alexia, Ruud Gullit e Marco Van Basten, Marco Pantani e Miguel Indurain, (l’estate italiana di) Edoardo Bennato e Gianna Nannini, Barbie Girl… e tutto quello a cui nessuno ha piu’ pensato!".
Un bel mischione, in effetti. In realtà si sa che verso il 1997 l'introduzione di Internet e' stato il confine tra i fantasmagorici '80-'90 e il triste, nuovo, millennio, compresi gli ultimi anni della decade '90. Perche' nel triennio '97-'99 certi miti dei '90 erano oramai un ricordo lontanissimo. Basti pensare al mitico "Film del campionato" del Guerin Sportivo. Ok, non c'entra un cazzo. Giusto, ma perche' tutta questa frenesia per intervistare Paola e Chiara ? Beh pochi sanno che in camera ho ancora il loro autografo, ai tempi degli 883, quando vennero in quel di Verucchio a girare il video di "Una canzone d'Amore". Era il '95, o forse il '96, stava finendo appunto un'epoca. Il tempo dei grandi cartoni animati americani e della Filmation's, dei Lego e dei pomeriggi passati a giocare con il Commodore 64, stava terminando. Incominciava quella fottuttissima adolescenza fatta di brufoli, ormoni e di reale conoscenza del mondo. Quel mondo così diverso da come te lo eri immaginato nei tuoi giochi, nei tuoi programmi televisivi, nei tuoi sogni. Di quegli anni sarebbe rimasto qualcosa, chiuso in una stanza nel Dream Hotel. Paola e Chiara, che all'epoca erano due bravissime musiciste acqua e sapone, decisero poi di separarsi dagli 883 e iniziarono una loro carriera "solista". Alti e bassi, forse piu' bassi che alti, tanti cambi di look, qualche porcellonata che non fa mai male, il famoso video di Kamasutra che alla fine rispetto a certi video di oggi di Lady Gaga e' praticamente un cartone animato. Mi piace la musica di Paola e Chiara ? No, ovviamente. Però restano comunque un simbolo di un'epoca, di un cambiamento. Proprio loro, la cui carriera e' stata sempre un continuo cambiamento.

Commenti

  1. Che sfiga, piove sul bagnato... speriamo che domani tu sia in formissima per l'intervista!

    RispondiElimina
  2. Sentita l'intervista !!
    Ottima !!!
    Sei un adulatore !! XD

    RispondiElimina

Posta un commento